Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Dibattito sulla vita sociale e sui problemi politici.
Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 127791
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Nickognito » ven mag 22, 2020 8:22 pm

Ok, mi fanno stare a casa almeno un'altra settimana, sono super prudenti. In piu', quelli con cui ho un contratto (io sono un esterno, non un dipendente) offrono di rimborsare se uno prende una bici o uno scooter a noleggio (ma forse anche taxi o macchina, con quello che offrono ci sta tutto) se uno ha paura di usare i mezzi pubblici.

A me non riguarda (quando vado posso andare a piedi, vado e torno in meno di mezz'ora), ma si stanno comportando davvero bene

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 15754
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda uglygeek » sab mag 23, 2020 5:17 am

Questo articolo di Forbes descrive una interessante evoluzione del concetto di smart working, che si ricollega a molti dei discorsi da noi fatti nelle pagine precedenti. https://www.forbes.com/sites/jackkelly/ ... 36caf62643

In poche parole, in certi tipi di lavoro, come lo sviluppo del software, lavorare da casa tutto sommato funziona bene, quindi le ditte possono concedere di lavorare da casa quasi sempre. Come avevamo detto, a quel punto pero' non ha piu' senso abitare in citta' costose come San Francisco o New York, o Seattle; rimanendo nella stessa nazione ci si puo' spostare piu' o meno ovunque. Ma i CEO non sono fessi e vogliono pagare meno chi si sposta. Il che ha anche senso perche' effettivamente quando si abita nella Silicon Valley o a Londra le aziende sanno che devono pagare molto perche' una parte del salario serve solo a coprire il costo di vivere li'. Quindi chi sperava di lavorare per una ditta di Milano e vivere a Catanzaro, per esempio, ha sbagliato i suoi conti (ma negli Stati Uniti la differenza nel costo della vita tra uno stato e un altro o tra citta' e campagna e' molto piu' estrema che in Italia, pensate che ci sono ingegneri nella Silicon Valley che guadagnano 200-250mila$ l'anno e vivono comunque in una roulotte per non pagare 4000$ o piu' di affitto).
Poi a quel punto non e' nemmeno detto che si debba rimanere nello stesso paese, ci si puo' trasferire ovunque, anche se poi dal punto di vista legale e fiscale le cose si complicano molto. Ma piu' che altro, non e' piu' necessario che l'ingegnere russo o indiano molli la sua terra per andare a lavorare negli Stati Uniti o a Londra. E' una scelta di vita che non tutti possono fare, per vari motivi, ma ora tutte queste persone entrano di colpo nel mercato del lavoro globale. Dove di conseguenza, come diceva Nickognito, il livello degli stipendi scendera' per tutti.
Non e' nemmeno detto che sia un male per gli italiani, visto che da noi di lavoro non ce n'e' mai stato, e il costo della vita se si escludono alcune grandi citta' non e' poi cosi' elevato, il poter lavorare da remoto per aziende straniere sara' un'opzione interessante.


Forbes ha scritto:It didn’t come as a surprise when Facebook CEO Mark Zuckerberg copied Jack Dorsey, the dual CEO of Twitter and Square. Dorsey previously announced that he’d allow his employees to continue working from home “forever.” Dorsey said, “We want employees to be able to work where they feel most creative and productive.”

On the heels of Dorsey’s announcement, Facebook said this week that it would permit its employees to work remotely too. Zuckerberg isn't known for being warm and cuddly. He’s viewed as a brilliant and tough business person. He clearly sees the trend and benefits of allowing employees to work from home and jumped on the bandwagon. The massive, forced remote-work experiment made by major corporations, during the pandemic, proved a great success. The workers didn’t have to be subjected to long, time-wasting commutes. They were able to take care of and teach their children, as their schools closed, and available to help sick or needy family members.

Companies recognize that their costs will appreciably drop if they’re no longer required to lease pricy real estate in big, overcrowded cities that have high tax rates. They also understand, from a public relations standpoint, that less people driving or taking busses to and from work cuts down on pollution and saves the environment. We’ve all seen by now the before Covid-19 and after photos of cities showing the improvement of the air quality.

Zuckerberg anticipates that a large percentage of his people will work remotely and said, “We’re going to be the most forward-leaning company on remote work at our scale.” While this sounds noble and magnanimous, there’s an underlying threat to workers.

At first blush, Facebook, Twitter, Square and other employees who’ve been offered the chance to work remotely will be delighted that they don’t have to commute, deal with annoying co-workers, endless in-person meetings and their bosses glaring at them.

Some will say that it's not worthwhile to live in San Francisco, Silicon Valley or other cities where rentals and houses cost a fortune. The taxes and cost of living are also too high. Many will leave the cities and move to places that offer more affordable housing, along with a better quality and higher standard of living. This can be boom for many suburbs and warm, sunny low-tax states and a detriment to the cities that throngs of people escape from.

Here’s the Facebook catch: employees will have to tell their boss if they move to a different location. According to Zuckerberg, those who flee to lower-cost cities “may have their compensation adjusted based on their new locations.” He ominously added, “We’ll adjust salary to your location at that point. There’ll be severe ramifications for people who are not honest about this.”

It's becoming clear that the “gift” of remote work may be a wolf in sheep’s clothing. Let’s face facts, Zuckerburg and Dorsey didn’t become multimillionaires because they’re nice. They are sharp, aggressive, genius wolves dressed in T-shirts, jeans and hoodies. They know that a person can work from home in San Francisco, North Dakota, Iowa, Utah, England or India. It's been proven that the available technology, such as Zoom videos, Slack and other products, make it easy to work from anywhere in the world and seamlessly connect with co-workers and managers.

Zuckerberg can now scout for talent all over the country and world. This could be the worst trend for workers, as CEOs arbitrage the best, cheapest job seekers globally. Facebook will source job applicants who possess all of the right skills and experience and live in lower-cost places and pay them less money then they’d receive working in San Francisco. Dorsey was upfront about this stating, “We can get talent anywhere. There’s a lot of folks out there that do not want to move to San Francisco. They feel comfortable working in a much smaller office or just home.”

This will cause a ripple of serious repercussions. Salaries for workers in San Francisco and other large cities may fall due to the introduction of job seekers that weren’t previously considered. Compensation may also be suppressed due to the overhang of over 39 million Americans who are out of work.

It's also telling that Facebook just launched a new group video chat product, Messenger Rooms.This looks like it's specifically designed to compete against Zoom, Skype, Google Meet and Microsoft Teams. Conveniently, Facebook’s own employees can create a video chat room and invite up to 50 people to join a video call. It will make it easier for their remote workers and also steal market share from Zoom, which has become the Covid-19 breakout success story.

A large number of companies, including Morgan Stanley, JPMorgan, Capital One, Amazon, Microsoft, Zillow and others have all announced that they’ll extend their work-from-home programs. They most likely will follow Zuckerberg and Dorsey’s lead by seeking out talent that live in lower-cost places, so they can bring down their costs. In light of the economic hit companies have taken due to the effects of Covid-19, saving money has become a top priority.

On the flip side, there is some positive news. Job seekers will have more opportunities—albeit along with greater competition—as they can apply to jobs anywhere in the United States. If you see a job advertisement for a position outside of where you reside, feel free to submit your résumé. The odds are that most companies will adopt this remote-work strategy and consider candidates from various locations. This trend will free you from being relegated to only applying to jobs within commuting distance.

This power move by Zuckerberg could be the biggest game changer for the job market coming out of the Covid-19 pandemic.
Se nel 1946 i nostri padri avessero deciso di spendere i dollari del Piano Marshall in redditi di cittadinanza, non avrebbero fatto dell’Italia una grande potenza industriale. [Aldo Cazzullo]

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 127791
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Nickognito » sab mag 23, 2020 8:17 am

Va ache detto che in quelle citta' poi i costi di immobii e affitti diminuira' (soprattutto se non sono turistiche o se il turismo dovesse rimanere in crisi per il virus, ma quest'ultima cosa e' improbabile).

Il discorso e' che per adesso non credo che cambieranno i costi e gli stipendi in una intera citta', tranne eccezioni. Quindi potrebbe inizialmente succedere che, sempliceemnte, diminuiranno solo gli stipendi di chi fa lavori in smart working senza altro tipo di compensi sui costi e quelle persone dovranno andare forzatamente a vivere altrove.

Va detto che iio a casa spendo molto molto di piu' .Un po' di bolette, ma molto di cibo. Perche' in ufficio mi mangio riso lenticchie e zucchine, a casa mi mangio il pollo biologico per due persone, ecco :)

Avatar utente
fabio86
Massimo Carbone
Messaggi: 47390
Iscritto il: gio lug 23, 2009 6:53 pm
Località: The Island

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda fabio86 » lun mag 25, 2020 7:01 pm

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/0 ... 1590418544

Su mymag quindi qualcuno ci rientra per forza. :D

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 15754
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda uglygeek » lun mag 25, 2020 7:32 pm

Si` ma non durante i meeting su Zoom :D
Se nel 1946 i nostri padri avessero deciso di spendere i dollari del Piano Marshall in redditi di cittadinanza, non avrebbero fatto dell’Italia una grande potenza industriale. [Aldo Cazzullo]

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 61836
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda tennisfan82 » lun mag 25, 2020 7:38 pm

fabio86 ha scritto:https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/05/25/il-35-degli-uomini-e-il-17-delle-donne-si-masturbano-mentre-sono-in-smartworking-il-sondaggio/5813144/?utm_medium=Social&utm_source=Facebook#Echobox=1590418544

Su mymag quindi qualcuno ci rientra per forza. :D


Mi sembrano percentuali molto basse :D
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Burano
Saggio
Messaggi: 7789
Iscritto il: mer gen 30, 2002 1:00 am
Località: L'Italia che non vuole bene

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Burano » mar mag 26, 2020 8:29 am

Intanto Trenitalia, che a metà marzo ha soppresso una marea di treni, non comunica tempistiche di ripristino dei treni soppressi, vai sul sito e non c'è un programma, un prospetto nulla. Non si deve sapere quando reintegreranno un treno piuttosto che un altro.
Non escludo che non sia disservizio del sito, ma che neppure loro abbiano idea di come muoversi e improvvisino.
Lo voglio rivedere, Fabio

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » mar mag 26, 2020 3:32 pm

uglygeek ha scritto:Questo articolo di Forbes descrive una interessante evoluzione del concetto di smart working, che si ricollega a molti dei discorsi da noi fatti nelle pagine precedenti. https://www.forbes.com/sites/jackkelly/ ... 36caf62643

In poche parole, in certi tipi di lavoro, come lo sviluppo del software, lavorare da casa tutto sommato funziona bene, quindi le ditte possono concedere di lavorare da casa quasi sempre. Come avevamo detto, a quel punto pero' non ha piu' senso abitare in citta' costose come San Francisco o New York, o Seattle; rimanendo nella stessa nazione ci si puo' spostare piu' o meno ovunque. Ma i CEO non sono fessi e vogliono pagare meno chi si sposta. Il che ha anche senso perche' effettivamente quando si abita nella Silicon Valley o a Londra le aziende sanno che devono pagare molto perche' una parte del salario serve solo a coprire il costo di vivere li'. Quindi chi sperava di lavorare per una ditta di Milano e vivere a Catanzaro, per esempio, ha sbagliato i suoi conti (ma negli Stati Uniti la differenza nel costo della vita tra uno stato e un altro o tra citta' e campagna e' molto piu' estrema che in Italia, pensate che ci sono ingegneri nella Silicon Valley che guadagnano 200-250mila$ l'anno e vivono comunque in una roulotte per non pagare 4000$ o piu' di affitto).
Poi a quel punto non e' nemmeno detto che si debba rimanere nello stesso paese, ci si puo' trasferire ovunque, anche se poi dal punto di vista legale e fiscale le cose si complicano molto. Ma piu' che altro, non e' piu' necessario che l'ingegnere russo o indiano molli la sua terra per andare a lavorare negli Stati Uniti o a Londra. E' una scelta di vita che non tutti possono fare, per vari motivi, ma ora tutte queste persone entrano di colpo nel mercato del lavoro globale. Dove di conseguenza, come diceva Nickognito, il livello degli stipendi scendera' per tutti.
Non e' nemmeno detto che sia un male per gli italiani, visto che da noi di lavoro non ce n'e' mai stato, e il costo della vita se si escludono alcune grandi citta' non e' poi cosi' elevato, il poter lavorare da remoto per aziende straniere sara' un'opzione interessante.


Forbes ha scritto:It didn’t come as a surprise when Facebook CEO Mark Zuckerberg copied Jack Dorsey, the dual CEO of Twitter and Square. Dorsey previously announced that he’d allow his employees to continue working from home “forever.” Dorsey said, “We want employees to be able to work where they feel most creative and productive.”

On the heels of Dorsey’s announcement, Facebook said this week that it would permit its employees to work remotely too. Zuckerberg isn't known for being warm and cuddly. He’s viewed as a brilliant and tough business person. He clearly sees the trend and benefits of allowing employees to work from home and jumped on the bandwagon. The massive, forced remote-work experiment made by major corporations, during the pandemic, proved a great success. The workers didn’t have to be subjected to long, time-wasting commutes. They were able to take care of and teach their children, as their schools closed, and available to help sick or needy family members.

Companies recognize that their costs will appreciably drop if they’re no longer required to lease pricy real estate in big, overcrowded cities that have high tax rates. They also understand, from a public relations standpoint, that less people driving or taking busses to and from work cuts down on pollution and saves the environment. We’ve all seen by now the before Covid-19 and after photos of cities showing the improvement of the air quality.

Zuckerberg anticipates that a large percentage of his people will work remotely and said, “We’re going to be the most forward-leaning company on remote work at our scale.” While this sounds noble and magnanimous, there’s an underlying threat to workers.

At first blush, Facebook, Twitter, Square and other employees who’ve been offered the chance to work remotely will be delighted that they don’t have to commute, deal with annoying co-workers, endless in-person meetings and their bosses glaring at them.

Some will say that it's not worthwhile to live in San Francisco, Silicon Valley or other cities where rentals and houses cost a fortune. The taxes and cost of living are also too high. Many will leave the cities and move to places that offer more affordable housing, along with a better quality and higher standard of living. This can be boom for many suburbs and warm, sunny low-tax states and a detriment to the cities that throngs of people escape from.

Here’s the Facebook catch: employees will have to tell their boss if they move to a different location. According to Zuckerberg, those who flee to lower-cost cities “may have their compensation adjusted based on their new locations.” He ominously added, “We’ll adjust salary to your location at that point. There’ll be severe ramifications for people who are not honest about this.”

It's becoming clear that the “gift” of remote work may be a wolf in sheep’s clothing. Let’s face facts, Zuckerburg and Dorsey didn’t become multimillionaires because they’re nice. They are sharp, aggressive, genius wolves dressed in T-shirts, jeans and hoodies. They know that a person can work from home in San Francisco, North Dakota, Iowa, Utah, England or India. It's been proven that the available technology, such as Zoom videos, Slack and other products, make it easy to work from anywhere in the world and seamlessly connect with co-workers and managers.

Zuckerberg can now scout for talent all over the country and world. This could be the worst trend for workers, as CEOs arbitrage the best, cheapest job seekers globally. Facebook will source job applicants who possess all of the right skills and experience and live in lower-cost places and pay them less money then they’d receive working in San Francisco. Dorsey was upfront about this stating, “We can get talent anywhere. There’s a lot of folks out there that do not want to move to San Francisco. They feel comfortable working in a much smaller office or just home.”

This will cause a ripple of serious repercussions. Salaries for workers in San Francisco and other large cities may fall due to the introduction of job seekers that weren’t previously considered. Compensation may also be suppressed due to the overhang of over 39 million Americans who are out of work.

It's also telling that Facebook just launched a new group video chat product, Messenger Rooms.This looks like it's specifically designed to compete against Zoom, Skype, Google Meet and Microsoft Teams. Conveniently, Facebook’s own employees can create a video chat room and invite up to 50 people to join a video call. It will make it easier for their remote workers and also steal market share from Zoom, which has become the Covid-19 breakout success story.

A large number of companies, including Morgan Stanley, JPMorgan, Capital One, Amazon, Microsoft, Zillow and others have all announced that they’ll extend their work-from-home programs. They most likely will follow Zuckerberg and Dorsey’s lead by seeking out talent that live in lower-cost places, so they can bring down their costs. In light of the economic hit companies have taken due to the effects of Covid-19, saving money has become a top priority.

On the flip side, there is some positive news. Job seekers will have more opportunities—albeit along with greater competition—as they can apply to jobs anywhere in the United States. If you see a job advertisement for a position outside of where you reside, feel free to submit your résumé. The odds are that most companies will adopt this remote-work strategy and consider candidates from various locations. This trend will free you from being relegated to only applying to jobs within commuting distance.

This power move by Zuckerberg could be the biggest game changer for the job market coming out of the Covid-19 pandemic.

Interessante. Da punto di vista 'micro' baratterei diversi eurini di stipendio in cambio della possibilità di tenere il culo a casa; hai voglia, per me ha un valore importante (per dirne una, ma non l'ultima per importanza: anche ieri, e lo stesso domani, oretta di tennis al circolo alle 18.30, l'orario perfetto: e chi se lo sognava, prima? Prima delle 20 era impossibile, con tutto ciò che segue sul ritmo di vita...)
Macro-view: gli effetti sul mercato del lavoro come descritti nell'articolo: boh, rispetto ad esempio al trend dell'automazione si tratta, comunque, mi pare, di quisuilie (anzi: sarebbe anche interessante ragionare come i due trend possono coevolvere: di primo acchito, minor costo del lavoro umano, minore incentivo alla sostituzione con le macchine, ma non so quanto sia rilevante). Invece mi sembra interessante l'effetto potenziale rispetto alla tendenza all'urbanizzazione: potrebbe essere frenata, e non credo che sarebbe necessariamente un male.
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » mar mag 26, 2020 3:32 pm

fabio86 ha scritto:https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/05/25/il-35-degli-uomini-e-il-17-delle-donne-si-masturbano-mentre-sono-in-smartworking-il-sondaggio/5813144/?utm_medium=Social&utm_source=Facebook#Echobox=1590418544

Su mymag quindi qualcuno ci rientra per forza. :D

:oops:
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » mar mag 26, 2020 3:32 pm

uglygeek ha scritto:Si` ma non durante i meeting su Zoom :D

Che educanda che sei 8) :D
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » mar mag 26, 2020 3:35 pm

Burano ha scritto:Intanto Trenitalia, che a metà marzo ha soppresso una marea di treni, non comunica tempistiche di ripristino dei treni soppressi, vai sul sito e non c'è un programma, un prospetto nulla. Non si deve sapere quando reintegreranno un treno piuttosto che un altro.
Non escludo che non sia disservizio del sito, ma che neppure loro abbiano idea di come muoversi e improvvisino.

A me è arrivata una mail, ieri, 3 giorni prima della partenza prevista, ho chiesto il rimborso compilando un form sulla pagina linkata, come da indicazioni. Ora resto nell'attesa, ma con poche speranze. Anche perché intanto stamattina mi è arrivato il solito pro-memoria di viaggio per domani... :roll:

(era il treno per Bologna, dove avrei dovuto prendere l'aereo per Paris, destinazione Roland Garros... :cry: )
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 49223
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Johnny Rex » mar mag 26, 2020 3:37 pm

A Degustare formaggio e champagnino con Lyndon, come no :)

F.F.
Nasty ha scritto:
Dino non sbagliava mai le finali, lui no. Non zoff


Nickognito ha scritto:Ho Licenziato per molto meno .

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » mar mag 26, 2020 3:38 pm

Monheim ha scritto:Pensa te se doveva arrivare una pandemia per avere il periodo migliore della mia vita lavorativamente parlando.

Fratello. 8)
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » mar mag 26, 2020 3:39 pm

Johnny Rex ha scritto:A Degustare formaggio e champagnino con Lyndon, come no :)

F.F.

Chi ha fatto la spia? :x
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
Ombra84
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 29437
Iscritto il: sab mag 19, 2007 1:30 pm
Località: Anacapri

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Ombra84 » mar mag 26, 2020 4:04 pm

BackhandWinner ha scritto:
Monheim ha scritto:Pensa te se doveva arrivare una pandemia per avere di nuovo Backhand sul forum.

8)
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.
.

dsdifr ha scritto:Nel primo set della messa lei dichiarerà di voler sposare Istomin, poi piano piano Andreas riguadagnerà' terreno fino al lieto fine.

Avatar utente
pocaluce
PocoIlluminato
Messaggi: 12182
Iscritto il: mar dic 18, 2001 1:00 am
Località: Cinecittà, Roma

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda pocaluce » mar mag 26, 2020 4:15 pm

BackhandWinner ha scritto:
Johnny Rex ha scritto:A Degustare formaggio e champagnino con Lyndon, come no :)

F.F.

Chi ha fatto la spia? :x


giusto perché c'è lyndon che è persona di un certo livello, sennò tu come minimo finivi alla prima brasserie di boulogne a bere un crémant da 4,99 € del carrefour e un cacio del mese scorso... :D
A lot of people say, "Yeah, I like Dennis Rodman," but they don't really mean that. I'm a big Dennis Rodman fan. I've been a Rodman fan since 1998 when he was in all his controversy, so that's never going to change.

Grass
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 732
Iscritto il: mar dic 10, 2002 3:21 pm

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Grass » mar mag 26, 2020 4:32 pm

BackhandWinner ha scritto: Invece mi sembra interessante l'effetto potenziale rispetto alla tendenza all'urbanizzazione: potrebbe essere frenata, e non credo che sarebbe necessariamente un male.


come no!
Villettopoli selvaggia, due auto a famiglia come minimo (si certo, spesa online, ma lo spritz, nell'orrido sprawl veneto, vorrai andartelo a prendere al bar no?), una stufa a pellet per casa.... Poi mi verrà in mente qualcos'altro di negativo :D :D :D

Avatar utente
fabio86
Massimo Carbone
Messaggi: 47390
Iscritto il: gio lug 23, 2009 6:53 pm
Località: The Island

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda fabio86 » mar mag 26, 2020 5:29 pm

BackhandWinner ha scritto:
fabio86 ha scritto:https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/05/25/il-35-degli-uomini-e-il-17-delle-donne-si-masturbano-mentre-sono-in-smartworking-il-sondaggio/5813144/?utm_medium=Social&utm_source=Facebook#Echobox=1590418544

Su mymag quindi qualcuno ci rientra per forza. :D

:oops:


#100#

BackhandWinner ha scritto:
Burano ha scritto:Intanto Trenitalia, che a metà marzo ha soppresso una marea di treni, non comunica tempistiche di ripristino dei treni soppressi, vai sul sito e non c'è un programma, un prospetto nulla. Non si deve sapere quando reintegreranno un treno piuttosto che un altro.
Non escludo che non sia disservizio del sito, ma che neppure loro abbiano idea di come muoversi e improvvisino.

A me è arrivata una mail, ieri, 3 giorni prima della partenza prevista, ho chiesto il rimborso compilando un form sulla pagina linkata, come da indicazioni. Ora resto nell'attesa, ma con poche speranze. Anche perché intanto stamattina mi è arrivato il solito pro-memoria di viaggio per domani... :roll:

(era il treno per Bologna, dove avrei dovuto prendere l'aereo per Paris, destinazione Roland Garros... :cry: )


Io aspetto ancora due rimborsi di Marzo e Aprile.
In questa situazione mi hanno detto che se ne parla entro 90 giorni, almeno. :)

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 15754
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda uglygeek » mar mag 26, 2020 9:21 pm

Se nel 1946 i nostri padri avessero deciso di spendere i dollari del Piano Marshall in redditi di cittadinanza, non avrebbero fatto dell’Italia una grande potenza industriale. [Aldo Cazzullo]

Avatar utente
Mr Moonlight
Illuminato
Messaggi: 4511
Iscritto il: sab ago 23, 2008 10:29 pm
Località: Tuscany

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Mr Moonlight » mar mag 26, 2020 10:19 pm

Intanto interessante la "classifica" dell'infezione da Covid19: al primo posto vi sono tre paesi i cui governanti non brillano certo per idee democratiche.
Non oso immaginare come saremmo ridotti in Italia se avessimo avuto le destre al governo (Salvini, Meloni, Renzi, ecc).
Bello vedere Sallusti, Porro, Giordano e compagnia cantante urlare imbufaliti e dare del fascista a Beppuccio il quale, sia chiaro, avrebbe potuto fare anche meglio.
Non so se sono coglioni volutamente o hanno un secondo fine. Loveboat, che ne dici? :roll:

Avatar utente
Mr Moonlight
Illuminato
Messaggi: 4511
Iscritto il: sab ago 23, 2008 10:29 pm
Località: Tuscany

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Mr Moonlight » mar mag 26, 2020 10:23 pm

Burano ha scritto:Intanto Trenitalia, che a metà marzo ha soppresso una marea di treni, non comunica tempistiche di ripristino dei treni soppressi, vai sul sito e non c'è un programma, un prospetto nulla. Non si deve sapere quando reintegreranno un treno piuttosto che un altro.
Non escludo che non sia disservizio del sito, ma che neppure loro abbiano idea di come muoversi e improvvisino.

Lungi da me difendere Trenimerda, ma l'autobus che prende mia moglie sia all'andata che al ritorno è stato affiancato da un altro. Sono Busitalia, che sostituiscono i treni. All'interno vi sono i posti accanto al corridoio non accessibili e mia moglie dice che spesso l'autobus odora di pulito. C'è da dire che sono quasi sempre vuoti entrambi (partenza 9.25 e ritorno 13.40)

Avatar utente
Gios
FooLminato
Messaggi: 14095
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Falcade

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Gios » mer mag 27, 2020 8:40 am

Grass ha scritto:
BackhandWinner ha scritto: Invece mi sembra interessante l'effetto potenziale rispetto alla tendenza all'urbanizzazione: potrebbe essere frenata, e non credo che sarebbe necessariamente un male.


come no!
Villettopoli selvaggia, due auto a famiglia come minimo (si certo, spesa online, ma lo spritz, nell'orrido sprawl veneto, vorrai andartelo a prendere al bar no?), una stufa a pellet per casa.... Poi mi verrà in mente qualcos'altro di negativo :D :D :D



#177#

Il virus ci ha galantemente fornito la soluzione alla proliferazione urbana, semiurbana, dello sprawl e delle villae: l'estinzione della metastasi umana.

Speriamo prima o poi di capirlo anche noi.
Nickognito ha scritto:niente qui R sta salendo ogni giorno dal 27 aprile, la curva e' risalita ormai con un trend permanente. La riapertura, anche parziale, non funziona. E tra 10 giorni rivoluzione con riapertura totale.

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 12800
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda paoolino » mer mag 27, 2020 1:27 pm

Ciao,

per chi fosse interessato domani alle ore 10 la mia azienda presenterà in conferenza stampa on line con Fabrizio Pregliasco i risultati di una ricerca sull'impatto della pandemia e le potenziali modifiche degli stili di vita e di consumo della popolazione italiana.

Trasmetteremo anche in diretta youtube:

https://youtu.be/kL7mV7bUpOo
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 11671
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Rosewall » mer mag 27, 2020 2:39 pm

complimenti!! *





* cioè, prima vediamo... :D
"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".

tuborovescio
Saggio
Messaggi: 9396
Iscritto il: mer dic 17, 2008 5:30 pm
Località: Colorado

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda tuborovescio » mer mag 27, 2020 2:40 pm

ho letto trotteremo anche in diretta,
travolto dai cavalli ottimisti :lol:

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 20224
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda alessandro » mer mag 27, 2020 3:10 pm

paoolino ha scritto:Ciao,

per chi fosse interessato domani alle ore 10 la mia azienda presenterà in conferenza stampa on line con Fabrizio Pregliasco i risultati di una ricerca sull'impatto della pandemia e le potenziali modifiche degli stili di vita e di consumo della popolazione italiana.

Trasmetteremo anche in diretta youtube:

https://youtu.be/kL7mV7bUpOo


Fai conto che ogni 10 collegati 7 ascoltano distrattamente e 3 si stanno mast... stando all’articolo postato ieri
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » gio mag 28, 2020 2:43 pm

pocaluce ha scritto:
BackhandWinner ha scritto:
Johnny Rex ha scritto:A Degustare formaggio e champagnino con Lyndon, come no :)

F.F.

Chi ha fatto la spia? :x


giusto perché c'è lyndon che è persona di un certo livello, sennò tu come minimo finivi alla prima brasserie di boulogne a bere un crémant da 4,99 € del carrefour e un cacio del mese scorso... :D

Lyndon cosa? :roll: :D
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 12800
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda paoolino » gio mag 28, 2020 2:49 pm

paoolino ha scritto:Ciao,

per chi fosse interessato domani alle ore 10 la mia azienda presenterà in conferenza stampa on line con Fabrizio Pregliasco i risultati di una ricerca sull'impatto della pandemia e le potenziali modifiche degli stili di vita e di consumo della popolazione italiana.

Trasmetteremo anche in diretta youtube:

https://youtu.be/kL7mV7bUpOo


non sapendo se avete avuto modo di collegarvi alla conferenza, penso di fare cosa gradita inviandovi i link a

• un video reporting dei risultati: https://www.youtube.com/watch?v=Yj8_M3sNW38

• l’intera conferenza stampa di questa mattina: https://youtu.be/fdl-2TnrmBI

ciao
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 12800
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda paoolino » gio mag 28, 2020 3:46 pm

Organizzando la video conferenza mi è venuta un'idea:

potremmo fare un topic mymag in video conferenza.

Magari cercando di avere chiaky ed nk7 insieme.
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 127791
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Nickognito » gio mag 28, 2020 3:52 pm

posso mandarvi un video dove parlo tre ore di Gegia.

Avatar utente
ReKal
Membro
Messaggi: 298
Iscritto il: lun apr 02, 2007 3:18 pm
Località: Dauntaun Comm

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda ReKal » gio mag 28, 2020 4:09 pm

Da noi è già iniziata la corsa a far rientrare le persone il più possibile in azienda sotto l’occhio vigile del padrone.

Smartworking?
Un incidente di percorso da chiudere al più presto anche quando dati oggettivi dimostrano che sarebbe stato vantaggioso tanto per il lavoratore (vabbè, sappiamo quanto conti) quanto per l’azienda (ma la paura di perdere il controllo è troppo forte).

Per me resterà pochissimo di questa esperienza, la Brianza velenosa non si smentisce mai…
RK

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 15754
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda uglygeek » gio mag 28, 2020 4:45 pm

Che motivazioni dà l’azienda per sopprimere lo smart working se ha dato buoni risultati?
Oltretutto in questa fase si assoggettano al rischio di denunce se uno dei loro lavoratori ne contagia un altro.
Se nel 1946 i nostri padri avessero deciso di spendere i dollari del Piano Marshall in redditi di cittadinanza, non avrebbero fatto dell’Italia una grande potenza industriale. [Aldo Cazzullo]

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » gio mag 28, 2020 4:49 pm

uglygeek ha scritto:Che motivazioni dà l’azienda per sopprimere lo smart working se ha dato buoni risultati?
Oltretutto in questa fase si assoggettano al rischio di denunce se uno dei loro lavoratori ne contagia un altro.

Semplice: il ritardo culturale (grave). Sarebbe bello vederli sommersi dagli eventi, se esistesse, Taleb permettendo, una 'selezione naturale' di mercato (con tutta la comprensione per i dipendenti, tra i quali il nostro compare forumista).

Da me ancora tutto tace, non si è aperta la faida. Io son pronto alla pugna. #10#
Ultima modifica di BackhandWinner il gio mag 28, 2020 4:50 pm, modificato 1 volta in totale.
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » gio mag 28, 2020 4:49 pm

ReKal ha scritto:Da noi è già iniziata la corsa a far rientrare le persone il più possibile in azienda sotto l’occhio vigile del padrone.

Smartworking?
Un incidente di percorso da chiudere al più presto anche quando dati oggettivi dimostrano che sarebbe stato vantaggioso tanto per il lavoratore (vabbè, sappiamo quanto conti) quanto per l’azienda (ma la paura di perdere il controllo è troppo forte).

Per me resterà pochissimo di questa esperienza, la Brianza velenosa non si smentisce mai…

Settore, if I may ask?
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 15754
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda uglygeek » gio mag 28, 2020 5:12 pm

Ci possono essere anche motivazioni valide, un percepito calo di produttività, problemi di sicurezza delle,informazioni, una ingiusta disparità nella stessa azienda tra chi deve per forza andare in azienda, perché magari lavora con macchine industriali, e chi ha lavoro di ufficio che può fare da casa, ecc... Per questo sarebbe Interessante conoscere le ragioni addotte dalla dirigenza.
Se nel 1946 i nostri padri avessero deciso di spendere i dollari del Piano Marshall in redditi di cittadinanza, non avrebbero fatto dell’Italia una grande potenza industriale. [Aldo Cazzullo]

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » gio mag 28, 2020 5:15 pm

uglygeek ha scritto:Storia del remote-working: https://www.newyorker.com/culture/annal ... =TNY_Daily

"A corner office isn’t as impressive over Zoom" :D Vanitas vanitatum.
Per il resto: sarà che sono ostile alla tesi sostenuta, ma mi sembra argomentata in modo molto modesto. Questo 'kind of magic' che si creerebbe nelle pause caffè non si sa da dove venga né come, né perché. E comunque io non l'ho mai visto. Vedo invece chiaro e palese lo spreco di risorse, tra l'orrore del 'commuting' e gli sfiancanti tempi morti in ufficio (chiacchiericcio e stronzate all over the place).
C'è sicuramente una componente soggettiva: chi vive di queste cose, chi non le sopporta. Contrattiamo e cerchiamo di avvicinarsi all'ottimo paretiano, ecchecazzo. :) (ce n'è anche una oggettiva: lavorassi al MIT o all'Economist probabilmente apprezzerei molto di più la vita d'ufficio, non esattamente uguale a sprecare ore di vita dentro a tre piani scalcagnati nella zona industriale di una periferia di provincia...)

P.S.: ma yahoo non è poi finita comprata per 4 soldi?

P.P.S: yes: https://en.wikipedia.org/wiki/Yahoo!#De ... n_purchase
Marissa, brutta stronza che controlli i log dei dipendenti al server aziendale: ben ti sta #113#
Ultima modifica di BackhandWinner il gio mag 28, 2020 5:17 pm, modificato 1 volta in totale.
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 127791
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Nickognito » gio mag 28, 2020 5:17 pm

Dove lavoro la meta della gente e' tornata. Per lo piu' non credo serva stare in ufficio, e sono prudentissimi, ma in molti casi si (molte cose sono slittate per il covid, anche solo per questioni di sicurezza / segretezza).

Sul discorso produttivita', a meno non siate boh, tutti direttori generali, non so bene come facciate ad esprimervi. Io non ho idea, posso dire che la mia e' salita perche' mi danno piu' cose da fare, ma sarebbe rimasta uguale. Ma di tutti gli altri? Boh, come faccio a saperlo?

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » gio mag 28, 2020 5:22 pm

uglygeek ha scritto:Ci possono essere anche motivazioni valide, un percepito calo di produttività, problemi di sicurezza delle,informazioni, una ingiusta disparità nella stessa azienda tra chi deve per forza andare in azienda, perché magari lavora con macchine industriali, e chi ha lavoro di ufficio che può fare da casa, ecc... Per questo sarebbe Interessante conoscere le ragioni addotte dalla dirigenza.



1) Sul "percepito" non mi sembra sia il massimo prendere delle decisioni. Dal 1600, almeno;
2) Vabbè, la natura del lavoro è un discrimine oggettivo: alcuni totalmente 'teletrasportabili', altri in parte, altri ancora per nulla. Cosa facciamo, impediamo lo smartworking a chi può benissimo farlo perché 'o tutti o nessuno'? La "disparità" tra chi, nel lavoro in presenza in ufficio, lavora al PC e chi pulisce i pavimenti (ok, questi sono esterni di solito. Ma le segretarie, i portieri o gli operai?);
3) Sicurezza delle informazioni: uhm...
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32845
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda BackhandWinner » gio mag 28, 2020 5:46 pm

BackhandWinner ha scritto:
uglygeek ha scritto:Storia del remote-working: https://www.newyorker.com/culture/annal ... =TNY_Daily

"A corner office isn’t as impressive over Zoom" :D Vanitas vanitatum.
Per il resto: sarà che sono ostile alla tesi sostenuta, ma mi sembra argomentata in modo molto modesto. Questo 'kind of magic' che si creerebbe nelle pause caffè non si sa da dove venga né come, né perché. E comunque io non l'ho mai visto. Vedo invece chiaro e palese lo spreco di risorse, tra l'orrore del 'commuting' e gli sfiancanti tempi morti in ufficio (chiacchiericcio e stronzate all over the place).
C'è sicuramente una componente soggettiva: chi vive di queste cose, chi non le sopporta. Contrattiamo e cerchiamo di avvicinarsi all'ottimo paretiano, ecchecazzo. :) (ce n'è anche una oggettiva: lavorassi al MIT o all'Economist probabilmente apprezzerei molto di più la vita d'ufficio, non esattamente uguale a sprecare ore di vita dentro a tre piani scalcagnati nella zona industriale di una periferia di provincia...)

P.S.: ma yahoo non è poi finita comprata per 4 soldi?

P.P.S: yes: https://en.wikipedia.org/wiki/Yahoo!#De ... n_purchase
Marissa, brutta stronza che controlli i log dei dipendenti al server aziendale: ben ti sta #113#


Ups, mi ero perso l'ultima parte dell'articolo (mi sembrava un po' troppo corto per essere un articolo del New Yorker :D).
"Work that is remote-friendly for some may be better work for all": oooh. Eddai che forse ce la facciamo. Forse persino in Italia.
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 127791
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus: chi di voi sta lavorando?

Messaggioda Nickognito » gio mag 28, 2020 5:49 pm

Be chi pulisce i pavimenti con lo smartworking piu' che non poterlo fare semplicemente viene licenziato. :D

Io lo apprezzo molto. Continuo a non capire la miopia di non capire come lo smartworking massiccio non potra' che aumentare la disoccupazione dei paesi dove il costo della vita e' caro.

Avessi un'azienda in italia non vedrei l'ora di chudere l'ufficio a Milano e aprirlo a Tirana, ecco :) Se serve l'italiano, dico, senno ' a Chennai.


Torna a “Politica e società”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti