berlusconi: l'alitalia agli italiani

Dibattito sulla vita sociale e sui problemi politici.
Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 119921
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Nickognito » mer set 25, 2013 8:06 pm

e chi ha detto che state discutendo di questo? :lol: :lol: :lol:
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » gio set 26, 2013 7:22 am

Nickognito ha scritto:e chi ha detto che state discutendo di questo? :lol: :lol: :lol:


Ah boh, pensavo fosse una risposta ai post precedenti... invece a quanto pare era solo un'opinione a sè stante :wink:

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 11087
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Rosewall » sab ott 05, 2013 5:17 pm

Alitalia, averlo saputo prima

Nelle more degli spasmi di Alitalia, che ormai si configura come un “regalo ad orologeria” del grande statista di Arcore, ed attendendo che qualche coniglio esca dal cilindro delle patriottiche “banche di sistema”, oggi vi presentiamo la “soluzione” dei sindacati. E’ -ovviamente- una garanzia di fallimento, ma ve la segnaliamo perché esempio eclatante della mentalità che ha ridotto questo paese un relitto alla deriva dell’economia mondiale, in attesa dell’affondamento liberatorio.

Il segretario nazionale della Filt-Cgil, Mauro Rossi, si entusiasma per la multa inflitta da un tribunale francese a Ryanair, colpevole di non aver rispettato il diritto del lavoro francese. Anni addietro Ryanair aveva infatti assunto personale per una propria base francese (poi chiusa) con contratto di lavoro irlandese. Il motivo è intuitivo: in Francia gli oneri sociali sono al 40-45% , contro solo il 10,75% di quelli irlandesi. In questo modo, secondo i giudici francesi, la compagnia irlandese avrebbe creato condizioni di “dumping sociale”, oltre che danneggiato il sistema della Sicurezza sociale francese, a cui andrà metà della sanzione imposta agli irlandesi, pari 9 milioni di euro. L’accusa aveva chiesto una punizione “esemplare” per Ryanair, con richiesta di danni pari al valore di quattro aerei Boeing 737 utilizzati dalla compagnia nel periodo 2007-2011 nella base incriminata, quella di Marignane, tra Marsiglia ed Aix-en-Provence.

Per parte loro, gli irlandesi si sono difesi sostenendo che gli aerei erano registrati in Irlanda, che tra i 127 dipendenti della base i francesi erano una minoranza e che questa prassi non è mai stata contestata dalla Commissione europea. Ma come entra questa disputa francese nella vicenda della disastrata Alitalia? Entra perché per i sindacati basterebbe diventare un po’ più “francesi” ed i problemi di Alitalia sarebbero risolti. Sostiene Rossi:

«Non servono invenzioni, basta copiare ciò che è in vigore in tutti i paesi d’Europa e solo cosi avrebbe senso l’ennesimo piano di salvataggio di Alitalia. La sentenza del tribunale francese che condanna Ryanair a 10 milioni di euro di danni e di interessi e ad una multa da 200mila euro è una parziale esemplificazione del motivo per cui i francesi hanno ancora una compagnia di bandiera. Nel nostro paese invece, dove la compagnia l’abbiamo persa nel 2008 ed in questi giorni assistiamo alla nuova agonia del vettore nazionale la penetrazione nel mercato domestico dei ‘banditi’ Ryanair che evadono tutte le leggi italiane, non solo quelle del lavoro, ha volumi non confrontabili con il resto d’Europa»

Quindi, ecco il proiettile d’argento: Alitalia va male per colpa delle pratiche elusive di Ryanair. Averlo saputo prima, ci saremmo risparmiati molte angustie ed ancor più denaro dei contribuenti. E noi che pensavamo che Alitalia andasse male a causa di strategie aziendali demenziali, che non hanno fatto che aggravarsi anche dopo la “privatizzazione relazionale” ai Capitani coraggiosi. E se il problema è l’eccesso di concorrenza, ohibò, pensate che Alitalia ha avuto il monopolio della Milano-Roma per tre anni, mettendo a nanna l’Antitrust, peraltro mai troppo vigile.

Chiedere protezione dalla concorrenza pensando che questa sia condizione necessaria e sufficiente per “proteggere” un settore o un “campione” nazionale da errori strategici (per usare un blando eufemismo) esprime la miopia tipica di un paese che continua a considerare la competizione come considera, nel proprio mainstream culturale, il denaro: un peccato inemendabile. Quando questa forma mentis incrocia una “classe dirigente” di predatori, e trova con essa fertile terreno comune nel precetto che il consumatore è solo un pollo da spennare, gli esiti sono quelli che abbiamo tutti sotto gli occhi, quotidianamente.
"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda ciccio » sab ott 05, 2013 5:20 pm

ma il ponte sullo stretto l'hanno già finito ?
è un po' che non vado da quelle parti.....
visti i tempi a disposizione immagino di si
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
Pindaro
Bibliofilo onnisciente
Messaggi: 65060
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm
Località: Iperuranio

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Pindaro » sab ott 05, 2013 5:31 pm

ciccio ha scritto:ma il ponte sullo stretto l'hanno già finito ?
è un po' che non vado da quelle parti.....
visti i tempi a disposizione immagino di si


Dovremmo chiedere a Drazenpetrovic
Ma perché fuorviante???!?

Avatar utente
wiper
Massimo Carbone
Messaggi: 25115
Iscritto il: dom ago 21, 2005 11:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda wiper » lun ott 07, 2013 5:48 pm

PINDARO ha scritto:
ciccio ha scritto:ma il ponte sullo stretto l'hanno già finito ?
è un po' che non vado da quelle parti.....
visti i tempi a disposizione immagino di si


Dovremmo chiedere a Drazenpetrovic


ci sono stato ad agosto giù
i lavori sono già iniziati (cit.)
ImmagineImmagineImmagine

Gios ha scritto:È come la seconda birra quando hai sete e fa caldo: non è quella roba fantastica che è la prima birra, ma è pur sempre birra.

Avatar utente
Andy
Massimo Carbone
Messaggi: 31658
Iscritto il: mar ago 14, 2001 2:00 am
Località: Roma, Vilnius
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Andy » mar ott 08, 2013 12:30 pm

Senza parole #1#

Air France il futuro d’Alitalia? Non credo. Noi abbiamo commesso errori, loro molti di più».
Salvatore Mancuso, vicepresidente della compagnia italiana, non ama la perifrasi. E’ un tipo diretto, che va subito al sodo. Attraverso la sua Equinox possiede il 3,8% del capitale Alitalia. Premette che una delle ragioni che lo hanno indotto a rilasciare questa intervista sono le molte sciocchezze che in questi mesi sono state scritte sulla compagnia e sul perché è nata.

Mancuso, in quale veste preferisce parlare?
«Di azionista di Alitalia che rappresenta un gruppo importante di soci. Di imprenditore che ha investito nella compagnia non solo per il giusto ritorno economico, ma anche perché avevo il desiderio, come molti di noi che voi giornalisti chiamate ironicamente patrioti, di poter fare qualcosa per il mio Paese, consentendogli di preservare una grande infrastruttura strategica».

Le ricordo che fu Silvio Berlusconi a battezzarvi «cordata di patrioti». A proposito, perché contesta che sia stato il suo governo a impedire che i francesi assumessero subito il comando della compagnia? Se non ricordo male, ne fece una questione di italianità.
«Balle. Quando il governo Berlusconi ci chiese di scendere in campo, i francesi avevano già abbandonato il tavolo a causa dell’intransigenza del sindacato che non accettava di ridurre a meno della metà i quasi 20 mila dipendenti della vecchia Alitalia. Incise anche l’esplosione del prezzo del greggio, che in pochi mesi aveva sconvolto i loro piani».

Però è vero che la vostra impresa è costata non poco allo Stato italiano.
«Altra sonora balla. Continuate a scrivere che l’Alitalia dei patrioti è costata 3 miliardi ai contribuenti. Qualcuno di voi dovrà spiegare prima o poi come si arriva a questa cifra. E comunque poi dovrà fare la somma algebrica con quanto abbiamo fatto risparmiare allo Stato italiano. E non credo che il risultato sarà quello che scrivete».

Ci risparmi la fatica, provi lei a mettere in fila i numeri.
«Prima di tutto l’apporto degli azionisti privati: oltre 1 miliardo. Va poi considerato che in origine le persone occupate in Alitalia e Air One erano 21.700. La nostra operazione ha consentito di salvaguardare 15.000 posti di lavoro, quasi il doppio di quanto proponevano i francesi. E’ vero che 5 mila dipendenti hanno beneficiato della cassa integrazione straordinaria, e comunque ci sarebbe stata anche con i francesi, ma di questi, 1.200 sono stati riassorbiti e 1.400 sono stati stabilizzati con contratti a tempo indeterminato. In conclusione, oggi il 92% dei dipendenti Alitalia è a tempo indeterminato e grazie a noi 51.000 famiglie, tra dipendenti diretti e indotto, hanno lavoro stabile. Quanto vale tutto ciò per lo Stato italiano? Per non dire del fatto che abbiamo sollevato il Tesoro dal gravame di perdite (in trent’anni più di 5 miliardi nonostante il greggio costasse pochi dollari) che ogni anno produceva la vecchia Alitalia».

Però i conti non vanno bene e il debito è cresciuto molto. Si dice che in cassa abbiate pochi milioni. E’ solo colpa della congiuntura? Nulla da rimproverarvi?
«Se abbiamo cambiato due volte il management una ragione ci sarà. Quanto al modello di business, ammetto che siamo stati troppo proni alla strategia dei francesi, che hanno sempre spinto per un modello di trasporto regionale. Invece avremmo dovuto puntare da subito sul lungo raggio».

Che cosa chiedete ora al governo?
«Che ci dia una mano a salvaguardare un grande valore strategico per il sistema Italia. D’altro canto, non è forse vero che Air France è posseduta per il 15% dallo Stato francese? Dunque, non mi sembra che si stia chiedendo la luna. Per il governo sarebbe anche l’occasione di mantenere la sovranità su una infrastruttura strategica».

Il premier Letta vuole sondare la disponibilità delle Fs a intervenire nel capitale di Alitalia con una quota di minoranza. Potrebbero essere il partner industriale che cercate?
«Le Fs non sono una compagnia aerea, per cui non potranno mai essere il partner industriale di largo respiro che andiamo cercando. Però è vero che potrebbero esserci interessanti sinergie intermodali».

Di quanto ha bisogno Alitalia per andare avanti?
«Abbiamo varato un aumento di capitale per 250 milioni, di cui 95 già versati attraverso un prestito soci. Completando l’aumento e con nuova finanza per 200-300 milioni da parte delle banche, avremmo tutte le carte in regola per sederci attorno al tavolo con il potenziale partner industriale che, ripeto, non può essere Air France. Con loro sarebbe il fallimento di questa avventura».

I manager di Air France sostengono che l’apporto di capitale che avete di recente deliberato non basterà a rilanciare Alitalia.
«Ho smesso di polemizzare con loro quando ho capito che il loro unico interesse è portarsi a casa Alitalia e il suo straordinario mercato per un tozzo di pane».

Quanti dei 20 azionisti italiani sono pronti a fare la loro parte?
«Non pochi. Ma sono convinto che se il governo ci darà i segnali giusti, nessuno si tirerà indietro. Si tratta di valorizzare un bene d’interesse generale, con un fatturato di oltre 3,6 miliardi, un contributo alla bilancia dei pagamenti per 1,5 miliardi, 25 milioni di passeggeri trasportati ogni anno in tutto il mondo, 650 voli al giorno. Per non dire degli 8,1 milioni di stranieri che trasportiamo in Italia per lavoro o turismo e del fatto che con 141 aeromobili siamo una delle più giovani flotte d’Europa. Saremmo dei pazzi a rinunciare a tutto ciò a favore di Air France».

Proprio non le piacciono i francesi.
«La Francia mi piace molto, è un Paese che ammiro dove si vive molto bene. Non mi piace ciò che vorrebbe fare Air France di Alitalia».

Vale a dire?
«Ridurre l’aeroporto di Fiumicino a terzo hub con un ruolo poco più che regionale causando la perdita di migliaia di posti lavoro, cancellare il nome dell’Italia dalle grandi rotte, impedire lo sviluppo di Alitalia in Africa, un paese che si prepara a diventare un grande mercato. Tutto ciò è inaccettabile. Se pensano di risolvere i loro problemi interni usando la nostra compagnia, si sbagliano di grosso».

Dica la verità, li metterebbe volentieri alla porta.
«Per niente. Sono azionisti di rilievo e se partecipano al rischio aziendale, è giusto che facciano valere le loro opinioni. Purché non siano di danno all’integrità dell’azienda. Piuttosto, ci aiutino a trovare il partner globale giusto e vedranno che le nostre resistenze cadranno come d’incanto».

Quale può essere il partner ideale? Aeroflot o Etihad?
«Aeroflot è senza dubbio una buona opportunità. Ma penso che Etihad darebbe ad Alitalia qualche chance in più. Anzitutto favorirebbe una mutua alimentazione dei rispettivi hub attraverso la canalizzazione su Roma dei flussi provenienti dal Sud Est asiatico. E’ ovvio che in questo scenario, Etihad avrebbe interesse, al contrario di Air France, allo sviluppo dell’aeroporto di Roma considerandolo l’hub di riferimento nel continente europeo».

Quanto dovrebbe investire Etihad in Alitalia?
«Assumerebbe una partecipazione di minoranza, consentendo alla compagnia di mantenere un controllo stabile in mani italiane».

http://www.ilmessaggero.it/economia/ali ... 6174.shtml
"...il vero scopo di un viaggiatore dovrebbe essere quello di migliorare gli uomini di renderli più saggi e di temprarne gli animi con esempi buoni e cattivi, tratti dalla descrizione di terre lontane"

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » mar ott 08, 2013 3:24 pm

Andy ha scritto:Senza parole #1#

Air France il futuro d’Alitalia? Non credo. Noi abbiamo commesso errori, loro molti di più».
Salvatore Mancuso, vicepresidente della compagnia italiana, non ama la perifrasi. E’ un tipo diretto, che va subito al sodo. Attraverso la sua Equinox possiede il 3,8% del capitale Alitalia. Premette che una delle ragioni che lo hanno indotto a rilasciare questa intervista sono le molte sciocchezze che in questi mesi sono state scritte sulla compagnia e sul perché è nata.....


Ma che cazzo sta dicendo questo qua? :lol:
Pensa davvero che le compagnie straniere si stiano stracciando le vesti per acquistare Alitalia? Ma roba da matti... questi fantomatici imprenditori italiani sono sempre più ridicoli. Fanno fallire le aziende per incapacità e poi si aspettano di rivenderle a peso d'oro :roll:

Avatar utente
alcol
Massimo Carbone
Messaggi: 16589
Iscritto il: ven apr 15, 2005 8:53 pm

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda alcol » mar ott 08, 2013 4:01 pm

invece sono geniali, dichiarazioni che fanno intendere di volere un "premio" per farsi da parte.

in italia non saremo bravi a fare impresa, ma insegnamo al mondo come si esce da un'impresa. (buonuscite slegate dai bilanci, bustarelle, scambi di poltrone in cda...)siamo dei maestri, cazzu cazzu!
MyMag si divide in due categorie: chi parla di tennis e chi sparla di tennisti.(cit)

Partito anti-poltronati

Qui siamo uno step più avanti

Avatar utente
drazenpetrovic
Membro
Messaggi: 477
Iscritto il: dom nov 21, 2004 7:43 pm

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda drazenpetrovic » mer ott 09, 2013 3:25 am

PINDARO ha scritto:
ciccio ha scritto:ma il ponte sullo stretto l'hanno già finito ?
è un po' che non vado da quelle parti.....
visti i tempi a disposizione immagino di si


Dovremmo chiedere a Drazenpetrovic


Ti spiego perchè dieci milioni di persone continuano a votare il nano pregiudicato.

Il pd voleva reintrodurre l'IMU sulle "case dei ricchi", quelle con rendita catastale superiore a 750 euro.

783 euro di valore catastale equivale alla periferia di Grugliasco (periferia di Torino),casa popolare,due camere(piccole),cucina bagno più box(tot 63 m2)...la casa di un "ricco"! #103#

Per la sinistra il "ricco" da castigare è solo un povero deficiente che invece che spendere tutto in donne di facili costumi ha avuto la follia di darsi da fare, risparmiare e comprarsi un appartamento in cui campare.

Silvio sbaglia a dire che ci sono ancora i comunisti :)
Per chi non si ricorda chi era Drazen Petrovic...
http://it.youtube.com/watch?v=HPkXkZZsPGw

Avatar utente
drazenpetrovic
Membro
Messaggi: 477
Iscritto il: dom nov 21, 2004 7:43 pm

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda drazenpetrovic » mer ott 09, 2013 3:29 am

drazenpetrovic ha scritto:
PINDARO ha scritto:
ciccio ha scritto:ma il ponte sullo stretto l'hanno già finito ?
è un po' che non vado da quelle parti.....
visti i tempi a disposizione immagino di si


Dovremmo chiedere a Drazenpetrovic


Ti spiego perchè dieci milioni di persone continuano a votare il nano pregiudicato.

Il pd voleva reintrodurre l'IMU sulle "case dei ricchi", quelle con rendita catastale superiore a 750 euro.

Ci sono un sacco di case in periferia di Torino di due camere,cucina e bagno che hanno una rendita catastale superiore a 750 euro...le case dei "ricchi"! #103#

Per la sinistra il "ricco" da castigare è solo un povero deficiente che invece che spendere tutto in donne di facili costumi ha avuto la follia di darsi da fare, risparmiare e comprarsi un appartamento in cui campare.

Silvio sbaglia a dire che ci sono ancora i comunisti :)
Per chi non si ricorda chi era Drazen Petrovic...

http://it.youtube.com/watch?v=HPkXkZZsPGw

Avatar utente
Marco Rodella
Saggio
Messaggi: 6812
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Dime càn ma no 'taliàn

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Marco Rodella » mer ott 09, 2013 8:58 am

Drazen, ma porca di quella tròia putttàna schifosa: ma non ti rendi conto che, togliendo IMU e ICI, che incidevano poco sui bilanci di moltissime famiglie, hanno aumentato accise ed altre tariffe e tasse per cui le hai pagate lo stesso, anzi di più, sotto altre forme ? Con la differenza che quelle avrebbero dovuto essere tasse che rimanevano ai comuni, i quali si sono trovati in bolletta ? Parla con qualsiasi amministratore comunale, di qualsiasi schieramento, e chiedigli cosa pensa dell'abolizione di IMU ed ICI. Ma possibile che non riusciate a capirlo voi berluscones, kazzo ? Dai, un po' di serietà. E poi la tassa sulla proprietà immobiliare c'è praticamente ovunque.
Chiediti invece perchè il vostro padrone, assieme agli altri, non ha fatto nulla per togliere le province, o ancor meglio le regioni, dopo averlo sbandierato per anni; non ha fatto nulla per togliere le municipalizzate dalle mani dei partiti; non ha fatto nulla per abolire doppi e tripli incarichi. Dai su, un po' di onestà intellettuale santo Dio.
Porta l’amante a casa e trova la moglie a letto con due uomini. Tecnicamente è un full.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 119921
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Nickognito » mer ott 09, 2013 9:50 am

Marco Rodella ha scritto:Drazen,ma non ti rendi conto


:D
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

Avatar utente
Pindaro
Bibliofilo onnisciente
Messaggi: 65060
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm
Località: Iperuranio

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Pindaro » mer ott 09, 2013 10:33 am

Nickognito ha scritto:
Marco Rodella ha scritto:Drazen,ma non ti rendi conto


:D
Ma perché fuorviante???!?

Avatar utente
uglygeek
FooLminato
Messaggi: 13189
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda uglygeek » mer ott 09, 2013 1:20 pm

drazenpetrovic ha scritto:[Ti spiego perchè dieci milioni di persone continuano a votare il nano pregiudicato.
Ma e' chiaro che e' una lotta di classe e chi ha i soldi vota per il politico che puo' meglio difendere gli interessi di chi ha i soldi, e che Berlusconi e' particolarmente forte grazie al suo impero mediatico che gli consente di convincere anche molti che non hanno i soldi a votarlo contro i loro stessi interessi.

Di conseguenza non c'e' reato che B. possa commettere che possa far cambiare idea a drazen, e' anche ovvio che sia cosi'. Anche se B. facesse uccidere neonati per mangiarli, per assurdo, cosa cambierebbe? Rimarrebbe sempre il politico che toglie l'IMU.

Bisognerebbe chiedersi se dopo 20 anni di Berlusconi al potere in Italia le cose vadano meglio, ma e' pur sempre una domanda relativa, in generale no ma chi ha i soldi non sta male, quindi... Non e' drazen che dobbiamo convincere, sono tutti gli altri... :-)
«La maggioranza degli uomini è stupida.» [Biante di Priene]
«Se la maggioranza è stupida, come fa una nazione a vantarsi di essere democratica?» [Luciano De Crescenzo]

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 11087
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Rosewall » mer ott 09, 2013 5:56 pm

uglygeek ha scritto:
drazenpetrovic ha scritto:[Ti spiego perchè dieci milioni di persone continuano a votare il nano pregiudicato.
Ma e' chiaro che e' una lotta di classe e chi ha i soldi vota per il politico che puo' meglio difendere gli interessi di chi ha i soldi, e che Berlusconi e' particolarmente forte grazie al suo impero mediatico che gli consente di convincere anche molti che non hanno i soldi a votarlo contro i loro stessi interessi.
in questo caso si parla di ceto medio, dunque un elettorato equi-diviso fra tutte le forze politiche. Un partito serio spiega che quello che risparmiano in IMU lo pagheranno in accise.
Ai proprietari di case più attenti all'equità, magari farebbe notare che la tassazione alternativa all'imu sarebbe regressiva, vale a dire che premierebbe chi possiede un immobile rispetto a chi non lo possiede, e chi ne possiede uno spazioso rispetto a chi ne possiede uno modesto.
E a quegli altri secondo cui la proprietà immobiliare è frutto del lavoro e segno della grazia divina (se poi te l'hanno lasciata i tuoi, vabbé) e chi non ha la casa è perché ha preferito scialare con spumante e caviale, magari a costoro farebbe invece notare come la tassazione alternativa all'imu picchierebbe proprio su quel lavoro di cui la casa è un frutto.
Lo stesso partito, addirittura, potrebbe spendersi per una riforma del catasto.

Invece. Pdl, le accise non sono una vera tassa, via l'imu.
PD: i ricchi devono pagare l'imu, ah no, sono ceto medio, come non detto, via l'imu.
5 stelle: merda, cazzo, siete morti, siete gniente, gniente, via l'imu.
"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda ciccio » mer ott 09, 2013 11:26 pm

L'abolizione delI'MU è solo propaganda politica per farsi votare, fine, chi non l'ha capito crede alle favole.
Drazen, io sono uno dei colpiti dall'IMU abbastanza pesantemente, tassa che ritengo ingiusta, ma
io ti spiegherei perchè nemmeno sotto tortura voterei Berlusca, perchè ha ridotto l'Italia in briciole sotto tutti i punti di vista, anche quello economico, semplice considerazione : inutile togliere l'IMU se non fai nulla per far entrare i soldini nelle nostre tasche, avesse fatto qualcosa li avremmo pure per pagarla.
E' relativamente semplice sia da spiegare che da capire.
Ma i votanti Berlusconi semplicemente non leggono le motivazioni altrui, vere, reali, chiare.
Per cui è inutile che scriva, tanto la colpa verrebbe rimandata ad altri anche con la foto del Berlusca con la pistola in mano.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » ven ott 11, 2013 7:43 am

Niente da fare, anche questa volta abbiamo trovato la "geniale soluzione" per buttare altri soldi in Alitalia :roll:
Leggere poi queste vaccate di Lupi mette davvero tristezza e rabbia: “Ora l’integrazione con il partner straniero può essere affronta da posizioni di parità con una attenta valutazione del piano industriale che va profondamente rivisto, anche tenendo conto del fatto che l’entrata di Poste nel capitale di Alitalia è fattore essenziale della necessaria discontinuità e insieme della stabilizzazione dell’azionariato”. #1#

Avatar utente
wiper
Massimo Carbone
Messaggi: 25115
Iscritto il: dom ago 21, 2005 11:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda wiper » mar ott 15, 2013 3:52 pm

maledetti bastardi!!!
ImmagineImmagineImmagine

Gios ha scritto:È come la seconda birra quando hai sete e fa caldo: non è quella roba fantastica che è la prima birra, ma è pur sempre birra.

Avatar utente
drazenpetrovic
Membro
Messaggi: 477
Iscritto il: dom nov 21, 2004 7:43 pm

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda drazenpetrovic » mer ott 16, 2013 2:50 am

Marco Rodella ha scritto:Drazen, ma porca di quella tròia putttàna schifosa: ma non ti rendi conto che, togliendo IMU e ICI, che incidevano poco sui bilanci di moltissime famiglie, hanno aumentato accise ed altre tariffe e tasse per cui le hai pagate lo stesso, anzi di più, sotto altre forme ? Con la differenza che quelle avrebbero dovuto essere tasse che rimanevano ai comuni, i quali si sono trovati in bolletta ? Parla con qualsiasi amministratore comunale, di qualsiasi schieramento, e chiedigli cosa pensa dell'abolizione di IMU ed ICI. Ma possibile che non riusciate a capirlo voi berluscones, kazzo ? Dai, un po' di serietà. E poi la tassa sulla proprietà immobiliare c'è praticamente ovunque.
Chiediti invece perchè il vostro padrone, assieme agli altri, non ha fatto nulla per togliere le province, o ancor meglio le regioni, dopo averlo sbandierato per anni; non ha fatto nulla per togliere le municipalizzate dalle mani dei partiti; non ha fatto nulla per abolire doppi e tripli incarichi. Dai su, un po' di onestà intellettuale santo Dio.


Allora, andiamo per ordine:
a) preferisco l'aumento delle accise che pagano tutti piuttosto che l'ennesima bastonata su quei gran cretini che hanno avuto la sfrontatezza di risparmiare per comparsi una casa (se poi se ne sono comprate addirittura due o tre la cosa è immorale, per cui ci vorrebbe un bell'esproprio proletario..... :)
b) I comuni non mi fanno pena, in quanto sono anch'essi enormi mangiatoie pubbliche, il Comune di Torino ha tredicimila dipendenti (13.000!!!), tra cui centinaia di "Dirigenti" (di cosa?) pagati un minimo di 70.000 euro (se neanche hanno un incarico) e poi su a salire......ah già, ma i Comuni danno i mitici "servizi", certo che se li fanno pagare bene!
c) Vero, Berlusconi non ha mai tagliato la spesa pubblica, abolito le province etc etc, ma chissà perchè se al suo posto ci fossero stati Vendola - Camusso (senza i quali la sinistra non governa) ho la sensazione che ci sarebbero tante province in più.....magari mi sbaglio eh....
Per chi non si ricorda chi era Drazen Petrovic...

http://it.youtube.com/watch?v=HPkXkZZsPGw

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » mer ott 16, 2013 7:32 am

drazenpetrovic ha scritto:Allora, andiamo per ordine:
a) preferisco l'aumento delle accise che pagano tutti piuttosto che l'ennesima bastonata su quei gran cretini che hanno avuto la sfrontatezza di risparmiare per comparsi una casa (se poi se ne sono comprate addirittura due o tre la cosa è immorale, per cui ci vorrebbe un bell'esproprio proletario..... :)
b) I comuni non mi fanno pena, in quanto sono anch'essi enormi mangiatoie pubbliche, il Comune di Torino ha tredicimila dipendenti (13.000!!!), tra cui centinaia di "Dirigenti" (di cosa?) pagati un minimo di 70.000 euro (se neanche hanno un incarico) e poi su a salire......ah già, ma i Comuni danno i mitici "servizi", certo che se li fanno pagare bene!
c) Vero, Berlusconi non ha mai tagliato la spesa pubblica, abolito le province etc etc, ma chissà perchè se al suo posto ci fossero stati Vendola - Camusso (senza i quali la sinistra non governa) ho la sensazione che ci sarebbero tante province in più.....magari mi sbaglio eh....


Argomentazioni francamente debolucce :-?
E alla luce della nuova finanziaria (che adesso chiamano di stabilità :lol: ) si capisce bene il motivo.

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 11087
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Rosewall » gio ott 31, 2013 9:50 am

Alitalia: Airfrance azzera il valore della sua quota.

Immagine
"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » gio ott 31, 2013 10:12 am

Un'altra operazione ben fatta :lol:

Avatar utente
Andy
Massimo Carbone
Messaggi: 31658
Iscritto il: mar ago 14, 2001 2:00 am
Località: Roma, Vilnius
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Andy » gio ott 31, 2013 10:27 am

Chissà cosa si inventeranno ora....ho i brividi #1#
"...il vero scopo di un viaggiatore dovrebbe essere quello di migliorare gli uomini di renderli più saggi e di temprarne gli animi con esempi buoni e cattivi, tratti dalla descrizione di terre lontane"

Avatar utente
Andy
Massimo Carbone
Messaggi: 31658
Iscritto il: mar ago 14, 2001 2:00 am
Località: Roma, Vilnius
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Andy » gio ott 31, 2013 10:55 am

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza- ... id=ABKU7Va

PARIGI - Ennesima serata di fibrillazione, ieri, per il delicatissimo dossier Alitalia-Air France. A riaccendere improvvisamente i riflettori sulla vicenda è stato un articolo, pubblicato sul sito del quotidiano economico La Tribune, secondo il quale il gruppo franco-olandese avrebbe deciso di non sottoscrivere l'aumento di capitale della compagnia italiana (di cui è il maggior azionista, con il 25%).

Decisione che avrebbe potuto essere presa nel corso del consiglio di amministrazione di Air France-Klm, durato circa due ore, di ieri pomeriggio. E annunciata ufficialmente questa mattina, al consiglio di amministrazione di Alitalia.

In realtà, se è vero che l'ex compagnia di bandiera era all'ordine del giorno del cda del gruppo franco-olandese - riunito per esaminare i conti - secondo indiscrezioni lo era soltanto per aggiornare tutti in consiglieri sullle ultime novità su questo fronte, per tenerli insomma informati passo passo di quello che sta accadendo e di come si sta muovendo il management della società. E il cda Alitalia di questa mattina, peraltro già in calendario, avrebbe la funzione di fare altrettanto. Nessuna decisione, insomma. Almeno per ora. E a meno di sorprese, sempre possibili.

Anche se certo le notizie che filtrano da Parigi non sono tali da giustificare alcun ottimismo. Apparentemente nessuna delle condizioni poste da Air France-Klm per aderire all'aumento di capitale è al momento rispettata. Non la ristrutturazione del debito, non la revisione del piano industriale, non la garanzia di poter avere il sostanziale controllo delle scelte strategiche della compagnia.

Lo scenario più probabile rimane comunque quello di una decisione a ridosso della scadenza dei 30 giorni dalla data del varo dell'aumento (il 14 novembre) e l'opzione che verrà scelta alla fine potrebbe essere quella di una partecipazione parziale. Magari molto parziale. Una soluzione di compromesso sulla quale sembra che ci sia un forte pressing politico da parte italiana.

Sarebbe un modo per evitare un danno d'immagine ad Alitalia, che non darebbe l'impressione di essere abbandonata dal suo principale azionista, oltre che partner industriale e commerciale. E consentirebbe a Air France di prendere tempo limitando l'onere finanziario dell'operazione (il gruppo sta lentamente cercando di ritrovare un bilancio in equilibrio e di ridurre i debiti) e i problemi di relazioni con le organizzazioni sindacali in un momento particolarmente difficile (con la gestione di un piano di ristrutturazione che prevede altri 2.800 tagli).

Anche perché la scelta finale di Air France-Klm è legata ai risultati della due diligence che il gruppo sta realizzando su Alitalia, per cercare di mettere insieme tutti i pezzi del puzzle, di avere tutte le informazioni sulle esatte condizioni della società. Colmando le tante lacune emerse negli ultimi mesi.

Il fatto è che i tempi dell'audit e quelli dell'aumento di capitale non coincidono. Il primo non dovrebbe cioè concludersi entro il 14 novembre. A quel punto il gruppo franco-olandese potrebbe mettere sul tavolo un chip, giusto per dimostrare che resta in partita, rinviando a un secondo momento la decisione strategica. (M.Mou.)
"...il vero scopo di un viaggiatore dovrebbe essere quello di migliorare gli uomini di renderli più saggi e di temprarne gli animi con esempi buoni e cattivi, tratti dalla descrizione di terre lontane"

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » mar nov 12, 2013 7:08 pm

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/11/ ... ce/253255/

I sindacati sono sicuramente tra le principali cause del fallimento Alitalia.
Ma tenere in piedi la baracca dai... nemmeno il più stupido dei sindacalisti lo crederebbe possibile, stanno proprio dando aria alla bocca cercando di salvarsi il kùlo, ma sanno benissimo che ne verranno segati a migliaia.

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » gio nov 14, 2013 12:18 pm

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11 ... ro/776377/

Vediamo se questa volta Alitalia schiatta definitivamente o si trascina come gli zombie di Walking Dead :roll:

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » mar nov 26, 2013 9:01 pm

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11 ... ia/791450/

Catzo, impressionante 8)
Soprattutto questo passo è immenso "La compagnia ci tiene a ricordare che possiede una sua strategia, un suo piano Industriale..." :roll:
Non ci si può credere che vadano ancora in giro a sparare queste puttanate #104#

chiaky
Saggio
Messaggi: 9532
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda chiaky » sab gen 11, 2014 8:40 pm

Comunque se vi serve un casco...

http://www.intelligonews.it/quella-testa-di-casco-di-berlusconi-ecco-le-foto/

Sai che soddisfazione a battere la testa. :D

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » lun feb 03, 2014 7:17 pm

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/02 ... vo/866911/

Attenzione che sta per arrivare l'ennesima minkiata :lol:

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » ven feb 14, 2014 12:25 pm

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/02 ... ne/880675/

Se arrivano gli arabi ranzano tutti da un giorno all'altro

Avatar utente
Andy
Massimo Carbone
Messaggi: 31658
Iscritto il: mar ago 14, 2001 2:00 am
Località: Roma, Vilnius
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Andy » ven feb 28, 2014 4:25 pm

Le compagnie che hanno wi-fi a bordo

http://www.corriere.it/foto-gallery/tec ... cc.shtml#1

Secondo voi c'è Alitalia? :D
"...il vero scopo di un viaggiatore dovrebbe essere quello di migliorare gli uomini di renderli più saggi e di temprarne gli animi con esempi buoni e cattivi, tratti dalla descrizione di terre lontane"

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » gio mar 06, 2014 8:21 am

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/03 ... ni/903818/

Una pazzia dietro l'altra, montagne di soldi buttati al vento senza alcun motivo che non sia il ritorno politico #1#

Avatar utente
Andy
Massimo Carbone
Messaggi: 31658
Iscritto il: mar ago 14, 2001 2:00 am
Località: Roma, Vilnius
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Andy » gio apr 17, 2014 12:40 pm

"...il vero scopo di un viaggiatore dovrebbe essere quello di migliorare gli uomini di renderli più saggi e di temprarne gli animi con esempi buoni e cattivi, tratti dalla descrizione di terre lontane"

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 12195
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda paoolino » gio apr 17, 2014 12:56 pm

Andy ha scritto:E pure questi sono scappati

http://economia.ilmessaggero.it/economi ... 7836.shtml


Strano un'azienda così appetibile con vincoli all'acquisto ancora più appetibili.
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Avatar utente
Andy
Massimo Carbone
Messaggi: 31658
Iscritto il: mar ago 14, 2001 2:00 am
Località: Roma, Vilnius
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Andy » gio apr 17, 2014 1:04 pm

paoolino ha scritto:
Andy ha scritto:E pure questi sono scappati

http://economia.ilmessaggero.it/economi ... 7836.shtml


Strano un'azienda così appetibile con vincoli all'acquisto ancora più appetibili.


:D

L'occasione è passata con air france qualche anno fa...
"...il vero scopo di un viaggiatore dovrebbe essere quello di migliorare gli uomini di renderli più saggi e di temprarne gli animi con esempi buoni e cattivi, tratti dalla descrizione di terre lontane"

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 19494
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda laplaz » gio apr 17, 2014 4:15 pm

Tutti pronti per la nuova inku.... 8)

Avatar utente
Andy
Massimo Carbone
Messaggi: 31658
Iscritto il: mar ago 14, 2001 2:00 am
Località: Roma, Vilnius
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Andy » gio apr 17, 2014 4:41 pm

Paoolino secondo te, realisticamente a cosa può ambire Alitalia?
"...il vero scopo di un viaggiatore dovrebbe essere quello di migliorare gli uomini di renderli più saggi e di temprarne gli animi con esempi buoni e cattivi, tratti dalla descrizione di terre lontane"

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 12195
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda paoolino » gio apr 17, 2014 4:52 pm

Andy ha scritto:Paoolino secondo te, realisticamente a cosa può ambire Alitalia?


Secondo me Alitalia deve portare i libri in tribunale e fallire, come PanAm, come Swissair.
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Avatar utente
Andy
Massimo Carbone
Messaggi: 31658
Iscritto il: mar ago 14, 2001 2:00 am
Località: Roma, Vilnius
Contatta:

Re: berlusconi: l'alitalia agli italiani

Messaggioda Andy » gio apr 17, 2014 5:06 pm

paoolino ha scritto:
Andy ha scritto:Paoolino secondo te, realisticamente a cosa può ambire Alitalia?


Secondo me Alitalia deve portare i libri in tribunale e fallire, come PanAm, come Swissair.


Su quello siamo d'accordo :D ma dubito che lo farà :roll:
"...il vero scopo di un viaggiatore dovrebbe essere quello di migliorare gli uomini di renderli più saggi e di temprarne gli animi con esempi buoni e cattivi, tratti dalla descrizione di terre lontane"


Torna a “Politica e società”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti