I capolavori che non abbiamo compreso

Parliamo di cinema
Avatar utente
ameba
FooLminato
Messaggi: 13857
Iscritto il: ven feb 08, 2002 1:00 am

I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda ameba » gio mar 06, 2014 10:44 pm

alessandro ha scritto:
dovremmo aprire un topic dove ognuno confessa di non aver capito o di non aver sopportato qualche capolavoro indiscusso della storia del cinema. :D


Approfitto di questo intervento di Alessandro nel thread de "La grande bellezza" , per dichiarare quali sono i film che mi "constrinsero" ad abbandonare la sala per scoramento :D . Non sono tutti propriamente capolavori , ma insomma , son tutte opere di registi che hanno contribuito a fare la storia del Cinema ( c' è di mezzo persino Visconti che era ed è ancora uno dei miei preferiti :oops: .......ad esempio " Morte a Venezia" è sicuramente da inserire nei miei personalissimi topten della storia 8) ).

Ecco la lista, la ricordo perfettamente, anche se non pochi anni passarono #1# :

1) Women in love - Ken Russell
2) La caduta degli dei - Luchino Visconti
3) Sussurri e grida - Ingmar Bergman
4) Come eravamo - Sidney Pollack
5) Il tè nel deserto - Bernardo Bertolucci

Ne ho visti molti di cagatoni peggiori che non possono nemmeno entrare in competizione con questi, però questi sono gli unici che non ho mai terminato di vedere e per i quali , ovviamente , la delusione fu maggiore in rapporto all' aspettativa che avevo nel momento dell' ingresso in sala :wink:

A voi ! :P
Solo l'amare, solo il conoscere conta, non l'aver amato, non l'aver conosciuto.
Dà angoscia il vivere di un consumato amore. L'anima non cresce piu'.
(P.P.P.)

Avatar utente
CAPELLINO
Illuminato
Messaggi: 3534
Iscritto il: mer mag 09, 2007 10:52 pm
Località: POTENZA

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda CAPELLINO » gio mar 06, 2014 11:15 pm

Zabriskie Point. :( :( :(
GEORGE BEST:"SE FOSSI NATO BRUTTO, FORSE OGGI NESSUNO PARLEREBBE PIU' DI PELE'"

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 20820
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda NNick87 » gio mar 06, 2014 11:21 pm

Mulholland Drive, come già detto nell'altro topic.
Totalmente incomprensibile, ogni volta che arrivavo vicino (o forse dovrei dire lontano) a capirci qualcosa, le carte erano immediatamente rimescolate e all'improvviso, titoli di coda. Mio pensiero: "E' uno scherzo?" :o :o :o
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.

maxredo
Massimo Carbone
Messaggi: 16663
Iscritto il: sab ott 15, 2005 12:33 am
Località: Milano

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda maxredo » ven mar 07, 2014 9:14 am

Ce ne sono tanti.
Ma più che "comprendere" io direi "apprezzare o godere"...perché comprendere non è la mia priorità quando guardo un film.
A me non interessa necessariamente capire se è realizzato magistralmente e se dietro ha un significato particolare e quale (mi sembra scontato trattandosi di un film apprezzato dai critici)...
Il film deve colpirmi, interessarmi, emozionarmi, sconvolgermi, divertirmi, farmi pensare, a seconda del genere...non annoiare, non deve essere uno sforzo o una tortura.
Per me il cinema è intrattenimento ma non tiratemi fuori la storia dei cinepanettoni che non guardo e non mi piacciono, un film può essere impegnato e con dei contenuti e allo stesso tempo non essere un mattone noiosissimo :)
Io sono uno spettatore non un critico cinematografico, ovviamente comprendo che c'è anche chi per professione o passione giudica i film da un altro punto di vista. Per quel punto di vista non son preparato ne mi interessa.

In pratica cinematograficamente sono come Villo-Jurgen nel tennis...non me ne frega nulla di riconoscere la bravura di un Ferrer preferisco divertirmi con un Dolgopolov, con tutti i suoi difetti ed imperfezioni.

Curioso come invece Villo-Jurgen (in particolare il secondo che mi pare lo faccia di professione o cmq sta studiando per farlo) nel cinema abbiano il ruolo opposto, così come io spesso ce l'ho nel tennis. :)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32598
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda BackhandWinner » ven mar 07, 2014 11:45 am

CAPELLINO ha scritto:Zabriskie Point. :( :( :(

Ma non è mica un problema tuo: è un problema suo, di Antonioni, dico.
Mi fanno male i capelli (sì ok, non ZP ma Deserto Rosso, è uguale): dai, dai.

(ombra, dici, di là, di me e Leone: ma io Leone lo apprezzo eh, al suo livello, la sua epica figa per maschietti; con C'era una volta ho il problema dello stiracchiamento. Ma ce l'ho persino col finale di 2001. E Kubrick è uno che sta semplicemente in un altro universo, rispetto a Leone. Tutto questo per dire: invece quando sento 'Antonioni'... :x )
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
babaoriley
Saggio
Messaggi: 9936
Iscritto il: lun gen 14, 2008 2:55 pm
Località: Milan

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda babaoriley » ven mar 07, 2014 12:21 pm

"Senso" di Luchino Visconti è stata una sofferenza per me, indigeribile così come il "Gattopardo" ma riconosco il valore di Vissconti (Rocco e i suoi fratelli mi è piaciuto molto).
Anche "Sentieri selvaggi" di Ford ma essenzialmente perchè ho un pregiudizio verso il genere western anni 50-60, lo detesto. Forse dovrei vederli assieme a qualche appassionato, per comprenderli.

Avatar utente
Pindaro
Bibliofilo onnisciente
Messaggi: 65273
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm
Località: Iperuranio

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Pindaro » ven mar 07, 2014 12:36 pm

Io sto con gli ippopotami.
Non ho mai capito il sottotesto di questo film.
Ma perché fuorviante???!?

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 30463
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda dsdifr » ven mar 07, 2014 9:52 pm

grande Zio Ameba :D

allora, ci sono autori di gran seguito che in generale non mi piacciono granché, come Von Trier e Antonioni, che quindi non considero perché dovrei metterli tutti. Quindi mi limito a citare capolavori di registi che invece di solito apprezzo.

Quoto in parte lo zio Ameba su
3) Sussurri e grida - Ingmar Bergman

che secondo me è fantastico fino, diciamo, a 2/3, poi dopo comincio (o meglio cominciai quando vidi il film) a non capire più dove andava a parare
Spoiler: show
quando Karin davanti al marito "esplode" tagliandosi la vulva e passandosi il sangue sulla bocca non mi piace più, è cattivo gusto :D
. A parte quella (lunga) scena lì, però, lo trovo a tratti fantastico, l'interpretazione della Andersson è :o

E poi, vabbè, troppo facile: INLAND EMPIRE.
Di solito Lynch mi piace molto, ma l'ultima sua opera è troppo complicata per me, lascio il campo a Johnny :D

Avatar utente
Ombra84
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 26487
Iscritto il: sab mag 19, 2007 1:30 pm
Località: Anacapri

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Ombra84 » ven mar 07, 2014 10:40 pm

BackhandWinner ha scritto:

(ombra, dici, di là, di me e Leone: ma io Leone lo apprezzo eh, al suo livello, la sua epica figa per maschietti; con C'era una volta ho il problema dello stiracchiamento. Ma ce l'ho persino col finale di 2001. E Kubrick è uno che sta semplicemente in un altro universo, rispetto a Leone. Tutto questo per dire: invece quando sento 'Antonioni'... :x )

:D E si su Kubrik hai ragione :)
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.
.

dsdifr ha scritto:Nel primo set della messa lei dichiarerà di voler sposare Istomin, poi piano piano Andreas riguadagnerà' terreno fino al lieto fine.

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda ciccio » ven mar 07, 2014 11:16 pm

no niente, nemmeno 1
mi piacciono i film intensi in ogni senso, sia intellettuali, sia divertenti, sia di azione. Non amo i film fatti per essere genialità cinematografiche fini a se stesse. Mai avuto nessuna remora.
Nel teatro me ne viene in mente una, Aspettando Godot di Strelher. Scappai a metá per noia e il giorno dopo me ne pentii.
Nella musica invece sempre, capisco la musica con 20 anni esatti di ritardo e mi pento praticamente di ogni giudizio anteriore :( .
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 43599
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Johnny Rex » sab mar 08, 2014 8:32 pm

Già che ricorre il terzo lustro da che abbiamo perso l'Immenso, vi scandalizzo

Il Dottor Stranamore.
Datato.
Forte.

F.F.
Nevenez ha scritto:Se nel 2022 Nadal non è ancora sparito, spariremo noi.


Burian siberiano ha scritto:Nadal non ha alcuna forza mentale.

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 30463
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda dsdifr » sab mar 08, 2014 9:16 pm

#1#


volerò più basso:
Dillinger è morto. Insostenibile, insopportabile, irritante, non lo riguarderei nemmeno se mi pagate.


(sugli altri che ho visto di Ferreri: La Grande abbuffata invece mi piace. Storia di ordinaria follia lo guardai sghignazzando con amici, non saprei come giudicarlo seriamente)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 120795
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Nickognito » sab mar 08, 2014 10:24 pm

sono andato via solo una volta interrompendo la visione al cinema (fuori dal cinema lo faccio quasi sempre :D)

Metropolis, di Rintaro. Non era un brutto film, ero io che non avevo voglia di stare al cinema.

Capolavori considerati tali che non son proprio riuscito a vedere? L ' unico penso Arancia Meccanica. Molti non li ho visti, molti non mi sono piaciuti o mi hanno annoiato, ma quello e' l' unico che mi viene in mente in cui proprio me ne vado.

Poi ci sono alcuni film (come musiche) che posso vedere solo con un certo umore (e anche che sono magari tra i miei preferiti, per dire alcuni di Lynch, o Bergman, o Tarkovski.

Altri due film volevo andare via, in realta'. La desolazione di Smaug, non l' ho fatto per non disturbare i vicini, La Medea di Pasolini e V per vendetta , perche' non ero al cinema da solo. Ne ho visti ben peggiori, eh, al cinema, ma meno fastidiosi a vedersi. (alcuni li vado apposta a vedere in quanto brutti, ad esempio The Darkest hour)

p.s. a me Visconti e Antonioni piacciono

p.s.2: a teatro e' quasi normale che non veda l' ora di andar via, in particolare un Rigoletto e' stato uno dei miei peggiori incubi da spettatore, era in piazza a San Gimignano.
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

Avatar utente
ameba
FooLminato
Messaggi: 13857
Iscritto il: ven feb 08, 2002 1:00 am

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda ameba » dom mar 09, 2014 1:35 am

dsdifr ha scritto:#1#


volerò più basso:
Dillinger è morto. Insostenibile, insopportabile, irritante, non lo riguarderei nemmeno se mi pagate.


(sugli altri che ho visto di Ferreri: La Grande abbuffata invece mi piace. Storia di ordinaria follia lo guardai sghignazzando con amici, non saprei come giudicarlo seriamente)


L' ultima donna e Ciao maschio son quelli che non ho molto digerito di Ferreri , Dillinger è morto l' ho visto e rivisto sempre felice di andarlo a rivedere in ogni parrocchiale che lo dava , La grande abbuffata poi è proprio un altro dei miei topten della storia :o :D .......non temo di scandalizzarvi, non ho mai avuto paura di dire la mia :lol: :lol: :lol: :lol: ( in quei 50 film della mia personalissima lista dei film da salvare ce n' erano solo sette con 5 stellette su 5 ed uno di questi era proprio "La grande abbuffata" :wink: )
Solo l'amare, solo il conoscere conta, non l'aver amato, non l'aver conosciuto.
Dà angoscia il vivere di un consumato amore. L'anima non cresce piu'.
(P.P.P.)

Avatar utente
ameba
FooLminato
Messaggi: 13857
Iscritto il: ven feb 08, 2002 1:00 am

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda ameba » dom mar 09, 2014 1:46 am

Johnny Rex ha scritto:Già che ricorre il terzo lustro da che abbiamo perso l'Immenso, vi scandalizzo

Il Dottor Stranamore.
Datato.
Forte.

F.F.


Datato è l' attributo giusto #1#
Infatti il mio figliolo , quando ha fatto una full immersion di tutti i film di Kubrik con amici e amiche ( si son ritirati un week-end nella nostra casa in collina per togliersi questo sfizio .......inutile fare facili battute dicendo che avranno pensato a far altro...... #100# ) , proprio di questo film è rimasto un po' deluso , in particolare perchè io ne avevo decantato le lodi........a quel punto l' ho dovuto rivedere e dovuto ammettere che , sì, è proprio datato #1#
Solo l'amare, solo il conoscere conta, non l'aver amato, non l'aver conosciuto.
Dà angoscia il vivere di un consumato amore. L'anima non cresce piu'.
(P.P.P.)

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 43599
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Johnny Rex » dom mar 09, 2014 8:30 am

Ameba, comunque Women In Love per me è un Ken Russell al suo meglio, potente e visionario, poi si cita addirittura l'aria del Baldo ed i suoi effetti su Verona, che volere di più :) ?
La Caduta degli Dei è ottimo per 3/4, la parte finale che precede il suicidio sì, è difficile da reggere, un verso al ballo del Gattopardo, che ha un senso nella mente viscontiana e solo lì, ma comunque un tratto distintivo,una peculiarità.
Ti appoggio invece senza riserve su Come Eravamo (come sempre dle povero Sidney è Intollerabile La Mia Africa) e il Tè nel Deserto .
Peso anche L'Occhio che uccide di Powell e Pressburger, che aveva (ha?) chissà quale fama .

F.F.
Nevenez ha scritto:Se nel 2022 Nadal non è ancora sparito, spariremo noi.


Burian siberiano ha scritto:Nadal non ha alcuna forza mentale.

Lyndon79
Saggio
Messaggi: 8649
Iscritto il: lun lug 02, 2007 10:55 pm
Località: Europa, più o meno2

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Lyndon79 » dom mar 09, 2014 11:58 am

The tree of life. Mi ha annoiato assai. Ero pure al cinema.
Forse dovrei rivederlo.

E qui rispondo a Max:

maxredo ha scritto:Ma più che "comprendere" io direi "apprezzare o godere"...perché comprendere non è la mia priorità quando guardo un film.
A me non interessa necessariamente capire se è realizzato magistralmente e se dietro ha un significato particolare e quale (mi sembra scontato trattandosi di un film apprezzato dai critici)...
Il film deve colpirmi, interessarmi, emozionarmi, sconvolgermi, divertirmi, farmi pensare, a seconda del genere...non annoiare, non deve essere uno sforzo o una tortura.
Per me il cinema è intrattenimento ma non tiratemi fuori la storia dei cinepanettoni che non guardo e non mi piacciono, un film può essere impegnato e con dei contenuti e allo stesso tempo non essere un mattone noiosissimo :)
Io sono uno spettatore non un critico cinematografico, ovviamente comprendo che c'è anche chi per professione o passione giudica i film da un altro punto di vista. Per quel punto di vista non son preparato ne mi interessa.



Appunto. E' chiaro che è un film molto pensante, realizzato magistralmente, molto ambizioso ed intellettuale. Ma questo non basta, ovvio. Non mi ha preso emotivamente, non ne sono entrato in sintonia, e bona. Ma non è che perchè è concettuale, eccetera, vado a dire che è un capolovaro che mi ha ammaliato.
Deve colpirmi, interessarmi, emozionarmi, sconvolgermi, farmi pensare, eccetera :) .

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 18642
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda alessandro » dom mar 09, 2014 12:35 pm

come detto Mulholland Drive, non l'ho capito.
il dr stranamore mi ha deluso.
the tree of life la prima volta, scaricato e visto in pessima qualita', l'ho abbandonato dopo 20 minuti, l'ho poi rivisto in TV 2 volte in HD e lo trovo bellissimo, l'hanno rifatto un paio di settimane fa' e me lo sono rivisto volentieri ( credo durante sanremo )

tanti film citati qui non li ho visti presupponendo la palla.

come detto Persona, di Berghman.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 30463
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda dsdifr » dom mar 09, 2014 12:36 pm

ameba ha scritto: La grande abbuffata poi è proprio un altro dei miei topten della storia :o :D .......non temo di scandalizzarvi, non ho mai avuto paura di dire la mia :lol: :lol: :lol: :lol: ( in quei 50 film della mia personalissima lista dei film da salvare ce n' erano solo sette con 5 stellette su 5 ed uno di questi era proprio "La grande abbuffata" :wink: )

no no, ci può anche stare! La Grande Abbuffata sì.
E' l'altro che non mi piace. Piccoli che per un'ora e mezzo si aggira per casa senza che succeda nulla non l'ho proprio digerito, a un certo punto ricordo che persi la pazienza :lol:

Avatar utente
ameba
FooLminato
Messaggi: 13857
Iscritto il: ven feb 08, 2002 1:00 am

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda ameba » dom mar 09, 2014 2:16 pm

Johnny Rex ha scritto:Ameba, comunque Women In Love per me è un Ken Russell al suo meglio, potente e visionario, poi si cita addirittura l'aria del Baldo ed i suoi effetti su Verona, che volere di più :) ?



Avevo un amico di Verona che aveva una villetta sul Garda , dove facevamo stravizi da matricole universitarie nei week-end e poi la mattina della domenica salivamo in funivia sul monte "Baldonissimo" , che cosa m' hai fatto ricordare .....

La spensieratezza .
Datata.
Forte :oops:

:D


Perdonate l' O.T. #1#
Solo l'amare, solo il conoscere conta, non l'aver amato, non l'aver conosciuto.
Dà angoscia il vivere di un consumato amore. L'anima non cresce piu'.
(P.P.P.)

Avatar utente
uglygeek
FooLminato
Messaggi: 13468
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda uglygeek » ven apr 18, 2014 1:11 pm

maxredo ha scritto:Ce ne sono tanti.
Ma più che "comprendere" io direi "apprezzare o godere"...perché comprendere non è la mia priorità quando guardo un film.
A me non interessa necessariamente capire se è realizzato magistralmente e se dietro ha un significato particolare e quale (mi sembra scontato trattandosi di un film apprezzato dai critici)...
Il film deve colpirmi, interessarmi, emozionarmi, sconvolgermi, divertirmi, farmi pensare, a seconda del genere...non annoiare, non deve essere uno sforzo o una tortura.
Per me il cinema è intrattenimento ma non tiratemi fuori la storia dei cinepanettoni che non guardo e non mi piacciono, un film può essere impegnato e con dei contenuti e allo stesso tempo non essere un mattone noiosissimo :)
Io sono uno spettatore non un critico cinematografico, ovviamente comprendo che c'è anche chi per professione o passione giudica i film da un altro punto di vista. Per quel punto di vista non son preparato ne mi interessa.

In pratica cinematograficamente sono come Villo-Jurgen nel tennis...non me ne frega nulla di riconoscere la bravura di un Ferrer preferisco divertirmi con un Dolgopolov, con tutti i suoi difetti ed imperfezioni.

Curioso come invece Villo-Jurgen (in particolare il secondo che mi pare lo faccia di professione o cmq sta studiando per farlo) nel cinema abbiano il ruolo opposto, così come io spesso ce l'ho nel tennis. :)

Il paragone non c'entra molto... non e' che Ferrer abbia molto da dire. Se lo guardi o non lo guardi non cambia molto.
Ci sono film oggettivamente noiosi che pero' sono capaci di evocare pensieri, emozioni, e in questo senso diventano preziosi. Certo nemmeno a me viene voglia di guardarli dopo una lunga giornata di lavoro, ma l'intrattenimento e' solo uno degli aspetti da considerare.
C'era grossa crisi.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 120795
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Nickognito » ven apr 18, 2014 3:18 pm

non e' cinema, ma visto il giorno io dico Cent'anni di solitudine di Marquez. E' il libro che ho iniziato piu' volte, sia in italiano che in spagnolo, ma niente. Sono anche andato avanti, ma niente.
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

Lyndon79
Saggio
Messaggi: 8649
Iscritto il: lun lug 02, 2007 10:55 pm
Località: Europa, più o meno2

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Lyndon79 » ven apr 18, 2014 7:39 pm

Nickognito ha scritto:non e' cinema, ma visto il giorno io dico Cent'anni di solitudine di Marquez. E' il libro che ho iniziato piu' volte, sia in italiano che in spagnolo, ma niente. Sono anche andato avanti, ma niente.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 120795
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Nickognito » ven apr 18, 2014 7:42 pm

di marquez credo di aver letto solo l' amore ai tempi del colera. Mi piacque, non eccezionalmente, ma si'.
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

Lyndon79
Saggio
Messaggi: 8649
Iscritto il: lun lug 02, 2007 10:55 pm
Località: Europa, più o meno2

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Lyndon79 » ven apr 18, 2014 7:44 pm

Solo per precisare che in spagnolo non l'ho mai iniziato :D .

maxredo
Massimo Carbone
Messaggi: 16663
Iscritto il: sab ott 15, 2005 12:33 am
Località: Milano

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda maxredo » ven apr 18, 2014 7:50 pm

uglygeek ha scritto:Il paragone non c'entra molto... non e' che Ferrer abbia molto da dire. Se lo guardi o non lo guardi non cambia molto.

E' quello che penso io di certi film...però il critico cinematografico trasformato in critico tennistico ti direbbe che dici questo solo perché non lo capisci e non sei in grado di apprezzarlo :)
Dovresti apprezzare lo studio e la preparazione che c'è dietro un Ferrer. Come è stato costruito meticolosamente, dietro ogni movimento e ogni colpo c'è un'idea, niente di casuale o improvvisato, etc etc etc

Avatar utente
babaoriley
Saggio
Messaggi: 9936
Iscritto il: lun gen 14, 2008 2:55 pm
Località: Milan

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda babaoriley » sab apr 19, 2014 11:46 am

idem anche per me con Cent'anni di solitudine.
Magari ci riprovo, non si sa mai

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 120795
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Nickognito » sab apr 19, 2014 4:36 pm

maxredo ha scritto:
uglygeek ha scritto:Il paragone non c'entra molto... non e' che Ferrer abbia molto da dire. Se lo guardi o non lo guardi non cambia molto.

E' quello che penso io di certi film...però il critico cinematografico trasformato in critico tennistico ti direbbe che dici questo solo perché non lo capisci e non sei in grado di apprezzarlo :)
Dovresti apprezzare lo studio e la preparazione che c'è dietro un Ferrer. Come è stato costruito meticolosamente, dietro ogni movimento e ogni colpo c'è un'idea, niente di casuale o improvvisato, etc etc etc



no.

lo studio e la preparazione non sono mai da apprezzare. Ne' in un film ne 'nel tennis. Non come spettatore.
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 59688
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda balbysauro » sab apr 19, 2014 4:45 pm

ok, lo ammetto: Pastorale americana

e devo essere proprio masochista, sapendo che ne pensa scaruffino #1#

maxredo
Massimo Carbone
Messaggi: 16663
Iscritto il: sab ott 15, 2005 12:33 am
Località: Milano

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda maxredo » sab apr 19, 2014 5:26 pm

Nickognito ha scritto:
maxredo ha scritto:
uglygeek ha scritto:Il paragone non c'entra molto... non e' che Ferrer abbia molto da dire. Se lo guardi o non lo guardi non cambia molto.

E' quello che penso io di certi film...però il critico cinematografico trasformato in critico tennistico ti direbbe che dici questo solo perché non lo capisci e non sei in grado di apprezzarlo :)
Dovresti apprezzare lo studio e la preparazione che c'è dietro un Ferrer. Come è stato costruito meticolosamente, dietro ogni movimento e ogni colpo c'è un'idea, niente di casuale o improvvisato, etc etc etc



no.

lo studio e la preparazione non sono mai da apprezzare. Ne' in un film ne 'nel tennis. Non come spettatore.


Perchè lo dice nickognito? :D
Il critico ed intenditore li apprezza, lo spettatore che vuole solo divertirsi no. :)
Come nel cinema.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 120795
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Nickognito » sab apr 19, 2014 8:04 pm

no, non lo apprezza nessuno nel cinema. E non lo decide Nickognito. Semplicemente non esiste alcuna alternativa tra lo spettatore che vuole divertirsi e il critico che guarda la difficolta' di esecuzione. Un film e' fatto bene se e' bello, non se e tecnicamente fatto bene. E la bellezza non la capisce lo spettatore che vuole divertirsi, visto che non tutti i film vogliono far divertire, ne' il critico, ma lo spettatore educato alla bellezza. La complessita' di esecuzione di un film serve solo se finalizzata alla sua bellezza.

Il tennis e' piu' complesso. E' uno sport, quindi sono visti in modo diverso, la componente artistica e' inferiore. Ma , anche qui, la complessita' , la difficolta', non serve a nulla. Posto che esistono sempre le eccezioni, ad esempio di sicuro ci sara' chi compra una mortadella schifosissima al gusto, dannosa per il fisico, ma che, per esser fatta, ha bisogno di un enorme lavoro di anni fatto da professionisti estremamente preparati. Ma possiamo dire che il cibo si compra perche' e' buono fa bene. Al di la' delle eccezioni non ha alcun senso guardare un film o un tennista perche' nati da grande impegno e con grande difficolta' professionale. Si guarda perche' e' un bel film o un bel match.
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

maxredo
Massimo Carbone
Messaggi: 16663
Iscritto il: sab ott 15, 2005 12:33 am
Località: Milano

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda maxredo » sab apr 19, 2014 8:47 pm

Nickognito ha scritto: Al di la' delle eccezioni non ha alcun senso guardare un film o un tennista perche' nati da grande impegno e con grande difficolta' professionale. Si guarda perche' e' un bel film o un bel match.


No (cit.Nickognito)

Come nel cinema mi si dice "vabbeh sarà pesante ma è un prezzo da pagare" lo si può dire anche nel tennis.

Così come un film può essere noioso ai più ma apprezzato dai critici per le riprese, per delle interpretazioni/recitazioni particolarmente riuscite, per una sceneggiatura molto curata, per il significato che sottintende etc etc...così anche nel tennis se i più apprezzano i colpi vincenti e spettacolari il "critico" può apprezzare la difficoltà nel non sbagliare mai, nel compiere degli spostamenti e una preparazione dei colpi impeccabili, nell'applicare una tattica e degli schemi di gioco intelligenti, nel gestire i punti importanti nel fare la scelta giusta etc etc etc

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 120795
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Nickognito » sab apr 19, 2014 8:59 pm

maxredo ha scritto:Come nel cinema mi si dice "vabbeh sarà pesante ma è un prezzo da pagare" lo si può dire anche nel tennis.

Così come un film può essere noioso ai più ma apprezzato dai critici per le riprese, per delle interpretazioni/recitazioni particolarmente riuscite, per una sceneggiatura molto curata, per il significato che sottintende etc etc...così anche nel tennis se i più apprezzano i colpi vincenti e spettacolari il "critico" può apprezzare la difficoltà nel non sbagliare mai, nel compiere degli spostamenti e una preparazione dei colpi impeccabili, nell'applicare una tattica e degli schemi di gioco intelligenti, nel gestire i punti importanti nel fare la scelta giusta etc etc etc


Fatico a rispondere, metti insieme cose che non c'entrano nulla fra di loro. Un film non puo' essere bello se e' brutto ma con la sceneggiatura curata. Puoi capire che e' bravo lo sceneggiatore, ma il film fa schifo e non lo guardi. Un film pesante significa che non sempre ti va di vederlo. Come dire, una bistecca alla fiorentina di 3 chili fatta benissimo e' pesante, non hai voglia di mangiarla sempre. Non e' che non ti piace, ma il critico ti dice che e' cotta bene. Ti piace, ti appassiona, solo che non in ogni momento hai voglia di quel tipo di film
Il significato di un film e' qualcosa di importante nella vita, a volta. Il footwork nel tennis no. Siamo a livelli completamenti diversi.
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 59688
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda balbysauro » sab apr 19, 2014 9:03 pm

Nickognito ha scritto:metti insieme cose che non c'entrano nulla fra di loro


:D

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 120795
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Nickognito » sab apr 19, 2014 9:08 pm

che te ridi? come paragone va bene, non era un paragone :)

su una cosa max ha ragione: che ci sono certi critici, e in generale addetti ai lavori, che sia nel cinema che nel tennis, presi dalla loro professionalita', apprezzano cose brutte e non apprezzano cose belle perche' guardano allo spettacolo come a un lavoro. Si avvicinano a cinema e tennis come un gay si avvicina alla preparazione estetica di una prostituta.

Con la differenza che gli addetti ai lavori del cinema sono spesso dei totali coglioni. (i critici vabbe', lo sono in qunto sottomarca dei giornalisti).

Personalmente credo che i lavori artistici di gruppo di basso livello rivelino l' umanita' peggiore che abbia mai incontrato, torture e violenze a parte. Quindi soprattutto cinema.
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 59688
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda balbysauro » sab apr 19, 2014 9:11 pm

Nickognito ha scritto:che te ridi? come paragone va bene, non era un paragone :)


no, è che è azzardato da parte tua parlare di accostamenti tra cose lontane tra loro :D

maxredo
Massimo Carbone
Messaggi: 16663
Iscritto il: sab ott 15, 2005 12:33 am
Località: Milano

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda maxredo » sab apr 19, 2014 9:11 pm

Nickognito ha scritto:Il significato di un film e' qualcosa di importante nella vita, a volta. Il footwork nel tennis no. Siamo a livelli completamenti diversi.

Ma che c'entra, se è per questo anche una bella volee non è qualcosa di importante nella vita!

A me sembra molto semplice...un critico cinematografico nota e apprezza cose che chi va al cinema con un altro atteggiamento non nota o se nota non contribuiscono ad accrescere il suo piacere.
Jurgen per esempio fa delle annotazioni sulla realizzazione dei film e sulle tecniche/caratteristiche dei registi da critico, cose che io e molti altri non troviamo interessanti. (nel senso di rendere il film piacevole, non che non sia interessante quello che dice jurgen!)
Così anche nel tennis Ciccio sa analizzare/apprezzare degli aspetti tecnico/tattici del tennis che a molti non interessano.

Chi nel tennis vuole vedere i colpi vincenti e tirare forte è come chi nel cinema vuole suspance ed emozioni.
E non dico che sia superficiale nessuno dei due atteggiamenti (o alternativamente se lo sono, lo sono entrambi)

maxredo
Massimo Carbone
Messaggi: 16663
Iscritto il: sab ott 15, 2005 12:33 am
Località: Milano

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda maxredo » sab apr 19, 2014 9:17 pm

Nickognito ha scritto:su una cosa max ha ragione: che ci sono certi critici, e in generale addetti ai lavori, che sia nel cinema che nel tennis, presi dalla loro professionalita', apprezzano cose brutte e non apprezzano cose belle perche' guardano allo spettacolo come a un lavoro. Si avvicinano a cinema e tennis come un gay si avvicina alla preparazione estetica di una prostituta.


Oh, è solo quello che volevo dire. :)
Solo che io non voglio dire necessariamente che siano cose brutte o belle (cioè per me lo sono ma è gusto personale) bensì apprezzare che sono aspetti diversi.

Con la differenza che secondo me il critico cinematografico è più apprezzato del critico tennistico.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 120795
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Nickognito » sab apr 19, 2014 9:21 pm

ma certo che esistono tecnici di cinema e tennis. Ma quelli non servono per godere cinema e tennis, al massimo per insegnarlo .

Che poi un tecnico di tennis di solito mica si entusiasma a guardare i match tra andujar e zeballos. Si annoiano come me.

Tu fai questi paragoni solo perche' non hai una cultura formata nel cinema, o comunque non e' il tuo genere per limiti tuoi. Come io non apprezzo la lirica, ma non e' che dico che siccome non mi piace Verdi, Verdi e' pesante come Ferrer-Seppi , solo poi i critici riconoscono quanto di buoni c'e' in Verdi e in Ferrer. Non ha senso! Semplicemente, Verdi fa capolavori che io non capisco, Ferrer fa cose anche difficili ma non fa nessun capolavoro, le cose difficili gli servono per fare soldi come un bravo metalmeccanico, non e' un artista e non produce nulla di bello. Io non faccio differenza perche' nella lirica sono una capra e comunque non e il mio genere.
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 120795
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: I capolavori che non abbiamo compreso

Messaggioda Nickognito » sab apr 19, 2014 9:23 pm

maxredo ha scritto:
Nickognito ha scritto:su una cosa max ha ragione: che ci sono certi critici, e in generale addetti ai lavori, che sia nel cinema che nel tennis, presi dalla loro professionalita', apprezzano cose brutte e non apprezzano cose belle perche' guardano allo spettacolo come a un lavoro. Si avvicinano a cinema e tennis come un gay si avvicina alla preparazione estetica di una prostituta.


Oh, è solo quello che volevo dire. :)
.


si', ma tu hai parlato come se i fruitori di cinema fossero o critici o ignoranti. come se nella automobili ci fossero solo i progettisti , o chi non capisce la differenza tra una ferrari e una smart.
1)Acceptance 2)Awareness 3)Anger 4)Autonomy 5)Attachment 6)Assertion 7)Affirmation
Beauty is truth, truth beauty, that is all ye know on earth, and all ye need to know.


Torna a “Cinema e dintorni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti