Il Perchè di tanti femminicidi

Dibattito sulla vita sociale e sui problemi politici.
Avatar utente
orson
Gran Maestro
Messaggi: 1421
Iscritto il: lun lug 03, 2006 7:18 pm

Il Perchè di tanti femminicidi

Messaggioda orson » mar feb 10, 2015 3:47 pm

L'ormai tristemente celebre caso di Elena Cestie, la casalinga di 37 anni misteriosamente scomparsa ad inizio gennaio 2014 ma ritrovata ormai cadavere 9 mesi dopo ad Isola d'Asti in località Chiappa a pochi km dall'abitazione della Cestie a Castiglione d' Asti nell' astigiano, ha avuto purtroppo la soluzione più prevedibile ma inquietante: a commettere l'ennesimo femminicidio è stato il marito Michele Buoniconti. Il movente per l'efferato delitto è la gelosia morbosa dell'uomo verso la donna, colpevole ai suo occhi di essere infedele, senza prove certe, e quindi una "donna infedele", "dannosa e pericolosa", che andava "raddrizzata" da quello che emerge dalle conversazioni tra l' uomo ed i suoi figli vittime inconsapevoli dell' ennesima violenza familiare. Questo ennesimo femminicidio va ad aggiungersi ai troppi avvenuti in questi anni in Italia, un' escalation di violenza nei confronti del genere femminile ormai intollerabile in un paese che vorrebbe dirsi civile.

Mi tornano in mente le parole scritte dalla celebre filosofa, oggi deputata in parlamento, Michela Marzano in un celebre articolo apparso su Repubblica, quanto mai attuale seppur scritto nel 2010 e dal titolo emblematico " Perché gli uomini uccidono le donne", nel quale la studiosa cercava di spiegare un fenomeno che non aveva raggiunto ancora l'apice raggiunto oggi giorno.

La Marzano è stata attaccata da molti colleghi o giornalisti, in maniera discutibile o meno, tuttavia tra gli attacchi più gretti annovero un "commento" letto qualche giorno fa su un certo Gazzettino dei lavoratori e pensionati, che invece di occuparsi di queste tematiche attacca, non firmandosi naturalmente, la filosofa: "Credo che bisogna fare un distinguo tra il ruolo di madre e il lavoro, per conciliare il ruolo di madre, moglie e lavoratrice, ci voglia un grande spirito di abnegazione, che non tutte le donne hanno, e quindi rimando l’accusa alla mittente.
Secondo noi non si e’ violenti perche la donna e’ in carriera,l’uomo se e’ violento lo e’ per natura, anzi molte volte subiscogno, molto di piu le casalinghe, la sottomissione e’ solo un fatto di personalità e colpisce sia l’uomo che lla donna.
Se per declino patriarcale si intendenell’incapacita , di tenere unita la famiglia ; ebbene, e’ un errore madornale, la famiglia degli anni 60/70 alle 22 massimo 23 erano tutti a casa. Prima perche molti avevano un lavoro, e quindi bisognare rientrare, per forza,ed erano anche molto meno gli studenti, oggi si esce alle 23 e prima delle due o le 3 non si rientra, i genitori non hanno piu’ il potere, anche perche le regole del gioco dei giovani sono cambiate.Infine quando si ama davvero, e non per sesso, le proprie passioni, e i propri obbiettivi, si fondono verso il benessere della famiglia, e il tutto rientra in una visione soave della famiglia , piu’ pacifica e rispettosa
Vorrei chedere alla filosafa, maria michela marzano quale tragedia, abbia vissuto, e quale uomo perverso lei ha conosciuto per scrivere un racconto, cosi’ disumano su con la vita,, di uomini buoni, e leali il mondo, e’ pieno, basta solo saper scegliere, e la vita ti sorridera."
Naturalmente crediamo che l'autore non possa essere che un maschio.
A parte gli orrori, che ho pensato di non correggere, di ortografia, è proprio l'accumulo di luoghi comuni tra i più beceri e maschilisti che deve far riflettere, farci capire come il femminicidio sia logica conseguenza di questo maschilismo da raccatto. La vita non sorriderà più né ad Elena né ad altre donne uccise da questa specie di uomini, ma fin quando ci saranno donne come Michela Marzano una speranza per le donne e per noi veri uomini ci sarà sempre.
Ultima modifica di orson il gio nov 24, 2016 10:32 pm, modificato 1 volta in totale.
Immagine
Letture pindariche.(Cit.)

Avatar utente
klaus
The Cardinal
Messaggi: 25906
Iscritto il: sab ott 11, 2003 8:35 pm
Località: Firenze

Re: Il Perchè di tanti femminicidi

Messaggioda klaus » mar feb 10, 2015 4:06 pm

Il primo a postare un messaggio alla Rinascita di questo forum

Avatar utente
orson
Gran Maestro
Messaggi: 1421
Iscritto il: lun lug 03, 2006 7:18 pm

Re: Il Perchè di tanti femminicidi

Messaggioda orson » gio nov 24, 2016 10:43 pm

Ritorno su questo tema, la violenza di alcuni "uomini" contro le donne (la violenza ha varie declinazioni, ma certo le donne sono le vittime più indifese,) perché domani in tutto il mondo si festeggia la Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne, Inutile dire quanto sia importante combattere questa piaga, cominciando ad educare a rispetto di genere fin da bambini.
Si svolgeranno anche il giorno successivo, il 26, altre manifestazioni a Roma e Milano.
http://it.blastingnews.com/opinioni/201 ... 60153.html
Ultima modifica di orson il ven nov 25, 2016 10:33 pm, modificato 1 volta in totale.
Immagine
Letture pindariche.(Cit.)

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 43605
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: Il Perchè di tanti femminicidi

Messaggioda Nasty » gio nov 24, 2016 10:49 pm

Ma è sicuro che siano in aumento questi omicidi di donne o è l'enfasi della cronaca che li fa apparire in crescita?
Non mi è chiaro.

Tempo fa ascoltai una ricercatrice istat che non parlava di aumento, anzi, però non ricordo l'arco temporale. Paoolino?!

http://www.tempi.it/gli-omicidi-contro- ... Ddh-zjSLZs


http://m.huffpost.com/it/entry/4001296
Provaci ancora Steph!


Torna a “Politica e società”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti