Il Masters al tempo della Brexit.

Discussioni sui principali eventi tennistici a livello internazionale (tornei dello Slam, ATP, WTA, Davis Cup, ecc.)
stefano61
Saggio
Messaggi: 7835
Iscritto il: ven gen 26, 2007 3:50 pm
Località: Faenza

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda stefano61 » lun nov 21, 2016 2:50 am

Per come ho visto io la partita, Djokovic ha avuto un grosso calo da metà primo set fino a metà del secondo, subendo un rovinoso parziale di 7 giochi a 1.

Murray ha giocato bene, soprattutto con il dritto, e non è praticamente mai andato in difficoltà su quella diagonale - cosa che è spesso stata il suo punto debole negli incontri con Nole. Djokovic, però, è stato davvero abbastanza disastroso.

Il merito maggiore di Murray, comunque, è stato il modo in cui ha retto al tentativo di rimonta del serbo nella seconda parte del secondo set. Lì Djokovic ha ritrovato gioco e fiducia, ha recuperato uno dei 2 break di svantaggio, mettendo finalmente pressione sulla battuta dell' avversario. Ma lo scozzese ha servito alla grande nei momenti di difficoltà, e ha messo in mostra la sua grandissima condizione atletica, con eccezionali recuperi difensivi (in particolare un formidabile passante di rovescio incrociato in piena corsa).

Nole, da parte sua, dovrebbe recriminare per non aver chiesto il challenge su un suo rovescio vincente sulla riga (chiamato out) che lo avrebbe portato sul 30 pari, quando Murray stava servendo in vantaggio per 4-3.
Djokovic ha anche annullato da campione i primi 2 match point, ma chiaramente la sua reazione è stata davvero troppo tardiva. Se il match si fosse prolungato, e si fosse giunti al terzo set, lo scozzese avrebbe forse finito per pagare gli sforzi della lunga semifinale di ieri.

Bella vittoria di Murray, in definitiva, ma certamente anche aiutata da un lungo passaggio a vuoto di Djokovic.

stefano61
Saggio
Messaggi: 7835
Iscritto il: ven gen 26, 2007 3:50 pm
Località: Faenza

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda stefano61 » lun nov 21, 2016 3:01 am

Ace Man ha scritto:
Murray per fortuna non è nè Nishikori nè Goffin e la partita ha messo a nudo il fatto che Djokovic è ancora lo stesso che abbiamo visto da Wimbledon in poi.
Inquietante il fatto che per essercene accorti abbiamo dovuto aspettare che incontrasse Murray. Questo ci dice purtroppo che nei top ten attualmente ci sono giocatori veramente indegni.



Ora, però - da quel che dici - sembra che Djokovic sia arrivato in finale contro il nulla, mentre Murray abbia dominato il torneo. Il chè non è chiaramente vero: dei due, chi ha rischiato di non far finale è stato proprio Murray - costretto a una dura battaglia non solo in semifinale da Raonic (a cui ha dovuto annullare un match point), ma anche dallo stesso Nishikori (da te così denigrato).

maxredo
FooLminato
Messaggi: 14851
Iscritto il: sab ott 15, 2005 12:33 am
Località: Milano

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda maxredo » lun nov 21, 2016 8:43 am

Io cmq non capisco questo continuo, eccessivo, riferimento alla mancanza di avversari.

Se si fanno valutazioni all-time da topicone ovviamente il valore degli avversari è fondamentale.

Ma qui si parla di essere numero x del mondo e meritarsi i vari trofei...meritarsei OGGI, si compete contro i giocatori di tutto il mondo, se c'è una netta superiorità magari è anche perchè è tanto bravo lui...dove deve andare a cercarli gli avversari, su marte?
E vale un po' per tutti gli sport, sembra che essere nettamente più forti sia una colpa, perchè alla fine si fa sfigurare gli avversari e li si fa sembrare troppo poco competitivi :wink:

Avatar utente
Burian siberiano
Saggio
Messaggi: 8254
Iscritto il: mar lug 28, 2009 11:22 am
Località: TERAMO

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Burian siberiano » lun nov 21, 2016 11:28 am

maxredo ha scritto:Io cmq non capisco questo continuo, eccessivo, riferimento alla mancanza di avversari.

Se si fanno valutazioni all-time da topicone ovviamente il valore degli avversari è fondamentale.

Ma qui si parla di essere numero x del mondo e meritarsi i vari trofei...meritarsei OGGI, si compete contro i giocatori di tutto il mondo, se c'è una netta superiorità magari è anche perchè è tanto bravo lui...dove deve andare a cercarli gli avversari, su marte?
E vale un po' per tutti gli sport, sembra che essere nettamente più forti sia una colpa, perchè alla fine si fa sfigurare gli avversari e li si fa sembrare troppo poco competitivi :wink:



Vabbe ma se Thiem, Monfils, Goffin sono presentabili ad un master io sono Brad Pitt. Fai il bravo
Il giorno in cui Federer appenderà la racchetta al chiodo capiremo la differenza.Quelli che si commuoveranno saranno coloro che amano il tennis.Tutti gli altri no.Tutti gli altri avranno visto sempre e solo due persone che si scambiano una pallina gialla.

ludega
Illuminato
Messaggi: 3841
Iscritto il: lun lug 25, 2005 1:12 pm
Località: Milano

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda ludega » lun nov 21, 2016 2:09 pm

stefano61 ha scritto:
Ora, però - da quel che dici - sembra che Djokovic sia arrivato in finale contro il nulla, mentre Murray abbia dominato il torneo. Il chè non è chiaramente vero: dei due, chi ha rischiato di non far finale è stato proprio Murray - costretto a una dura battaglia non solo in semifinale da Raonic (a cui ha dovuto annullare un match point), ma anche dallo stesso Nishikori (da te così denigrato).


Un Masters si può anche vincere perdendo due partite nel girone come è successo alla Radwanska lo scorso anno, eh...

Murray ha avuto oggettivamente il sorteggio peggiore dato che da N.1 ha pescato N.3, N.5 e N.7 mentre il suo rivale ha preso N.4 N.6 e N.8 (in realtà N.9). Nonostante questo ha finito imbattuto cosa non scontata in un torneo col Round Robin. Questo pur giocando una partita vera anche in terza giornata contro Wawrinka, a differenza di Djokovic che era già qualificato e ha giocato un'esibizione contro Goffin (riserva)

Considerato poi lo scontro diretto stravinto in finale, mi pare una vittoria limpida che più limpida non si può...

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 39270
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Johnny Rex » lun nov 21, 2016 2:39 pm

Finale bruttina, decisa più ancora che dalla solidità di Murray dalla fallosità di un Djokovic che dobbiamo definire minimo convalescente , curioso, per un giocatore che ha avuto spesso il tifo contro (specie contro Federer, meno contro Nadal) senza avvertirlo il fatto di aver perso le 3 sfide a Londra contro Murray con un parziale di 7 set a 0 (ha vinto la sfida RR del 2012, ma fra la gara del girone e quella ad eliminazione c'è un bello scarto) ieri, come a Wimbledon 2013 quasi senza lottare , contati almeno 12 errori di rovescio solo nel primo set.
La sensazione è che, come quasi sempre fra i due, Murray vinca nelle occasioni in cui l'avversario non gira ,tutto sta a vedere se questa crisi Djokoviciana è temporanea o destinata a protrarsi anche nel 2017. Difficile, molto difficile comunque, a parte la solita scarsità di altre linee dietro, che possa tornare a dominare come nell'ultimo quinquennio.

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 52056
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda balbysauro » lun nov 21, 2016 2:42 pm

ludega ha scritto:
stefano61 ha scritto:
Ora, però - da quel che dici - sembra che Djokovic sia arrivato in finale contro il nulla, mentre Murray abbia dominato il torneo. Il chè non è chiaramente vero: dei due, chi ha rischiato di non far finale è stato proprio Murray - costretto a una dura battaglia non solo in semifinale da Raonic (a cui ha dovuto annullare un match point), ma anche dallo stesso Nishikori (da te così denigrato).


Un Masters si può anche vincere perdendo due partite nel girone come è successo alla Radwanska lo scorso anno, eh...


è successo anche al gcn! #100#

ludega
Illuminato
Messaggi: 3841
Iscritto il: lun lug 25, 2005 1:12 pm
Località: Milano

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda ludega » lun nov 21, 2016 3:01 pm

Johnny Rex ha scritto: Difficile, molto difficile comunque, a parte la solita scarsità di altre linee dietro, che possa tornare a dominare come nell'ultimo quinquennio. F.F.


Ma in realtà dominio per un quinquennio è un po' una forzatura: ha dominato il 2011, il 2015 e mezzo 2016, per il resto anche quando è stato N.1 non aveva il dominio totale. Il prossimo anno potrebbe tornare a livelli da 2013-2014, dietro non vedo avversari credibili

Avatar utente
Burian siberiano
Saggio
Messaggi: 8254
Iscritto il: mar lug 28, 2009 11:22 am
Località: TERAMO

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Burian siberiano » lun nov 21, 2016 3:10 pm

ludega ha scritto:
Johnny Rex ha scritto: Difficile, molto difficile comunque, a parte la solita scarsità di altre linee dietro, che possa tornare a dominare come nell'ultimo quinquennio. F.F.


Ma in realtà dominio per un quinquennio è un po' una forzatura: ha dominato il 2011, il 2015 e mezzo 2016, per il resto anche quando è stato N.1 non aveva il domnio totale. Il prossimo anno potrebbe tornare a livelli da 2013-2014, dietro non vedo avversari credibili

Ha dominato quando c era federer in forma negli ultimi spicci di carriera tanto per rompere le scatole al giocatore più sfortunato di tutti i tempi
Il giorno in cui Federer appenderà la racchetta al chiodo capiremo la differenza.Quelli che si commuoveranno saranno coloro che amano il tennis.Tutti gli altri no.Tutti gli altri avranno visto sempre e solo due persone che si scambiano una pallina gialla.

stefano61
Saggio
Messaggi: 7835
Iscritto il: ven gen 26, 2007 3:50 pm
Località: Faenza

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda stefano61 » lun nov 21, 2016 3:36 pm

ludega ha scritto:
Un Masters si può anche vincere perdendo due partite nel girone come è successo alla Radwanska lo scorso anno, eh...

Murray ha avuto oggettivamente il sorteggio peggiore dato che da N.1 ha pescato N.3, N.5 e N.7 mentre il suo rivale ha preso N.4 N.6 e N.8 (in realtà N.9). Nonostante questo ha finito imbattuto cosa non scontata in un torneo col Round Robin. Questo pur giocando una partita vera anche in terza giornata contro Wawrinka, a differenza di Djokovic che era già qualificato e ha giocato un'esibizione contro Goffin (riserva)

Considerato poi lo scontro diretto stravinto in finale, mi pare una vittoria limpida che più limpida non si può...



Mica avanzavo dubbi sulla legittimità della vittoria di Murray - ci mancherebbe.

Semplicemente, non ha vinto il torneo spazzando via tutti gli altri, ridimensionando anche - insieme all' ex numero 1 del mondo - tutti gli avversari battuti precedentemente da Djokovic, come qualcuno ha tentato di farci credere.
E nemmeno mi sembra vero che avesse un girone così più difficile di quello di Djokovic, come si era detto all' inizio.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 113588
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Nickognito » lun nov 21, 2016 3:43 pm

Nishi ha giocato male, Cilic pensava alal Davis, Wawrinka in vacanza, Thiem almeno era motivato e Raonic sul veloce due su tre al momento e' chiaramente il n.3.
Gemono come le alci in amore a primavera

Avatar utente
fabio86
Massimo Carbone
Messaggi: 35781
Iscritto il: gio lug 23, 2009 6:53 pm
Località: The Island

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda fabio86 » lun nov 21, 2016 3:52 pm

Cilic ha lottato come un leone incitandosi come raramente ho visto fargli contro Wawrinka.
Segno che andare avanti gli importasse eccome.
Solo che Stan ha giocato l'unica buona partita da mesi proprio in quell'occasione.

Il punto è che Djokovic e Murray non hanno certamente mostrato un livello di gioco così inavvicinabile, anzi.
Infatti Murray ha rischiato in semi.
Djokovic nemmeno quello.

ludega
Illuminato
Messaggi: 3841
Iscritto il: lun lug 25, 2005 1:12 pm
Località: Milano

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda ludega » lun nov 21, 2016 4:00 pm

Nickognito ha scritto:Nishi ha giocato male, Cilic pensava alal Davis, Wawrinka in vacanza, Thiem almeno era motivato e Raonic sul veloce due su tre al momento e' chiaramente il n.3.


Molto meglio Monfils che ha fatto il clown per 2 partite e poi è andato a casa prima e Thiem che ha giocato 80 tornei in stagione e ha vinto 3 partite nell'ultimo mese.....

Wawrinka + Cilic >>>>> Monfils(Goffin)+Thiem

Il girone non è fatto da 2 giocatori ma da 4. Anche considerando che Raonic è più pericoloso di Nishikori, che è verissimo in questo caso, il resto del sorteggio restava ampiamente favorevole a Djokovic

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 113588
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Nickognito » lun nov 21, 2016 5:06 pm

non so, Thiem forse avrebeb avuto chance di la
Gemono come le alci in amore a primavera

Avatar utente
Burian siberiano
Saggio
Messaggi: 8254
Iscritto il: mar lug 28, 2009 11:22 am
Località: TERAMO

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Burian siberiano » lun nov 21, 2016 5:29 pm

Nickognito ha scritto:non so, Thiem forse avrebeb avuto chance di la

Si avrebbe avuto chance di prendere quattro 6-0 probabilmente
Il giorno in cui Federer appenderà la racchetta al chiodo capiremo la differenza.Quelli che si commuoveranno saranno coloro che amano il tennis.Tutti gli altri no.Tutti gli altri avranno visto sempre e solo due persone che si scambiano una pallina gialla.

Avatar utente
marat77
Massimo Carbone
Messaggi: 27737
Iscritto il: mar gen 16, 2007 1:18 am
Località: Lissone(MI)

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda marat77 » mar nov 22, 2016 8:49 am

ludega ha scritto:
Johnny Rex ha scritto: Difficile, molto difficile comunque, a parte la solita scarsità di altre linee dietro, che possa tornare a dominare come nell'ultimo quinquennio. F.F.


Ma in realtà dominio per un quinquennio è un po' una forzatura: ha dominato il 2011, il 2015 e mezzo 2016, per il resto anche quando è stato N.1 non aveva il dominio totale. Il prossimo anno potrebbe tornare a livelli da 2013-2014, dietro non vedo avversari credibili


E sticazzi ludega.
Sei entrato nella modalità "devo screditare Djokovic" ad ogni post(costo).
Mi sembri Burian in versione più educato.
Sticazzi non è un quinquiennio ma 2.5 dominati.
Negli altri ha più o meno sempre avuto 10 mila punti nel ranking che si avvicinano abbastanza ad un concetto di dominio seppure con la due parentesi al numero 1 di Roger e Rafa.
Ecco dominio no per 5 anni ma comunque per quasi la totalità di questi 5 anni e mezzo IL numero 1 al mondo.
2014 - a meta' torneo: "Nole non vincera' mai piu' Wimbledon" (cit.Sottoscritto)

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda PINDARO » mar nov 22, 2016 9:32 am

marat77 ha scritto:
E sticazzi ludega.
Sei entrato nella modalità "mi manca da morire Roger e assieme a Backandwinner, Ciccio , Alessandro e Fabio86 devo screditare Djokovic" ad ogni post(costo). .

ludega
Illuminato
Messaggi: 3841
Iscritto il: lun lug 25, 2005 1:12 pm
Località: Milano

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda ludega » mar nov 22, 2016 11:23 am

marat77 ha scritto:
ludega ha scritto:
Johnny Rex ha scritto: Difficile, molto difficile comunque, a parte la solita scarsità di altre linee dietro, che possa tornare a dominare come nell'ultimo quinquennio. F.F.


Ma in realtà dominio per un quinquennio è un po' una forzatura: ha dominato il 2011, il 2015 e mezzo 2016, per il resto anche quando è stato N.1 non aveva il dominio totale. Il prossimo anno potrebbe tornare a livelli da 2013-2014, dietro non vedo avversari credibili


E sticazzi ludega.
Sei entrato nella modalità "devo screditare Djokovic" ad ogni post(costo).
Mi sembri Burian in versione più educato.
Sticazzi non è un quinquiennio ma 2.5 dominati.
Negli altri ha più o meno sempre avuto 10 mila punti nel ranking che si avvicinano abbastanza ad un concetto di dominio seppure con la due parentesi al numero 1 di Roger e Rafa.
Ecco dominio no per 5 anni ma comunque per quasi la totalità di questi 5 anni e mezzo IL numero 1 al mondo.


Ho solo puntualizzato un fatto che non vuol dire screditare: quando vinci 3 slam su 12 in un periodo di 3 anni, non credo si possa parlare di dominio. Certo come continuità è stato quasi sempre il N.1 a parte un pezzo di 2012 e una parte di 2013. Va detto però che c'erano un grande Federer e un grande Nadal in quelle due occasioni. Per quanto mi riguarda la stagione più impressionante di Djokovic resta il 2011 anche per la qualità degli avversari.

Avatar utente
fabio86
Massimo Carbone
Messaggi: 35781
Iscritto il: gio lug 23, 2009 6:53 pm
Località: The Island

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda fabio86 » mar nov 22, 2016 11:59 am

PINDARO ha scritto:
marat77 ha scritto:
E sticazzi ludega.
Sei entrato nella modalità "mi manca da morire Roger e assieme a Backandwinner, Ciccio , Alessandro e Fabio86 devo screditare Djokovic" ad ogni post(costo). .


E mo io che c'entro? :(

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda PINDARO » mar nov 22, 2016 12:02 pm

Niente, era per allungare il brodo. :cry: :oops:

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 31988
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda BackhandWinner » mar nov 22, 2016 4:26 pm

PINDARO ha scritto:
marat77 ha scritto:
E sticazzi ludega.
Sei entrato nella modalità "mi manca da morire Roger e assieme a Backandwinner, Ciccio , Alessandro e Fabio86 devo screditare Djokovic" ad ogni post(costo). .

Ma screditare cosa? Io lo ritengo terzo Open Era ex-aequo con Bjorg (dopo Lui, Il Grande e Irripetibile Maestro di color che manovrano una racchetta :oops: e Sampras, ovviamente), cosa 'scredito'? Se vince altri due slam, com'è possibile e anche piuttosto probabile, si avvicinerebbe seriamente al secondo posto. 'Screditare' una sega.
Però ha 30 anni, basta, fatevene una ragione: quell'altro lo vede numero 1 a fine 2017...boh, anche possibile, non dico, visto il deserto, ma insomma è palese che il Dominio 2011-15 è cosa ormai passata.
Ultima modifica di BackhandWinner il mar nov 22, 2016 4:36 pm, modificato 2 volte in totale.
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 31988
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda BackhandWinner » mar nov 22, 2016 4:26 pm

ludega ha scritto: Per quanto mi riguarda la stagione più impressionante di Djokovic resta il 2011 anche per la qualità degli avversari.

Senza dubbio.
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

s&v
Illuminato
Messaggi: 2808
Iscritto il: mar ago 09, 2011 6:11 pm

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda s&v » mar nov 22, 2016 4:28 pm

BackhandWinner ha scritto:
ludega ha scritto: Per quanto mi riguarda la stagione più impressionante di Djokovic resta il 2011 anche per la qualità degli avversari.

Senza dubbio.


Si'. Per me siamo quasi al lapalissiano

Avatar utente
tuborovescio
Saggio
Messaggi: 8277
Iscritto il: mer dic 17, 2008 5:30 pm
Località: Colorado

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda tuborovescio » mar nov 22, 2016 4:30 pm

BackhandWinner ha scritto:Era ex-aequo con BjorK


compromessi montiani per evitare la Guerra di Troia

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 31988
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda BackhandWinner » mar nov 22, 2016 4:31 pm

tuborovescio ha scritto:
BackhandWinner ha scritto:Era ex-aequo con BjorK


compromessi montiani per evitare la Guerra di Troia


Crasi di nome e cognome Sono troppo avanti 8)
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
tuborovescio
Saggio
Messaggi: 8277
Iscritto il: mer dic 17, 2008 5:30 pm
Località: Colorado

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda tuborovescio » mar nov 22, 2016 4:35 pm

Nell'era open vale tutto :D

Ombra84
Core 'ngrato
Messaggi: 24080
Iscritto il: sab mag 19, 2007 1:30 pm
Località: Anacapri

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Ombra84 » mar nov 22, 2016 4:37 pm

BackhandWinner ha scritto:
ludega ha scritto: Per quanto mi riguarda la stagione più impressionante di Djokovic resta il 2011 anche per la qualità degli avversari.

Senza dubbio.

Direi nettamente.
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.
.

dsdifr ha scritto:Nel primo set della messa lei dichiarerà di voler sposare Istomin, poi piano piano Andreas riguadagnerà' terreno fino al lieto fine.

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15198
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda ciccio » mar nov 22, 2016 5:44 pm

Ombra84 ha scritto:
BackhandWinner ha scritto:
ludega ha scritto: Per quanto mi riguarda la stagione più impressionante di Djokovic resta il 2011 anche per la qualità degli avversari.

Senza dubbio.

Direi nettamente.

Nel 2011 fece cose impossibili
attaccato alla linea di fondo prendendo tutto in ascesa, per ore ed in tutte le partite, fantascienza
Umberto Eco: "Internet? Ha dato diritto di parola agli imbecilli: prima parlavano solo al bar e subito venivano messi a tacere", in particolare segnalo tale KINGKONGY che come cialtrone che si crede Dio é fra i primi al mondo :D

Avatar utente
marat77
Massimo Carbone
Messaggi: 27737
Iscritto il: mar gen 16, 2007 1:18 am
Località: Lissone(MI)

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda marat77 » mar nov 22, 2016 7:12 pm

BackhandWinner ha scritto:
ludega ha scritto: Per quanto mi riguarda la stagione più impressionante di Djokovic resta il 2011 anche per la qualità degli avversari.

Senza dubbio.


Mai detto il contrario.
Dal punto di vista del gioco sicuramente.
Ma dal punto di vista dei risultati 2015+ prima metà del 2016 sono stati ancora più dominanti dell'anno e mezzo tra 2011 e primi 6 mesi 2012.
2014 - a meta' torneo: "Nole non vincera' mai piu' Wimbledon" (cit.Sottoscritto)

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda PINDARO » mer nov 23, 2016 12:15 am

marat77 ha scritto: prima metà del 2016 sono stati ancora più dominanti dell'anno e mezzo tra 2011 e primi 6 mesi 2012.

Poi a giugno, dal giorno dopo la vittoria al Roland Garros, si è accorto di avere la stessa età di Murray ed è crollato.
E non ce l'ha fatta più. E' palese.

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda PINDARO » mer nov 23, 2016 12:17 am

BackhandWinner ha scritto:Però ha 30 anni, basta, fatevene una ragione:.

A differenza del giovine numero uno al mondo.
Che l'ha superato proprio perchè aiutato dagli anni in meno e la giovinezza.

Multivac
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 530
Iscritto il: mar ott 27, 2015 10:03 am

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Multivac » mer nov 23, 2016 3:55 pm

marat77 ha scritto:
BackhandWinner ha scritto:
ludega ha scritto: Per quanto mi riguarda la stagione più impressionante di Djokovic resta il 2011 anche per la qualità degli avversari.

Senza dubbio.


Mai detto il contrario.
Dal punto di vista del gioco sicuramente.
Ma dal punto di vista dei risultati 2015+ prima metà del 2016 sono stati ancora più dominanti dell'anno e mezzo tra 2011 e primi 6 mesi 2012.


Sì, vero, favorito però nel secondo caso da un calo del parco avversari. Il dominio del 2011 è avvenuto contro 3 contender di livello altissimo, Nadal e Federer dell'epoca a livelli ancora altissimi. Un dominio simile con un tale parco avversari è per me l'impresa più impressionante della carriera di Nole.

Ace Man
Saggio
Messaggi: 7481
Iscritto il: lun gen 01, 2007 8:10 pm

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Ace Man » mer nov 23, 2016 7:02 pm

L'anno delle sette vittorie su sette contro Nadal.
Tutte finali , tra l'altro, mi pare.
Impressionante.
In termini di reattività fisica lo equiparo al Federer 2005 (e alla finale del Master 2003 con Agassi, dove fu spaventoso).
"Ma perchè Federer non si ritira? Voglio dire, ha 34 anni, giusto? Perchè continua a giocare?"---(Srdjan Djokovic, padre di Novak, ad inizio 2016)---

I miei utenti in ignore: Burian Siberiano; Ferryboat; mp4/18; Nickognito; NNick87; eddie.

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 39270
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Johnny Rex » dom dic 04, 2016 6:04 pm

I Numeri della Finale

Andy Murray (GBR, Tds1°) b Novak Djokovic (SRB, Tds 2°) 63 64

Murray ha vinto 40 punti su 59 giocati sul proprio servizio (68%)
E' stato breakkato 1 volta nell'unica occasione in cui ha concesso palla break, nel 6° game Secondo set (diritto fuori)
Ha servito 3 Aces, 15 SW e 3 DF, incidenza diretta al servizio pari al 35,6%
Dei 15 SW ne ho calcolati 11 come vincenti e 4 come errori di Djokovic, 3 di rovescio ed 1 di diritto

WINNERS: 8 Diritti 4 Rovesci (1 Risposta)
ERRORS: 14 Diritti (1 risposta) 8 Rovesci (1 risposta) 1 Palla corta di Rovescio in rete

per Set:

1° Set 8-8 (14-10)
2° Set 4-15 (13-16)

Djokovic ha vinto 37 punti su 61 giocati sul proprio servizio (60,6%)
E' stato breakkato 3 volte, nell' 8° Game Primo set (diritto vincente di Murray), 1 ° Game secondo set ( rovescio in rete ) e 5 ° Game Secondo set (rovescio fuori) su 4 occasioni in cui ha concesso palle break.
Ne ha salvate 2 (diritto in rete e rovescio in rete Murray) nel 6° Game Primo set, 3 (2 SW ed 1 diritto in rete di Murray) nel 1° Game Secondo set, 1 (diritto in rete Murray) nel 5° Game Secondo set
Ha servito 1 Ace e 12 SW, incidenza diretta al servizio pari al 21,3%
Dei 12 SW ne ho calcolati 10 come vincenti e 2 come errori di Murray, 1 di diritto ed 1 di rovescio

WINNERS: 6 Diritti 5 Rovesci (2 Risposte) 5 Smash 2 Volèes Diritto 1 Volèe Rovescio
ERRORS: 22 Rovesci (3 risposte) 13 Dritti (1 risposta) 1 Smash 1 Lob Diritto 1 Volèe di diritto

Per Set

1° Set 11-17 (17-17)
2° Set 8-21 (13-21)

Murray ha vinto 64 punti su 120 complessivi

-Game più lungo del match (14 punti giocati) il 6° Primo set, vinto da Djokovic su proprio servizio dopo avere salvato 2 Palle Break
-Murray Primo giocatore Inglese a vincere il Master ,alla prima finale giocata, prima sconfitta in finale per Djokovic dopo 5 finali vinte (2008,2012,2013,2014 e 2015), su 4 sfide giocate a Londra 3 vittorie di Murray e unica di Djokovic oltretutto nel Round Robin qui nel 2012
-Classifica per Nazioni delle vittorie al Master; USA 11 Svizzera 6 Cecoslovacchia Serbia 5 Romania Germania 4 Svezia 3 Spagna Argentina Australia 2 Brasile Russia Gran Bretagna 1 , fra le altre nazioni finaliste Rammentiamo Olanda (Okker nel 1973) Polonia (Fibak 1976) e Francia (Grosjean 2001 e Tsonga 2011)

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 39270
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda Johnny Rex » dom dic 04, 2016 6:06 pm

Numeri tristi, che ci parlano di una finale qualitativamente piuttosto bassa ,ove il dato più impressionante è, ovviamente il numero degli errori al rovescio di Djokovic.
Resto dell'impressione che a parità di condizioni vinca l'attuale numero 2 , ovviamente a parità di condizione , cosa che non è negli ultimi tempi.

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

Avatar utente
fabio86
Massimo Carbone
Messaggi: 35781
Iscritto il: gio lug 23, 2009 6:53 pm
Località: The Island

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda fabio86 » dom dic 04, 2016 6:08 pm

Johnny Rex ha scritto:Numeri tristi, che ci parlano di una finale qualitativamente piuttosto bassa
F.F.


Ma per fortuna Federer e Nadal si stanno ritirando così il tennis sarà sanato dagli ultrà. :P

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda PINDARO » dom dic 04, 2016 6:17 pm

fabio86 ha scritto:
Ma per fortuna Federer e Nadal si stanno ritirando

luca77
Illuminato
Messaggi: 4376
Iscritto il: mer ago 30, 2006 11:29 am
Contatta:

Re: Il Masters al tempo della Brexit.

Messaggioda luca77 » lun dic 05, 2016 4:31 pm

Johnny Rex ha scritto:Numeri tristi, che ci parlano di una finale qualitativamente piuttosto bassa ,ove il dato più impressionante è, ovviamente il numero degli errori al rovescio di Djokovic.
Resto dell'impressione che a parità di condizioni vinca l'attuale numero 2 , ovviamente a parità di condizione , cosa che non è negli ultimi tempi.

F.F.


anche (se leggo bene) i zero punti a rete di murray non sono male.
"L'occasione fa l'Uomo fuco"


Torna a “Tornei ATP & WTA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti