Giornata della Memoria - 27 gennaio

Dibattito sulla vita sociale e sui problemi politici.
Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 41472
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda Johnny Rex » dom mar 07, 2010 12:57 pm

@Alessandro

Il Punto Uno è fondamentale in chiave San Tommaso ,sotto un duplice aspetto
1a) Il fatto che pare necessario collegare un evento al "lui era là",ragionando con questo metro,ed il fatto che i survivors a breve saranno morti tutti, potrei dire che gli Armeni non furono massacrati dai Turchi perchè io testimoni oculari di quanto accaduto fra 1915 e 1918 non li ho incontrati
1b) A Negazionismo e revisionismo il fatto che vi fossero protagonisti vivi e parlanti non faceva nè caldo nè freddo.
Una Memoria fondata sui testimoni, o che pretende vi sia "qualcuno che c'era o non ci credo" che cavolo di memoria eh? al masismo,una memoria alla 15 minuti stile Memento..

Sul Punto Due ,anche a me parlare di "gita a " non è che entusiasmi, ma va anche detto che sarebbe anche peggio parlare di "viaggio del dolore" ed altri neologismi simili. Siam sempre lì, correlato al quattro ,posso anche commuovermi davanti ai forni ,se poi a casa mi infastidisce che Quel Negro si sieda al mio fianco sul Pullmann potevo anche andare a Camajore.

Il Terzo poi è totalmente vero, sia per le vittime dimenticate (Omosessuali, Geova, Rom) che per la rimozione/spostamento ad altri delle colpe.
Detto che i Nazisti son stati la forza propulsiva dello sterminio, i Rumeni han fatto fuori decine di migliaja di ebrei senza che i Nazi chiedessero loro di farlo, i Croati li hanno ammazati tutti, Baltici idem ,collaborazionisti volenterosi ci son stati in tute le nazioni,Ungheria, Francia, Slovacchia,Italia,vedere nel matto Ralph Fiennes e nel matto Adolfus Hitler i "responsabili del tutto" è da sempre comodo escamotage per coprire le colpe di chi era in mezzo ai cittadini nei singoli stati e ha tratto profitto dal vendere o perseguitare altre persone per poi dire che era tutta colpa solo di "quelli col teschio" (è stato comodo farlo a cominciare dagli Austriaci, figurarsi le altre nazioni..)

il Quarto riassume ed attualizza gli altri,una Memoria che non viva e si attualizzi nel tempo presente non serve ad una beneamata mazza ,puro esercizio culturale storicizzato ed inerte ,Storia intesa in puro senso nozionistico ,in una parola, una Memoria INUTILE.

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

Avatar utente
Janie Jones
Illuminato
Messaggi: 4785
Iscritto il: sab dic 01, 2007 12:44 pm
Località: Palude pontina

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda Janie Jones » dom mar 07, 2010 4:47 pm

Era tanto che non leggevo qualcosa di così lucidamente antiretorico sul tema dell'Olocausto.
Bellissimo articolo.
"If you can keep your head when all around you have lost theirs, then you probably haven't understood the seriousness of the situation."

(David Brent)

Avatar utente
whiterussian
Drugo
Messaggi: 19753
Iscritto il: ven nov 14, 2003 12:50 pm
Località: Macedonia, 356 a.C.

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda whiterussian » dom mar 07, 2010 5:17 pm

C'è da riflettere parecchio dopo questa lettura.

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 10951
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda Rosewall » lun gen 27, 2014 9:42 am

allora, premesso come ogni anno che questa cosiddetta giornata della memoria oscura i massacri di oggi e il genocidio degli indigeni americani e degli armeni e viene strumentalizzata dagli israeliani ed è voluta dall'industria dell'olocausto eccetera (ma mi pare che ci sia tutto), ecco l'articolo buono del giorno ->

http://blog.rubbettinoeditore.it/andrea-minuz/se-questo-e-un-viaggio-auschwitz-nelle-recensioni-di-tripadvisor/

«Nel suo genere di museo dell’orrore non posso non dargli il punteggio massimo, cioè cinque palline»


e quello demenziale -> http://www.ilgiornale.it/news/cultura/litalia-ebbe-leggi-razziali-non-fu-mai-antisemita-986180.html

ma di riconoscere la pietà e la dignità del popolo italiano, che in quella tragedia si comportò con più umanità. Magari in altri casi no, si pensi alla guerra civile, al triangolo rosso, alle stragi d'innocenti o di vaghi sospettati; ma nel Giorno della Memoria della Shoah, ricordiamoci che gli italiani furono meno bestie di tanti altri. Per una volta non denigriamoci.

li deportavamo sì, ma così, con umiltà, senza arroganza.
"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".

Avatar utente
taylorhawkins89
Saggio
Messaggi: 8329
Iscritto il: lun ago 25, 2008 5:18 pm

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda taylorhawkins89 » lun gen 27, 2014 3:07 pm

:lol: :lol:

Avatar utente
Ombra84
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 25664
Iscritto il: sab mag 19, 2007 1:30 pm
Località: Anacapri

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda Ombra84 » lun gen 27, 2014 3:12 pm

:lol: :lol:
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.
.

dsdifr ha scritto:Nel primo set della messa lei dichiarerà di voler sposare Istomin, poi piano piano Andreas riguadagnerà' terreno fino al lieto fine.

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 17949
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda alessandro » mar gen 28, 2014 10:45 am

Ieri una anziana che ha perso la famiglia nei campi di concentramento, diceva che queste cose succedono quando le vittime non vengono più viste come persone ma come problema da risolvere e eliminare per il bene comune e il carnefice non si percepisce come tale ma come patriotta che aiuta i suoi concittadini.

La cosa si può benissimo ripetere. È successo nella ex jugoslavia a gente nostra coetanea.
È successo in Italia fino ad un paio di anni fa'. Dove poveri immigrati sfuggiti da guerre e disperazione venivano caricati, non su vagoni piombati ma su navi e consegnati al dittatore sanguinario gheddafi.

E purtroppo la maggior parte degli italiani ne era ben felice, e un referendum che domandasse OGGI e in ITALIA se si è d'accordo nel caricare tutti gli zingari su treni bestiame e spedirli verso destinazione ignora, quanti si opporrebbero?

Bisogna essere fermi, dire no verso ogni discriminazione, è un piano inclinato dove si pare con piccole cose e se l'ambiente è favorevole non si Sà dove si finisce.

Vedere nell'altro, una persona come noi, che si tratti di uno straniero, di un ebreo, di un musulmano, di uno zingaro o di Verdini. Non è facile ma è l'unica maniera.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
Marco Rodella
Saggio
Messaggi: 6644
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Dime càn ma no 'taliàn

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda Marco Rodella » mar gen 28, 2014 2:40 pm

alessandro ha scritto:
un referendum che domandasse OGGI e in ITALIA se si è d'accordo nel caricare tutti gli zingari su treni bestiame e spedirli verso destinazione ignora, quanti si opporrebbero?



Vuoi la mia risposta o te la lascio immaginare ?
Porta l’amante a casa e trova la moglie a letto con due uomini. Tecnicamente è un full.

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 41472
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda Johnny Rex » mar gen 28, 2014 2:46 pm

Chissà se a Festeggiare il "Giorno della Memoria" sono anche quei francesi, polacchi,olandesi ,slovacchi e tutti gli altri discendenti di quei loro concittadini che a guerra finita agli ebrei sopravvissuti rivolgevano il cameratesco saluto "ancora vivo?" e gli dicevano a malincuore che sì, si ernao impadroniti die loro averi, ma c'era la guerra ed era stupido e controproducente lasciare in mani altrui tnato bend i Dio che loro potevano gestire meglio.

Quelli che li massacrarono in Polonia (Kielce 1946) ed Ungheria, non ridiedero loro case o proprietà in Europa Occidentale, li discriminarono in Slovacchia e mezz'altra Europa, avvicinandoli con piacere in direzione di Israele e USA, finendo così, cinicamente e in maniera quasi involontariamente umanistica, col portare a compimento il progetto nazista di rendere l'Europa più Judenfrei di quanto mai lo fosse stata.

Eh s',come ben nota Rosewall, una giornata che è per ogni nazione anche una celebrazione di autoassolvimento, Gli assassini son sempre stati altri, c'è chi ha ucciso di più, insomma altri sono stati più bestie di noi, sempre e comunque, che siamo italiani, francesi, greci o slovacchi, e per i tedeschi stessi c'erano sempre le SS ed il Partito da responsabilizzare.

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32323
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda BackhandWinner » mer gen 28, 2015 12:22 am

E comunque:

Immagine
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32323
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda BackhandWinner » mer gen 28, 2015 1:56 am

Rosewall ha scritto:allora, premesso come ogni anno che questa cosiddetta giornata della memoria oscura i massacri di oggi e il genocidio degli indigeni americani e degli armeni e viene strumentalizzata dagli israeliani ed è voluta dall'industria dell'olocausto eccetera (ma mi pare che ci sia tutto), ecco l'articolo buono del giorno ->

http://blog.rubbettinoeditore.it/andrea-minuz/se-questo-e-un-viaggio-auschwitz-nelle-recensioni-di-tripadvisor/

«Nel suo genere di museo dell’orrore non posso non dargli il punteggio massimo, cioè cinque palline»

Bello, lo leggo con un anno di ritardo e ti ringrazio per averlo postato.
Bello soprattutto per il suo punto essenziale, sulla memoria a sovradosaggio emotivo. Poi su emozioni e etica si potrebbe discutere per anni.
Non è pertinente, credo, dal punto di vista pedagogico, ma, per quanto riguarda l'esperienza della visita al museo del campo, la risposta emotiva è, comunque, inevitabile. Nella mia esperienza personale, il 'punto di rottura' è stato ad Auschwitz I, nella stanza di uno dei blocchi adibiti a museo dedicata alla deportazione e allo sterminio dei bambini (stima: 200.000). Qualcuno altro invece non riusciva a trattenere le lacrime al racconto della guida, nelle baracche di Birkenau, sulle condizioni di vita dei prigionieri (e delle prigioniere).
Cinque palline...

Rosewall ha scritto:e quello demenziale -> http://www.ilgiornale.it/news/cultura/litalia-ebbe-leggi-razziali-non-fu-mai-antisemita-986180.html

ma di riconoscere la pietà e la dignità del popolo italiano, che in quella tragedia si comportò con più umanità. Magari in altri casi no, si pensi alla guerra civile, al triangolo rosso, alle stragi d'innocenti o di vaghi sospettati; ma nel Giorno della Memoria della Shoah, ricordiamoci che gli italiani furono meno bestie di tanti altri. Per una volta non denigriamoci.

li deportavamo sì, ma così, con umiltà, senza arroganza.

Un classico della distorsione storica dei neofascisti borghesi (i neofascisti proletari passano direttamente al negazionismo, ai latrati e alle mazze), dei quali l'ometto con il cervello pieno dimmmerda che scrive questo articolo è uno dei rappresentanti prototipici (nei casi più gravi, è considerato un intellettuale ('di area'). Sì, è così, anche se non volte crederci).
Bella anche questa roba qui, a modo suo: esemplifica lo spirito del mondo che ha governato l'italietta nel ventennio berlusconiano (e oltre?).
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
PINDARO
Bibliofilo onnisciente
Messaggi: 62325
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm
Località: Iperuranio

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda PINDARO » mer gen 28, 2015 9:24 am

BackhandWinner ha scritto:Un classico della distorsione storica dei neofascisti borghesi (i neofascisti proletari passano direttamente al negazionismo, ai latrati e alle mazze), dei quali l'ometto con il cervello pieno dimmmerda che scrive questo articolo è uno dei rappresentanti prototipici (nei casi più gravi, è considerato un intellettuale ('di area'). Sì, è così, anche se non volte crederci).
Bella anche questa roba qui, a modo suo: esemplifica lo spirito del mondo che ha governato l'italietta nel ventennio berlusconiano (e oltre?).


Marcello Veneziani, che immondizia d'uomo.
Quell'altro infame di Pansa? Non s'è fatto sentire?
Che infinita tristezza.
Ludwig Wittgenstein: «Se pure tutte le possibili domande della scienza ricevessero una risposta, i problemi della nostra vita non sarebbero nemmeno sfiorati»

Albornoz
Massimo Carbone
Messaggi: 17951
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda Albornoz » mer gen 28, 2015 10:12 am

Oh immondizia di forum, fuga di massa degli ebrei dalla Francia.
Mi ricorda qualcosa?

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 41472
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda Johnny Rex » gio gen 29, 2015 9:30 am

Albornoz ha scritto:Oh immondizia di forum, fuga di massa degli ebrei dalla Francia.
Mi ricorda qualcosa?


Infatti, Sta a vedere che ora verso gli ebrei eravamo peggio di Croati e Rumeni :) .
La Realtà è che tanto più massiccio era il controllo tedesco su una determinata zona tanto meno gli ebrei potevano sopravvivere. Si passava da sopravvivenza quasi zero (Balcani ed Europa Orientale) ad altre con più alte possibilità (la Danimarca, per dirne uno, che non a caso era gestita in semiautonomia).

Sulla Giornata della Memoria, piuttosto, quel che mi chiedo è perché non venisse praticata quando molti degli assassini erano belli vivi ed attivi , in Germania, in Austria, e nel resto d'Europa.
Per fare un nome non lontanissimo da qui Julius Hegenbardt , che seminò il terrore nella zona di Tesino e visse serenamente 87 anni (l'Austria non concedette mai l'estradizione)
Del resto, l'Italia non ha consegnato nessuno agli slavi o agli etiopi.
Ha un che di triste (diciamo pure, senza tanti giri di parole, anche di vile) vedere che sia stata ufficializzata ,non a caso, solo dopo la caduta del muro.

In definitiva, potete dire quello che volete su veneziani, ma il suo articolo, in questo caso, è tutt'altro che sbagliato.

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 10951
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: Giornata della Memoria - 27 gennaio

Messaggioda Rosewall » ven nov 24, 2017 5:59 pm

"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".


Torna a “Politica e società”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: pocaluce e 2 ospiti