weekend ad Amsterdam

Sogni, realizzati e da realizzare, dei nostri viaggiatori (non per caso!)
Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3586
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda NK7 » dom dic 17, 2017 3:53 pm

ciccio ha scritto:Poi il Van Gogh museum dove almeno la metá dei dipinti son falsi autenticati

:o ci sono studi attendibili che lo documentano?
Utenti in ignore: loveboat, ciccio, buriansiberiano, chiaky, maxredo, taylorhawkins89, Nick, parca85

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda ciccio » dom dic 17, 2017 4:36 pm

NK7 ha scritto:
ciccio ha scritto:Poi il Van Gogh museum dove almeno la metá dei dipinti son falsi autenticati

:o ci sono studi attendibili che lo documentano?

Sono insistenti voci che girano fra i galleristi e gli esperti d'asta.
Di pittura me ne intendo abbastanza, e il sistema "primo impatto" è quello che adotto, un quadro deve trasmettermi la sensibilità dell'artista in un paio di minuti, tre al massimo prima ancora di esaminarlo, Van Gogh ne aveva a vagoni. Quando sono entrato lí è stata inizialmente una mezza delusione, i primi quadri per quanto ben eseguiti non mi dicevano assolutamente nulla. Poi pian piano cominciando a girare ho notato le differenze e quelli belli. All'epoca pensai a varie fasi, a epoche giovanili, poi tornato in Italia scoprii chiacchierando qua e lá le voci che girano.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3586
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda NK7 » dom dic 17, 2017 7:04 pm

Abbastanza sconvolgente come teoria devo dire, considerato che la quasi totalità delle opere del museo proviene (rectius, dovrebbe provenire) direttamente dalle mani del fratello Theo per quel che mi risulta.
Utenti in ignore: loveboat, ciccio, buriansiberiano, chiaky, maxredo, taylorhawkins89, Nick, parca85

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3586
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda NK7 » lun dic 18, 2017 11:00 pm

Visto oggi il Wheatfield finalmente.
Khedire, spettacolare, e boh, per lo zero che vale il mio parere a me sembra autentico. Poi alla fine dirò che se anche fosse una copia le emozioni che mi ha regalato in quella mezz'ora che son rimasto ad ammirarlo mica sparirebbero.

Fatto pure il Rijks (che a marzo avevo sacrificato per lo Stedeljik), botta clamorosa anche quello, purtroppo a un certo punto ero di fretta e mi son accorto solo dopo esser uscito di non aver visto una buona fetta dell'ala est.

Domani Den Haag, raffreddore permettendo. Mi intriga molto il museo di Escher.
Utenti in ignore: loveboat, ciccio, buriansiberiano, chiaky, maxredo, taylorhawkins89, Nick, parca85

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda ciccio » mar dic 19, 2017 4:33 am

No no, quel campo di grano li é veríssimo, spettacolare, incredibile. Ricordo perfettamente esserci tornato a guardarlo 5-6 volte durante la visitá. É ipnotico, coinvolgente, ti scombussola i sentimenti, esplosivo. Si insomma, letteralmente um filo di unione fra te e l'artista. Ci son quadri transfert che ti fanno interessare d'arte anche se non ti há mai interessato prima, questo é uno di quelli.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3586
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda NK7 » gio dic 21, 2017 10:04 am

Vista anche Den Haag, un vero gioiello, per molti versi anche più bella di Amsterdam. Tappe obbligate per chi in futuro volesse visitarla:

-Palazzo della Pace (sede del tribunale per i crimini nella ex-Yu)
-chiesa di S.Ignazio di Loyola
-museo Escher, presenti tutte le sue litografie più conosciute
-Binnenhof e Ridderzaal
-Chinatown, il quartiere cinese dove oltre a fastfood orientali di ogni genere troverete il futuristico municipio, edificio enorme e architettonicamente impressionante
-Noordeinde Palace e annesso giardino

Oltre al museo col capolavoro di Vermeer citato da baba e che purtroppo non sono riuscito a vedere (una giornata non è bastata).

Da Amsterdam in treno sono circa 40 minuti, ne vale assolutamente la pena.
Utenti in ignore: loveboat, ciccio, buriansiberiano, chiaky, maxredo, taylorhawkins89, Nick, parca85

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda ciccio » gio dic 21, 2017 11:46 am

NK7 ha scritto:
Oltre al museo col capolavoro di Vermeer citato da baba e che purtroppo non sono riuscito a vedere (una giornata non è bastata).

.

male molto male, i Vermeer riconosciuti son pochissimi e quello lí da solo vale un viaggio.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 114432
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda Nickognito » gio dic 21, 2017 11:47 am

come quello ce n'e' uno solo: un Vermeer solitario.
"Balbysauro scassa gli zebedei" (cit.)

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3586
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda NK7 » gio dic 21, 2017 11:50 am

ciccio ha scritto:
NK7 ha scritto:
Oltre al museo col capolavoro di Vermeer citato da baba e che purtroppo non sono riuscito a vedere (una giornata non è bastata).

.

male molto male, i Vermeer riconosciuti son pochissimi e quello lí da solo vale un viaggio.

Avevo visto La Lattaia il giorno prima. E poi Escher è sempre stato un mio feticismo, molto soddisfatto anche così.
Utenti in ignore: loveboat, ciccio, buriansiberiano, chiaky, maxredo, taylorhawkins89, Nick, parca85

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda ciccio » gio dic 21, 2017 11:52 am

NK7 ha scritto:
ciccio ha scritto:
NK7 ha scritto:
Oltre al museo col capolavoro di Vermeer citato da baba e che purtroppo non sono riuscito a vedere (una giornata non è bastata).

.

male molto male, i Vermeer riconosciuti son pochissimi e quello lí da solo vale un viaggio.

Avevo visto La Lattaia il giorno prima. E poi Escher è sempre stato un mio feticismo, molto soddisfatto anche così.

per stavolta sei perdonato :D
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3586
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda NK7 » ven dic 22, 2017 8:30 am

Conosciuto più donne interessanti in 10 giorni tra Olanda e Germania che in 42 anni in Italia.
Utenti in ignore: loveboat, ciccio, buriansiberiano, chiaky, maxredo, taylorhawkins89, Nick, parca85

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda ciccio » ven dic 22, 2017 10:04 am

NK7 ha scritto:Conosciuto più donne interessanti in 10 giorni tra Olanda e Germania che in 42 anni in Italia.

grande ! :D
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
wiper
Massimo Carbone
Messaggi: 25081
Iscritto il: dom ago 21, 2005 11:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda wiper » gio gen 04, 2018 11:55 am

ciccio ha scritto:
NK7 ha scritto:
ciccio ha scritto:Poi il Van Gogh museum dove almeno la metá dei dipinti son falsi autenticati

:o ci sono studi attendibili che lo documentano?

Sono insistenti voci che girano fra i galleristi e gli esperti d'asta.
Di pittura me ne intendo abbastanza, e il sistema "primo impatto" è quello che adotto, un quadro deve trasmettermi la sensibilità dell'artista in un paio di minuti, tre al massimo prima ancora di esaminarlo, Van Gogh ne aveva a vagoni. Quando sono entrato lí è stata inizialmente una mezza delusione, i primi quadri per quanto ben eseguiti non mi dicevano assolutamente nulla. Poi pian piano cominciando a girare ho notato le differenze e quelli belli. All'epoca pensai a varie fasi, a epoche giovanili, poi tornato in Italia scoprii chiacchierando qua e lá le voci che girano.


da intenditore di pittura, volevo conoscere il tuo pensiero sull'arte moderna :D
ImmagineImmagineImmagine

Gios ha scritto:È come la seconda birra quando hai sete e fa caldo: non è quella roba fantastica che è la prima birra, ma è pur sempre birra.

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda ciccio » gio gen 04, 2018 12:06 pm

wiper ha scritto:
ciccio ha scritto:
NK7 ha scritto: :o ci sono studi attendibili che lo documentano?

Sono insistenti voci che girano fra i galleristi e gli esperti d'asta.
Di pittura me ne intendo abbastanza, e il sistema "primo impatto" è quello che adotto, un quadro deve trasmettermi la sensibilità dell'artista in un paio di minuti, tre al massimo prima ancora di esaminarlo, Van Gogh ne aveva a vagoni. Quando sono entrato lí è stata inizialmente una mezza delusione, i primi quadri per quanto ben eseguiti non mi dicevano assolutamente nulla. Poi pian piano cominciando a girare ho notato le differenze e quelli belli. All'epoca pensai a varie fasi, a epoche giovanili, poi tornato in Italia scoprii chiacchierando qua e lá le voci che girano.


da intenditore di pittura, volevo conoscere il tuo pensiero sull'arte moderna :D

spettacolo di alcuni, croste di tanti
poi l'importante è esprimersi, anche se fai croste, l'arte moderna te lo permette, ma poi non cercare di vendermi croste a prezzi allucinanti, e purtroppo le gallerie e gli artisti ci marciano.
Fare il buon gallerista d'arte è un'impresa tanto difficile quanto fare un bel quadro d'arte moderna.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
wiper
Massimo Carbone
Messaggi: 25081
Iscritto il: dom ago 21, 2005 11:37 am
Località: Milano
Contatta:

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda wiper » gio gen 04, 2018 12:08 pm

ciccio ha scritto:spettacolo di alcuni, croste di tanti
poi l'importante è esprimersi, anche se fai croste, l'arte moderna te lo permette, ma poi non cercare di vendermi croste a prezzi allucinanti, e purtroppo le gallerie e gli artisti ci marciano.
Fare il buon gallerista d'arte è un'impresa tanto difficile quanto fare un bel quadro d'arte moderna.


c'è una discriminante oggettiva per riconoscere le croste?!?!?
io da inesperto d'arte non riesco a trovarla (mentre credo che per le opere meno recenti sia più facile trovarlo)
ImmagineImmagineImmagine

Gios ha scritto:È come la seconda birra quando hai sete e fa caldo: non è quella roba fantastica che è la prima birra, ma è pur sempre birra.

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda ciccio » gio gen 04, 2018 12:24 pm

wiper ha scritto:
ciccio ha scritto:spettacolo di alcuni, croste di tanti
poi l'importante è esprimersi, anche se fai croste, l'arte moderna te lo permette, ma poi non cercare di vendermi croste a prezzi allucinanti, e purtroppo le gallerie e gli artisti ci marciano.
Fare il buon gallerista d'arte è un'impresa tanto difficile quanto fare un bel quadro d'arte moderna.


c'è una discriminante oggettiva per riconoscere le croste?!?!?
io da inesperto d'arte non riesco a trovarla (mentre credo che per le opere meno recenti sia più facile trovarlo)

ci sono migliaia di libri per rispondere a questa domanda e nemmeno tutti assieme la troverebbero
penso l'unica oggettività possibile sia averne visti talmente tanti e talmente per tanto tempo da rendersi conto se un quadro trasmette qualcosa o no, per quanto tempo lo trasmette e scremarlo del fatto che lo trasmette a te perché tu sei sensibile a quella specifica trasmissione.
In pratica è un concetto che forse esiste e forse no, in realtá è un insieme di esperienze, tua e di mille altri a cui interessa l'arte come a te che fa diventare il soggettivo un'oggettivo, e solo il tempo poi lo rende reale, forse !
l'arte antica si, ben più facile perché non aveva a che fare con l'emozione, ma con la tecnica e l'impressione
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3586
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda NK7 » gio gen 04, 2018 4:22 pm

Credo che quello posto da wiper sia l'eterno quesito dell'oggettività/soggettività dell'arte.

Per me l'arte è sempre oggettiva, poi capita che per enne motivi ci possano piacere le croste o schifare i capolavori, ma il problema non è quasi mai l'artista in sé bensì l'occhio e la sensibilità dell'osservatore. Se guardi un quadro di Cy Twombly e pensi "anche mio figlio all'asilo fa gli stessi scarabocchi" vuol dire che non cogli la genialità di Twombly nell'esser stato il primo ad aver capito che anche gli scarabocchi possono avere rilevanza artistica, che tutto può essere arte, anche ciò che a prima vista può sembrare, e magari è, spazzatura (concetto questo sdoganato dai dadaisti, da Duchamp in poi).

Poi diciamo che vale anche il principio democratico, se X persone ritengono capolavori le opere di Pollock significa che sono effettivamente capolavori e non schizzi di pittura buttati lì a casaccio. Un po' come se racconti una barzelletta a 100 persone e nessuno ride, vuol dire che come comico non vali granché. Questo, in termini molto grossolani.
Utenti in ignore: loveboat, ciccio, buriansiberiano, chiaky, maxredo, taylorhawkins89, Nick, parca85

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda ciccio » gio gen 04, 2018 6:33 pm

NK7 ha scritto:Credo che quello posto da wiper sia l'eterno quesito dell'oggettività/soggettività dell'arte.

Per me l'arte è sempre oggettiva, poi capita che per enne motivi ci possano piacere le croste o schifare i capolavori, ma il problema non è quasi mai l'artista in sé bensì l'occhio e la sensibilità dell'osservatore. Se guardi un quadro di Cy Twombly e pensi "anche mio figlio all'asilo fa gli stessi scarabocchi" vuol dire che non cogli la genialità di Twombly nell'esser stato il primo ad aver capito che anche gli scarabocchi possono avere rilevanza artistica, che tutto può essere arte, anche ciò che a prima vista può sembrare, e magari è, spazzatura (concetto questo sdoganato dai dadaisti, da Duchamp in poi).

Poi diciamo che vale anche il principio democratico, se X persone ritengono capolavori le opere di Pollock significa che sono effettivamente capolavori e non schizzi di pittura buttati lì a casaccio. Un po' come se racconti una barzelletta a 100 persone e nessuno ride, vuol dire che come comico non vali granché. Questo, in termini molto grossolani.

Ecco io per esempio di fronte ad un Pollock resto del tutto indifferente anche se l'ho studiato e capito, mentre ad un Vedova che è concettualmente simile resto rapito
Su Duchamp evito il commento :-?
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 114432
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda Nickognito » gio gen 04, 2018 6:51 pm

Eterna questione, ma qualunque risposta semplice e' per me sbagliata, semplicemente persone diverse, anche del settore, intendono per 'arte' qualcosa di diverso.

Io userei invece parole diverse.

Ad esempio, se Giotto, o Fidia, o Bach erano d'accordo nel definire l' arte anche come uno scarabocchio che non necessita di tecnica e non rappresenta nulla ma ha rivelanza artistica, bene, usiamo pure la stessa parola per definire l'arte di entrambi, altrimenti usiamo parole diverse.

Questo almeno se vogliamo definire l'arte in base al tipo di prodotto artistico.

Se invece vogliamo definire l' arte come qualcosa che e' definito, volta volta, dagli esperti d'arte del tempo, allora il discorso cambia.

Insomma, se per essere un'opera d'arte servono determinate proprieta' estetiche, queste proprieta' non possono essere del tutto nuove oggi, ad esempio, sarebbe assurdo, per me, usare la stessa parola per definire 'qualcosa di bello' o 'qualcosa che ha un significato nuovo', sarebbe solo un uso errato, e fazioso, del linguaggio.

Se invece questo non serve, ma serve solo una definizione istituzionale, magari, che so, che i contemporanei giudicano quell'opera come artistica e di valore, con un suo prezzo, e cosi' via, allora va bene anche usare lo stesso termine.

Di fatto, pero', nessuno si trova d'accordo. Il senso di usare una parola che ognuno intende a suo modo, e' a me oscuro.

Come e' oscuro chiedersi che valore artistico abbia. Mentre per me ha senso chiedersi se un'opera ha valore economico, se e' bella a vedersi, se piace, se trasmette qualcosa, e cosa, e cosi' via.

Poi, in generale, diffido da cio' che e' diverso da tutto il resto: per dire, se uno, in genere, ama il cibo buono di sapore o che fa bene alla salute, ama le donne belle e fare sesso tradizionale, pur variando, ama stare in casa e fuori regolando una giusta temperatura, ama il mare, un tramonto, un bosco, e cosi' via, e poi all'improvviso ama un cesso di Duchamp, a me la cosa stona.

Se invece uno e' contento di provare a mangiare un pezzo di terra e ciucciare una pietra, e' attirato dalle donne con unghie incarnite ma ci vuole copulare solo sfregando la sua spalla contro il suo deretano, va fuori d'estate col piumino, ama il panorama di Cologno Monzese e poi ama un cesso di Duchamp, a me la cosa va bene :D
"Balbysauro scassa gli zebedei" (cit.)

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3586
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda NK7 » gio gen 04, 2018 7:47 pm

Nickognito ha scritto:Se invece uno e' contento di provare a mangiare un pezzo di terra e ciucciare una pietra, e' attirato dalle donne con unghie incarnite ma ci vuole copulare solo sfregando la sua spalla contro il suo deretano, va fuori d'estate col piumino, ama il panorama di Cologno Monzese e poi ama un cesso di Duchamp, a me la cosa va bene :D

Più o meno la mia condizione. Non a caso adoro Dada, minimal e concettualismo, sessualmente sono feticista con tratti BDSM, sogno di lavorare come necroforo e per rilassarmi ascolto questa roba qui:

Utenti in ignore: loveboat, ciccio, buriansiberiano, chiaky, maxredo, taylorhawkins89, Nick, parca85

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 114432
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda Nickognito » gio gen 04, 2018 8:07 pm

BDSM, feticismo e metal sono di massa (se pur una minoranza, ma di massa) e BDSM e metal sono anche gusti piuttosto legati a una visione tradizionale del sesso (che e' tradizionalmente violenza e dominio consenziente, in una qualche misura) e musica (complessita' musicale, energia).

Il feticismo invece e' come tipologia piu' di questo tipo, e ci si puo' ovviamente interessare a un feticismo strano, che quasi nessuno ha (diciamo escludendo piedi, sculacciate, infantilismo, voyeurismo, pelle, animali, escrementi, solletico, dividere il partner, gli altri sono relativamente non di massa).


Pero' non mi riferivo a stranezze, soprattutto nel sesso (dove ci sono implicazioni psicologiche che vanno al di la' dei 'gusti'), mi riferivo proprio a cercare cose diverse: a non cercare salute o piacere di gusto nel cibo, a non cercare piacere sessuale fisico e mentale, o dolore e violenza, nel sesso, il non cercare nella musica ne' armonia, ne' ritmo, ne' potenza, eccetera, ma il cercare qualcosa di nuovo, non conforme ai propri gusti: cercare qualcosa che non piace, ma che ha inventiva.

Ovviamente non intendo dire che tutta l'arte contemporanea sia questo, mi riferisco a quelle opere che sono cosi' intese.
"Balbysauro scassa gli zebedei" (cit.)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 114432
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: weekend ad Amsterdam

Messaggioda Nickognito » gio gen 04, 2018 8:17 pm

Ma soprattutto, ovviamente l'ultimo post (adesso gli ultimi due) non sono veramente seri, eh... si sa mai, qui...
"Balbysauro scassa gli zebedei" (cit.)


Torna a “Viaggi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti