Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Discussioni sui principali eventi tennistici a livello internazionale (tornei dello Slam, ATP, WTA, Davis Cup, ecc.)
Villo
Cecchi Nato
Messaggi: 11873
Iscritto il: dom dic 30, 2007 12:03 am
Località: Bari

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Villo » dom lug 29, 2018 2:05 pm

s&v ha scritto:
Villo ha scritto:Sì allora, sto guardando la finale di Gstaad, per me Berrettini non ha tennis, ma ha due attributi enormi, non lascia un punto. Ha un tennis davvero orribile esteticamente per stile, spettacolarità e qualità da fondo; il rovescio è pochissima roba e il dritto è un colpo normale, ma sarà top 20 di sicuro. Servizio e testa da top ten, il dritto potrà giocarlo da fermo tantissime volte. Avrà una grande carriera.


Tennisfan, per me Basilashvili è forte veramente. Fosse nato in Spagna ora sarebbe già nei 15.


Che vuole dire avere tennis?

Basilashvili è un taglialegna che tira forte, una roba oscena per stile, spettacolarità e qualità da fondo, ormai per te la capacità di tirar forte definisce la forza e il potenziale di un giocatore, il tennis ridotto a mera gara di potenza.

Il dritto di Berrettini non è brutto, è un dritto moderno meglio di tanti altri. Ce l'avrà mica più bello Dolgopolov il dritto?
E poi è un colpo funzionale al suo gioco, superiore alla media.
Il servizio è compatto, asciutto, un bel colpo, considerando il passaporto un colpo eccezionale. La smorzata non è solo un orpello, ma un modo intelligente di muovere il gioco a seguito dell'accelerazione di dritto.
E' anche simpatico, pare.


Pensala come vuoi ovviamente, ci mancherebbe, è tennis, :) ma io non riconosco più il vecchio utente Villo.


Basilashivili non è certo uno spettacolo, ma è forte, ha braccio. E' nato nella nazione sbagliata. Però serve maluccio, questo sì. I boscaioli possono essere forti eccome, vedi Tursunov o Soderling che ovviamente erano di altro livello.
Il servizio di Berretto è un grandissimo colpo, sarà il futuro del tennis italico per anni e anni. Il dritto non è brutto esteticamente, ma è un colpo normalissimo per efficacia.

Avatar utente
eddie v.
FooLminato
Messaggi: 12302
Iscritto il: mer dic 02, 2009 11:01 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda eddie v. » dom lug 29, 2018 2:13 pm

basilashvili quando tira, tira...ma il tennis non è solo una questione di braccio
se fosse solo quello, probabilmente fognini sarebbe numero uno del mondo
il tennis è un mix caotico, in cui si devono incastrare bene un sacco di cose.....
poi, insomma, se in un torneo non vieni brekkato neanche una volta, il merito non è solo del servizio, suppongo
Aveva una mente così ristretta che riusciva a guardare dal buco della serratura con tutti e due gli occhi.

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 18427
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda laplaz » dom lug 29, 2018 2:46 pm

È il Courier italiano, ormai è assodato :lol:

Villo ultimamente sta proprio sbarellando con i giudizi sui giocatori :) #113#

ThePiper
Saggio
Messaggi: 9152
Iscritto il: gio lug 21, 2011 6:01 pm

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda ThePiper » dom lug 29, 2018 3:01 pm

Villo ha scritto: Il dritto non è brutto esteticamente, ma è un colpo normalissimo per efficacia.


:o

ThePiper
Saggio
Messaggi: 9152
Iscritto il: gio lug 21, 2011 6:01 pm

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda ThePiper » dom lug 29, 2018 5:23 pm

Tutti felici oggi, nazionalisti e villiani :D

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 51513
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda tennisfan82 » dom lug 29, 2018 5:31 pm

Ha già fatto meglio di Labadze che un torneo non è riuscito a vincerlo :D
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
YesWeCan91
Illuminato
Messaggi: 4027
Iscritto il: mer giu 18, 2008 11:17 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda YesWeCan91 » lun lug 30, 2018 2:09 am

Ma ad Amburgo quanti soldi stan perdendo?
2 milioni di euro di montepremi,ma dove li trovano?
Non gli conviene chiudere?

Intanto quinto titolo ad Atlanta per Isner,in arrivo una finale tra Canada e Cincinnati (ma più Cincinnati direi)?
"(...)Style is a difference, a way of doing, a way of being done.
Six herons standing quietly in a pool of water, or you, walking
out of the bathroom naked without seeing me."

https://www.youtube.com/watch?v=uJ_1HMAGb4k

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 18427
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda laplaz » lun lug 30, 2018 9:44 am

YesWeCan91 ha scritto:Ma ad Amburgo quanti soldi stan perdendo?
2 milioni di euro di montepremi,ma dove li trovano?
Non gli conviene chiudere?

Intanto quinto titolo ad Atlanta per Isner,in arrivo una finale tra Canada e Cincinnati (ma più Cincinnati direi)?


In effetti Amburgo davvero un torneo storico ormai perduto da qualche anno, che non ha più alcun senso nella attuale collocazione. Eliminarlo sarebbe veramente brutto, pochi tornei hanno questa tradizione, ma anche spostarlo la vedo difficile.

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 39847
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Johnny Rex » lun lug 30, 2018 11:49 am

Invertirlo con Monaco di Baviera (Amburgo) o posizionarlo in competizione con Barcellona.
Ora come è messo ha veramente poco senso.
Con rispetoo per Basilaschvili,Leo, Jarry e chi si è sbattuto

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 39847
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Johnny Rex » lun lug 30, 2018 11:53 am

Brevemente su Berrettini; Davvero molto, molto bene, le discussioni se sia più da cemento che terra, sulla programmazione, sul valore effettivo di questi tornei di fine Terra lasciano,direi,stavolta il tempo che trovano.

17 Aces, 6 dei quali in un vitale tie break, Servizio mai perso in 5 partite, sangue freddo nei momenti clou, una vittoria contro un avversario scafato ed ostico (ed anche agnostico) come Bautista , Beh, davvero bene. Finalmente un Grande Servitore.
Aspettiamo controprove a medio/lungo periodo, ma la sensazione è che dopo decenni di girare a vuoto finalment eil nostro tennis maschile si stia incanalando nella direzione Giusta , anche e sopratutto per mentalità in campo. Che dopo venga o non venga il Campione è un altro pajo di maniche.

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

ludega
Illuminato
Messaggi: 4054
Iscritto il: lun lug 25, 2005 1:12 pm
Località: Milano

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda ludega » lun lug 30, 2018 11:54 am

Questa settimana primi tornei con il serve clock: ATP di Washington e WTA di San Jose...

Avatar utente
YesWeCan91
Illuminato
Messaggi: 4027
Iscritto il: mer giu 18, 2008 11:17 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda YesWeCan91 » mar lug 31, 2018 11:25 am

Stavo guardando gli highlights di Murray,certo non deve essere facile per lui,al di là della classifica (mi pare sia 850 al mondo sta settimana) che vabè è un problema relativo,peró è stato fermo tantissimo,un ex numero 1 che in pratica si è fatto male quand’era numero 1,torna da 800 dopo oltre un anno,stanotte a vedere il match sul Centrale di Washington non c’era esattamente tanta gente,anzi,secondo anello dello stadio completamente deserto...
In generale mi sembra che il tema Murray sia un po’ sparito dalla discussione,il suo ritorno (o presunto tale) non fa nemmeno più notizia.

Comunque 5 pari 30 pari al terzo invasione idiota di McDonald (che non è scarso) su una palla comodissima,poi erroraccio di dritto sempre dell’americano (in uscita dal servizio,ancora in crisi per l’invasione)e break decisivo per Murray (con pugnetto).Lo scozzese aveva già servito per il match sul 54,alla fine ha chiuso appunto 75.Adesso ha Edmund.
"(...)Style is a difference, a way of doing, a way of being done.
Six herons standing quietly in a pool of water, or you, walking
out of the bathroom naked without seeing me."

https://www.youtube.com/watch?v=uJ_1HMAGb4k

Avatar utente
YesWeCan91
Illuminato
Messaggi: 4027
Iscritto il: mer giu 18, 2008 11:17 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda YesWeCan91 » mar lug 31, 2018 11:29 am

ludega ha scritto:Questa settimana primi tornei con il serve clock: ATP di Washington e WTA di San Jose...


Sono molto curioso.Ma troveranno il modo per non disturbare il numero 1 del mondo e i suoi rituali infiniti,ne sono certo. :D
"(...)Style is a difference, a way of doing, a way of being done.
Six herons standing quietly in a pool of water, or you, walking
out of the bathroom naked without seeing me."

https://www.youtube.com/watch?v=uJ_1HMAGb4k

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 17179
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda alessandro » mar lug 31, 2018 11:39 am

E fare Amburgo su cemento? Come Stoccarda ha l’erba.
Perché le persone serie, dopo il Roland Garros giocano su cemento o sei destinato ad avere terraioli che raccattano o spigolano punti mentre quelli forti si riposano o si adattano al cemento.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda ciccio » mar lug 31, 2018 11:47 am

ciccio ha scritto:
Nickognito ha scritto:
Tra l'altro non e' nemmeno questo il punto cruciale, per me il punto e' che la tattica in generale conta poco. Per altri la tattica oggi conta 'piu' della tecnica', mentre prima la tattica non era nemmeno considerata.
Quindi in Raonic-Djokovic conta la tattica, non, che so, la differenza del servizio, in Raonic-Federer non conta molto se si scambiano i dritti, conta la loro tattica, e cosi' via. In Ashe-Connors, la tattica nemmeno fu considerata. E cosi' via.


ti ho risposto e si é cancellato
merda
prendi la cosa dal lato sbagliato, appena ho due minuti riscrivo

um po' in ritardo :roll:
conta tutto, cervello tattica técnica gambe fiato e via dicendo, in che percentuale ? dipende
mi fai l'esempio di Fed, tattica zero in passato, si vero, ma si chiama Fed, uno che com le gambe e la racca faceva quello che voleva, al calare dele gambe há dovuto adeguarsi purê lui.
Perché oggi la tattica conta piú che in passato ?
Perché la técnica e il físico sono portati attraverso l'allenamento hai massimi livelli, salvo eccezioni tipo Paire, restano imprescindibili, ma sono dati di fatto, senza quelli fai poco. Quello che resta da poter spostare uma partita da uma parte o dall'altra é l'uso del cervello.
In passato erano grandi cambiamenti tattici che non si vedono piú, semplicemente perché la regola é fare il tuo miglior gioco com cui sei allenato, cambiarlo significa um calo clamoroso, i cambiamenti in partita sono limitati a particolari, ma sufficienti a grandi mutamenti di risultato.
Nella logica del tennis esasperato e portato ai limiti che si chiama soliditá, trovare il punto debole e sfruttare uma tattica, um sistema per, é fondamentale perché non hai alternative utili.
Piú propriamente é l'opzione a farla da padrone, opzione che é "cosa fare con la palla che ti arriva per evitare che ti arrivi quell'altra palla e costringere l'avversario a fare uma certa palla", il tutto inserito in uma logica che vá al di lá dell'opzione vera e própria che é la tattica.
Piccoli cambiamenti tattici possono provocare grandi mutamenti nel risultato e tutto questo é nella logica dela memoria muscolare ovviamente, del come si usano i gangli, delle vie neuromuscolari preferenzioali. Ma questo é um altro discorso.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 115007
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Nickognito » mar lug 31, 2018 12:14 pm

ciccio ha scritto:
Perché oggi la tattica conta piú che in passato ?
Perché la técnica e il físico sono portati attraverso l'allenamento hai massimi livelli, salvo eccezioni tipo Paire, restano imprescindibili, ma sono dati di fatto, senza quelli fai poco. Quello che resta da poter spostare uma partita da uma parte o dall'altra é l'uso del cervello.


Scusa ciccio ma se tecnica e fisico sono necessari e impescindibili, significa che contano piu' della tattica. Anche perche' tecnica e fisico sono molto diverse, mica hanno tutti gli stessi. Non do una percentuale, ma tecnica e fisico contano immensamente piu' della tattica. Non esiste dire che la tecnica conta meno della tattica. Certo, in partita mica ti inventi il servizio di Raonic :). Ti inventi una tattica, ma quello che fai in partita rispetto alle doti iniziali conta quasi zero. Io posso avere un gran fisico e essere il miglior tattico di sempre e da Federer perdo 60 60 60, anche se Federer sceglie la tattica peggiore. Non c'e' paragone e quel che scrivi lo conferma pure.


In passato erano grandi cambiamenti tattici che non si vedono piú, semplicemente perché la regola é fare il tuo miglior gioco com cui sei allenato, cambiarlo significa um calo clamoroso,


e lo dici tu da solo, questo e' uno dei motivi per cui in passato la tattica contava di piu'.

i cambiamenti in partita sono limitati a particolari, ma sufficienti a grandi mutamenti di risultato.

.[/quote]

Qui non ti posso rispondere in teoria. Certamente il fatto che oggi i cambiamenti siano minori a livello tattico non implica necessariamente che i risultati ne siano meno influenzati. Come non implica il suo opposto.

Io pero' guardo i fatti, e francamente non mi viene in mente, negli ultimi anni, un match in cui lo sfavorito fa in finale slam e batte il grande favorito 3 set a 0 grazie principalmente alla tattica tipo Ashe nel 75. Cosa succede invece oggi, come arriva un Cilic che tira fortissimo tutti i colpi e batte Federer 3 set a 0. Se poi mi fai esempi di match importanti in cui il giocatore quel giorno piu' forte tecnicamente e di fisico ha pero' perso per la tattica, allora cambio anche idea. E' che non mi vengono in mente.

Poi erano rari anche in passato, eh, ripeto, la tattica ha sempre contato poco, come e' normale che sia in uno sport individuale. Gia' in quello di squadra e' la cosa che conta meno, figuriamoci....

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda ciccio » mar lug 31, 2018 12:27 pm

Nickognito ha scritto:
Scusa ciccio ma se tecnica e fisico sono necessari e impescindibili, significa che contano piu' della tattica.

si, certo, in termini assoluti si
ma il discorso é relativo all'importanza della tattica nel tempo
viene considerato imprescindibile avere técnica e físico, la tattica diventa l'ago dela bilancia
in passato era possibile avere técnica e físico ai massimi livelli e di conseguenza l'ago aveva molte piú possibili variabili, compresi radicali mutamenti in corso d'opera.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
eddie v.
FooLminato
Messaggi: 12302
Iscritto il: mer dic 02, 2009 11:01 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda eddie v. » mar lug 31, 2018 12:34 pm

Nickognito ha scritto:Io posso avere un gran fisico e essere il miglior tattico di sempre e da Federer perdo 60 60 60, anche se Federer sceglie la tattica peggiore.

e beh...con un paragone del genere è difficile sbagliarsi, senza offesa eh :D
però magari fra due scarponi o due professionisti di livello simile, la tattica potrebbe fare la differenza
poi, certo, io vorrei avere i colpi di Federer (ma anche di qualcun altro), prima dell'acume tattico :)
ma non si è sempre detto in questo forum che Federer è un tennista poco sagace a livello tattico? che avrebbe potuto vincere di più? o sbaglio?
Aveva una mente così ristretta che riusciva a guardare dal buco della serratura con tutti e due gli occhi.

Avatar utente
loveboat
Saggio
Messaggi: 7633
Iscritto il: lun apr 21, 2014 8:29 pm
Località: Torino

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda loveboat » mar lug 31, 2018 12:36 pm

Giusto. Ora tutti i pro hanno tecnica e fisico ai massimi livelli, quindi non si può più giocare sul punto debole tecnico o fisico di un giocatore, perchè tutti, in media, lo hanno a buonissimi livelli.
Una volta bastava trovare il rovescio di Berasategui, per fargli il punto. Una volta che i suoi avversari lo hanno capito, non ne ha poi vinte molte, di partite.
Ora quasi nessun giocatore ha così grandi differenze tra dritto e rovescio, tipo dritto da top 10 e rovescio da 200 del mondo. Oppure clamorosi gap nel gioco di difesa o nei passanti. Ormai queste cose ce le hanno tutti di default.
In giocatori così la tattica non può più fare così tanta differenza, ma può contare su aspetti specifici di momenti di specifiche partite con specifici avversari
Tutto verde su tennistalker

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 115007
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Nickognito » mar lug 31, 2018 12:37 pm

ciccio ha scritto:
Nickognito ha scritto:
Scusa ciccio ma se tecnica e fisico sono necessari e impescindibili, significa che contano piu' della tattica.

si, certo, in termini assoluti si
ma il discorso é relativo all'importanza della tattica nel tempo
viene considerato imprescindibile avere técnica e físico, la tattica diventa l'ago dela bilancia
in passato era possibile avere técnica e físico ai massimi livelli e di conseguenza l'ago aveva molte piú possibili variabili, compresi radicali mutamenti in corso d'opera.


Ma no, non diventa l'ago della bilancia. Lo diventerebbe se tutti avessero la stessa tecnica e fisico, e quindi la tattica conterebbe di piu'.

Io posso dire che in passato la tattica variava 20, ma tecnica e fisico variavano 100 e oggi la tecnica varia 2, ma tecnica e fisico variano 1, quindi la tattica e' inferiore ma in pratica piu' decisiva. Ma oggi fisico e tecnica sono sempre diversissimi. Federer gioca contro Lorenzi e vince, chi se ne frega della tattica.

Ripeto, inutile parlare in teoria, parliamo di match veri. Io fatico a vedere la tattica ago della bilancia anche in match finiti al quinto. Perfino nei match equilibrati piu' decisivi dell'anno, la finale australiana e la semi a Wimbledon, piu' o meno ha vinto chi aveva la tattica peggiore :). Se poi hai in mente match decisi dalla tattica dimmelo, ma ripeto, io vedo Thiem - Nadal a Parigi e vedo che non ci sono aghi della bilancia, vedo che uno e' piu' forte e vince.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 115007
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Nickognito » mar lug 31, 2018 12:37 pm

eddie v. ha scritto:
Nickognito ha scritto:Io posso avere un gran fisico e essere il miglior tattico di sempre e da Federer perdo 60 60 60, anche se Federer sceglie la tattica peggiore.

e beh...con un paragone del genere è difficile sbagliarsi, senza offesa eh :D
però magari fra due scarponi o due professionisti di livello simile, la tattica potrebbe fare la differenza


si, ho capito, ma fammi degli esempi. Quando l'ha fatta?

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 115007
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Nickognito » mar lug 31, 2018 12:38 pm

loveboat ha scritto:Giusto. Ora tutti i pro hanno tecnica e fisico ai massimi livelli, quindi non si può più giocare sul punto debole tecnico o fisico di un giocatore, perchè tutti, in media, lo hanno a buonissimi livelli.
Una volta bastava trovare il rovescio di Berasategui, per fargli il punto. Una volta che i suoi avversari lo hanno capito, non ne ha poi vinte molte, di partite.
Ora quasi nessun giocatore ha così grandi differenze tra dritto e rovescio, tipo dritto da top 10 e rovescio da 200 del mondo. Oppure clamorosi gap nel gioco di difesa o nei passanti. Ormai queste cose ce le hanno tutti di default.
In giocatori così la tattica non può più fare così tanta differenza, ma può contare su aspetti specifici di momenti di specifiche partite con specifici avversari


e quindi conta meno, ne segue...

Avatar utente
loveboat
Saggio
Messaggi: 7633
Iscritto il: lun apr 21, 2014 8:29 pm
Località: Torino

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda loveboat » mar lug 31, 2018 12:42 pm

Sì, conta meno. Almeno a mio parere.
Io, per esempio, la finale Roland Garros tra Berasategui e Bruguera me la ricordo bene. Bastava che Alberto riuscisse ad aggirare i colpi di Bruguera per colpire i suoi dritti al fulmicotone, per fare punto.
Ma Sergi aveva un buonissimo rovescio e riusciva spesso a costringere Alberto a giocare il suo rovescietto, quando non riusciva ad andare con i piedi nel corridoio del doppio, per riuscire a colpire sempre di dritto.
E' bastato questo aspetto tecnico-tattico (cit. Fabio Capello) per far girare decisamente il match a favore di Bruguera, il quale ha poi infatti vinto la finale.
Ora anche se costringi anche solo Berrettini a giocare rovesci sul lato sinistro del campo, non è che ti torna indietro una ciofeca, ti torna indietro un colpo non così facile da gestire... dico Berrettini ma avrei potuto citare quasi ogni giocatore dentro i top 100 Atp
Ultima modifica di loveboat il mar lug 31, 2018 12:49 pm, modificato 1 volta in totale.
Tutto verde su tennistalker

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 53697
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda balbysauro » mar lug 31, 2018 12:47 pm

loveboat ha scritto:Una volta bastava trovare il rovescio di Berasategui, per fargli il punto.


per questo non cambiava impugnatura, per confondere l'avversario facendogli credere che quello fosse il dritto

Avatar utente
eddie v.
FooLminato
Messaggi: 12302
Iscritto il: mer dic 02, 2009 11:01 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda eddie v. » mar lug 31, 2018 12:49 pm

Nickognito ha scritto:
eddie v. ha scritto:e beh...con un paragone del genere è difficile sbagliarsi, senza offesa eh :D
però magari fra due scarponi o due professionisti di livello simile, la tattica potrebbe fare la differenza


si, ho capito, ma fammi degli esempi. Quando l'ha fatta?

ah, boh, e che ne so? :D
Aveva una mente così ristretta che riusciva a guardare dal buco della serratura con tutti e due gli occhi.

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda ciccio » mar lug 31, 2018 12:50 pm

Nickognito ha scritto:
ciccio ha scritto:
Nickognito ha scritto:
Scusa ciccio ma se tecnica e fisico sono necessari e impescindibili, significa che contano piu' della tattica.

si, certo, in termini assoluti si
ma il discorso é relativo all'importanza della tattica nel tempo
viene considerato imprescindibile avere técnica e físico, la tattica diventa l'ago dela bilancia
in passato era possibile avere técnica e físico ai massimi livelli e di conseguenza l'ago aveva molte piú possibili variabili, compresi radicali mutamenti in corso d'opera.


Ma no, non diventa l'ago della bilancia. Lo diventerebbe se tutti avessero la stessa tecnica e fisico, e quindi la tattica conterebbe di piu'.

.

il ragionamento é per assurdi
se non hai tecnica e fisico sufficienti non arrivi lí
a paritá di tecnica e tattica l'ago vá da una parte all'altra
devi a avere tecnica e tattica portati ai massimi possibili attraverso l'allenamento
questo viene dato come postulato del tennis moderno

poi ovvio che non é cosí, per cui tutto diventa relativo a
ma ripeto, il confronto é col passato dove questi postulati non esistevano per cui rendevano possibili tutti altri scenari
stiamo dicendo la stessa cosa eh !, ma presa da due punti di vista diversi
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
loveboat
Saggio
Messaggi: 7633
Iscritto il: lun apr 21, 2014 8:29 pm
Località: Torino

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda loveboat » mar lug 31, 2018 12:51 pm

Una volta basta costringere un Pescosolido a giocare oltre le due ore, per avere gioco facile e vincere la partita. Ora non c'è nessun giocatore che non sia in grado di giocare oltre le due ore e mezza senza troppi cali fisici
Tutto verde su tennistalker

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 115007
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Nickognito » mar lug 31, 2018 1:00 pm

ciccio ha scritto:
il ragionamento é per assurdi
se non hai tecnica e fisico sufficienti non arrivi lí
a paritá di tecnica e tattica l'ago vá da una parte all'altra
devi a avere tecnica e tattica portati ai massimi possibili attraverso l'allenamento
questo viene dato come postulato del tennis moderno

poi ovvio che non é cosí, per cui tutto diventa relativo a
ma ripeto, il confronto é col passato dove questi postulati non esistevano per cui rendevano possibili tutti altri scenari
stiamo dicendo la stessa cosa eh !, ma presa da due punti di vista diversi


non arrivi li' dove? al n.1, al n.20, al n.100? Un n.20 di solito non ha fisico e tecnica da n.1 e cosi' via.

Se stiamo dicendo la stessa cosa, allora basta dire 'hai ragione, confermo anche da un secondo punto di vista' :)

Chiaro, se due giocatori sono esattamente pari, ci sta che la tattica sia decisiva. Anche un nastro, a volte, magari :)

Ma non solo per il caso Berasategui citato, semplicemente prima esistevano piu' opzioni di gioco, oggi meno. Per tutto, a partire dalle superfici.

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 39847
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Johnny Rex » mar lug 31, 2018 1:52 pm

YesWeCan91 ha scritto:Stavo guardando gli highlights di Murray,certo non deve essere facile per lui,al di là della classifica (mi pare sia 850 al mondo sta settimana) che vabè è un problema relativo,peró è stato fermo tantissimo,un ex numero 1 che in pratica si è fatto male quand’era numero 1,torna da 800 dopo oltre un anno,stanotte a vedere il match sul Centrale di Washington non c’era esattamente tanta gente,anzi,secondo anello dello stadio completamente deserto...
In generale mi sembra che il tema Murray sia un po’ sparito dalla discussione,il suo ritorno (o presunto tale) non fa nemmeno più notizia.

Comunque 5 pari 30 pari al terzo invasione idiota di McDonald (che non è scarso) su una palla comodissima,poi erroraccio di dritto sempre dell’americano (in uscita dal servizio,ancora in crisi per l’invasione)e break decisivo per Murray (con pugnetto).Lo scozzese aveva già servito per il match sul 54,alla fine ha chiuso appunto 75.Adesso ha Edmund.


Ti dirò, al Queen's (vero che era a casa sua) gran folla di Lunedì per il suo bel match contro Kyrgios.
Proprio dimenticato non direi, anzi, coi giovani in panne che sappiamo può benissimo tornare a bei livelli anche lui, perchè no.

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

Avatar utente
YesWeCan91
Illuminato
Messaggi: 4027
Iscritto il: mer giu 18, 2008 11:17 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda YesWeCan91 » mar lug 31, 2018 2:04 pm

Johnny Rex ha scritto:Ti dirò, al Queen's (vero che era a casa sua) gran folla di Lunedì per il suo bel match contro Kyrgios.
Proprio dimenticato non direi, anzi, coi giovani in panne che sappiamo può benissimo tornare a bei livelli anche lui, perchè no.

F.F.


No ma forse hanno giocato molto tardi,vedo che nel programma di oggi ci sono anche match da terminare,penso abbia piovuto,peró onestamente non c’è molta attesa per i risultati e per il recupero di Murray e questo mi colpisce.L’anca è forse l’infortunio più antipatico per un tennista,se sta bene ovviamente puó tornare competitivo ad alti livelli,forse il vero obiettivo è il 2019 a questo punto,son curioso di vedere per intero una sua partita.La rinuncia a Wimbledon mi era sembrata un po’ forzata,della serie “non voglio perdere sul Centrale dal primo che passa”,scelta oggettivamente comprensibile,l’atteggiamento in campo mi è sembrato positivo,secondo me la strada è quella giusta.
"(...)Style is a difference, a way of doing, a way of being done.
Six herons standing quietly in a pool of water, or you, walking
out of the bathroom naked without seeing me."

https://www.youtube.com/watch?v=uJ_1HMAGb4k

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 39847
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Johnny Rex » mar lug 31, 2018 2:17 pm

Regno Unito a parte, non ha mai smosso le folle come gli altri tre (o specie come i primi due) ,in parte per il suo modo di giocare, in parte per essere arrivato dopo (stessa cosa "subita" anche da Novak) . Ha sempre dato l'idea di essere il Supplente, quello che saliva in cattedra quando gli insegnanti o non c'erano o erano fuori forma , ed infatti la nomea anglosassone di Fab Four non ha ragione di essere, a parer mio (a meno che non includiamo Wawrinka in un fab five, se proprio). Ama la lotta e la competizione, ma non come gli altri tre, proabailmente (anzi sicuramente) poichè è anche un uomo più normale .
Di sè stesso una volta disse "Sono un Manchester United con avanti tre Barcellona" (era il 2011, mi sembra).
A Tutt'oggi , mi sembra la sua auto definizione più appropriata.

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

Lyndon79
Saggio
Messaggi: 8177
Iscritto il: lun lug 02, 2007 10:55 pm
Località: Europa, più o meno2

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Lyndon79 » mar lug 31, 2018 4:34 pm

Johnny Rex ha scritto:
YesWeCan91 ha scritto:Stavo guardando gli highlights di Murray,certo non deve essere facile per lui,al di là della classifica (mi pare sia 850 al mondo sta settimana) che vabè è un problema relativo,peró è stato fermo tantissimo,un ex numero 1 che in pratica si è fatto male quand’era numero 1,torna da 800 dopo oltre un anno,stanotte a vedere il match sul Centrale di Washington non c’era esattamente tanta gente,anzi,secondo anello dello stadio completamente deserto...
In generale mi sembra che il tema Murray sia un po’ sparito dalla discussione,il suo ritorno (o presunto tale) non fa nemmeno più notizia.

Comunque 5 pari 30 pari al terzo invasione idiota di McDonald (che non è scarso) su una palla comodissima,poi erroraccio di dritto sempre dell’americano (in uscita dal servizio,ancora in crisi per l’invasione)e break decisivo per Murray (con pugnetto).Lo scozzese aveva già servito per il match sul 54,alla fine ha chiuso appunto 75.Adesso ha Edmund.


Ti dirò, al Queen's (vero che era a casa sua) gran folla di Lunedì per il suo bel match contro Kyrgios.
Proprio dimenticato non direi, anzi, coi giovani in panne che sappiamo può benissimo tornare a bei livelli anche lui, perchè no.

F.F.


Vabbe', l'Inghilterra e' tipo il paese piu' nazionalista al mondo :D
Ero a fare il reale a Wimbledon quest'anno.
C'era Anderson-Monfils sull'1 che era tipo al terzo set e a seguire Djokovic-Kachanov.
Sul centrale Nadal aveva quasi finito.

Due distinte signore inglesi sui 55 anni (che avevano precedentemente guardato malissimo Turborovescio, tra l'altro :D ) - che erano giusto dietro a me- discettavano se andare sul centrale (perche' avrebbero messo Jamie Murray in doppio misto :D ), a me che cercavo convincere che sicuramente campo 1 era piu' interessante.
Credo che alla fine siano andate sul Centrale :lol: .

Poi in generale, per il fatto di essere anglosassone ha una notorieta' maggiore presso USA, Canada, Australia, etc.

Lyndon79
Saggio
Messaggi: 8177
Iscritto il: lun lug 02, 2007 10:55 pm
Località: Europa, più o meno2

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Lyndon79 » mar lug 31, 2018 4:34 pm

In ogni caso: quanto ci sei mancato, Andy :oops: :oops: :D

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 18427
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda laplaz » mer ago 01, 2018 9:32 am

Straordinario Tomic che perde in due set da Gerasimov. Continua pure a contare i milioni Bernard, bene così :)
Baghdatis spazza via Paire. Villo, dove sei? 8)

Ombra84
Core 'ngrato
Messaggi: 24654
Iscritto il: sab mag 19, 2007 1:30 pm
Località: Anacapri

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Ombra84 » mer ago 01, 2018 1:31 pm

laplaz ha scritto:Straordinario Tomic che perde in due set da Gerasimov. Continua pure a contare i milioni Bernard, bene così :)
Baghdatis spazza via Paire. Villo, dove sei? 8)


Nel topic di Paire ovviamente
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.
.

dsdifr ha scritto:Nel primo set della messa lei dichiarerà di voler sposare Istomin, poi piano piano Andreas riguadagnerà' terreno fino al lieto fine.

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda PINDARO » mer ago 01, 2018 4:13 pm

Tomic è un ex giocatore da sempre.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 51513
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda tennisfan82 » mer ago 01, 2018 8:44 pm

La Mladenovic sta facendo dei danni inenarrabili :D
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
YesWeCan91
Illuminato
Messaggi: 4027
Iscritto il: mer giu 18, 2008 11:17 am

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda YesWeCan91 » mer ago 01, 2018 8:57 pm

Lyndon79 ha scritto:Ero a fare il reale a Wimbledon quest'anno.


Miglior refuso di sempre :oops: :D
"(...)Style is a difference, a way of doing, a way of being done.
Six herons standing quietly in a pool of water, or you, walking
out of the bathroom naked without seeing me."

https://www.youtube.com/watch?v=uJ_1HMAGb4k

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 39847
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda Johnny Rex » mer ago 01, 2018 9:27 pm

tennisfan82 ha scritto:La Mladenovic sta facendo dei danni inenarrabili :D


Oddio Povera, pure dall'altro capo del Mondo ? :) (poi, mi pare che di danni ne stia arrecando prima di tutti a sè stessa)
Klizan è un giocatore che la sorpresa te la può piazzare ,(salvate 4 Palle break nel terzo set) va detto, resta la follia di una Programmazione incomprensibile, che nè Amburgo nè Kitzbuhel sono tornei da top 10 , forse qui ha giocato per motivi affettivi, o più probabilmente per accordi di sponsor o sottobanchi ,comunque oh, lo aveva detto lui che ogni risultato diverso dalla vittoria era fallimento :P

Forza Matteo, che ci sono possibilità anche qui :wink:

F.F.
"E rivelo qui un dato preoccupante. Mi tocca pensare a balbysauro diverse volte al giorno. Ormai, e' una schiavitu' "

ThePiper
Saggio
Messaggi: 9152
Iscritto il: gio lug 21, 2011 6:01 pm

Re: Tornei ATP 2018: il topic dei tornei che nessuno vuole aprire

Messaggioda ThePiper » gio ago 02, 2018 12:04 am

Comunque ha ragione YWC91. Di Murray, inglesi a parte, non gliene frega una mazza a nessuno.
Secondo turno con Edmund in teoria è un gran bel match per un 500 eppure stadio vuoto. E siamo in Usa non è che siamo in un torneo asiatico.


Torna a “Tornei ATP & WTA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti