Che corda monto sulla mia racchetta ?

Sotto-sezione del forum Area Tecnica dedicata alle Corde
Avatar utente
Fabo
Matricola
Messaggi: 135
Iscritto il: ven set 19, 2003 4:14 pm

Che corda monto sulla mia racchetta ?

Messaggioda Fabo » mar ott 26, 2004 2:54 pm

Topic scelto dai moderatori del forum tennis per parlare di corde.
Dalle impressioni di gioco, alle caratteristiche, ai consigli per principianti e più avanzati, eventuali domande sulle incordatrici potranno essere sempre postate qui dentro.

Trovate alcuni consigli sul primo topic "Comunicazioni per il Forum Tennis".


ciao a tutti non so se è gia stato aperto un topic su questo argomento ma visto che non l'ho trovato..
vorrei avere informazioni su tipi di corda caratteristiche, tecniche e differenze che ci sono tra di loro..
io ad esempio uso una racchetta babolat pure drive team e non so che corda montare... ne vorrei una che mi aiutasse a spingere un po di piu..forse la babolat hurricane?
grazie e ciao a tutti
:wink:

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

Re: Corde

Messaggioda Clythus » mar ott 26, 2004 4:33 pm

Ciao Fabo,
con la foto volevo scherzare perchè al 287,2% quando Hawk verdrà questo topic scenderà giù in picchiata e vi piazzerà uno dei suoi lucchetti anti-taglio.

Adesso starà patugliando i cieli di qualche altro forum, possiamo parlarti volentieri delle corde nel topic "l'angolo degli incordatori".
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

Avatar utente
Fabo
Matricola
Messaggi: 135
Iscritto il: ven set 19, 2003 4:14 pm

Re: Corde

Messaggioda Fabo » mar ott 26, 2004 5:07 pm

Clythus ha scritto:Ciao Fabo,
con la foto volevo scherzare perchè al 287,2% quando Hawk verdrà questo topic scenderà giù in picchiata e vi piazzerà uno dei suoi lucchetti anti-taglio.

Adesso starà patugliando i cieli di qualche altro forum, possiamo parlarti volentieri delle corde nel topic "l'angolo degli incordatori".


si avevo capito che stavi scherzando, comunque non vedo perche dovrebbe venir chiuso in quanto nell' "angolo degli incordatori" si parla principalmente di come incordare una corda e non delle differenze tra corde. anche perche quando parlano di corde non si capisce niente syntetic gut, pro hurricane...... non capisco proprio e ce nesono tanti come grazie bye :(

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

Re: Corde

Messaggioda Clythus » mar ott 26, 2004 8:00 pm

Ok, non ho nessunissimo problema a postare la risposta qui Fabo, è che mi aspettavo una chiusura repentina del topic, i moderatori tendono (giustamente) a chiudere topic dedicati ad argomenti che possono continuare ed essere consoni in topic già esistenti. Questo rende la paginata iniziale dei topic più compatta, pulita e meno dispersiva.

Dipende da cosa vuoi sapere, si potrebbe scrivere un libro sulle corde.
Fabo ha scritto: vorrei avere informazioni su tipi di corda caratteristiche, tecniche e differenze che ci sono tra di loro


Si dividono in 2 grandi famiglie:

1) Budello
2) Sintetiche


(1) Il budello lo puoi trovare a fibre nude (sta scomparendo) o con lo strato protettivo (quasi tutti). Il primo è il più bello in assoluto, ma vista la spesa che si sostiene nel comprarlo, oggi si usa sempre il secondo (per me inferiore a quello nudo di una misura da me stimabile intorno al 15-20%). Ha tutti i pregi del mondo, va bene per picchiare perché è la corda più potente, va bene per arrotare perché ha una forte rugosità e attrito, va bene per il tocco per la sua elasticità.
I suoi difetti sono: @costosissimo @dura poco @è igrofilo (assorbe umidità dall'aria) quindi tende a restringersi.

(2) Le sintetiche si dividono in altri 2 sotto-gruppi: MONOFILI e MULTIFILAMENTI.

MONOFILI: sono le corde più economiche che si mettono quando si è alle prime armi dato che non si ha un tatto che possa farci apprezzare le caratteristiche di corde più costose.
In origine c'erano solo i budelli sintetici (SYNTHETIC GUT) che del budello non hanno niente tranne che un' apprezzabile elasticità e sono delle corde con un anima di nylon attorno alla quale girano dei fili di nylon più sottili in direzione elicoidale (cioè formano una spirale). I fili sono sempre 6 o multipli di questo numero.
Pregi: @costa poco @Qualità prezzo è il prodotto migliore @Viene prodotto da tanti anni quindi oggi ci sono modelli ottimi
Difetti : @tenuta di tensione @non il migliore per lo spin.

Da qualche anno si sono aggiunte anche quelle in POLIESTERE, usate dai pro per le incordature ibride. Pregi: @durano tanto @resistono benissimo allo spin
Difetti: @perdono velocemente la tensione @Non una gran corda per giocare di tocco
Esempi: la famosa Pro – Hurricane o la Luxilon.

Poi quando leggi: Kevlar, Titanium, Zyex ecc…. sono solo corde fatte per durare all’infinito. Corde fatte solo per chi rompe l’incordatura ogni volta che gioca, ma sinceramente sono un prodotto molto mediocre.


MULTIFILAMENTO: come dice la parola, contiene vari fili, disposti nelle maniere più diverse; disposizone Seale, disposizione Warrington, disposizione Warrington - Seale ecc....
Nel multifilamento ci sono varie piccole corde all’interno, ognuna delle quali ha un’anima centrale (che è un filo un po’ più grosso) circondata da un numero di fili sottili pari a 6 o un multiplo di 6. Una corda così fatta si dice “trefolo” che a sua volta va a disporsi insieme ad altre corde come lei attorno ad un anima e a formare la corda vera e propria.
Sono le corde a metà strada fra il budello e quelle più economiche.
Oggi giorno ne hanno messe a punto alcune molto belle, altre invece hanno caratteristiche scadenti.
La sinergia dei tanti fili rende tutta la corda più flessibile di un filamento di pari diametro.
Pregi: @elasticità @buona spinta @certi modelli tengono bene la tensione @durata molto buona @possibilità di trovare modelli più adatti al gioco piatto o in top-spin
Difetti: @non costano poco @alcuni modelli non valgono il prezzo richiesto.


Dopodiché c’è il GAUGE ovvero lo spessore, indicato con la sigla G, 15G, 16G, 17G ecc….

Più è alto il Gauge e più è sottile una corda, quindi una corda con Gauge 17 è più sottile di una con G16 o 15.

Com’è che si sceglie il Gauge?
Una corda sottile taglia meglio l’aria, ed è più elastica, quindi la racchetta fila via più veloce e quando picchia la palla, la manda più forte.

Un gauge basso (14-15) è adatto per il top-spin per 2 motivi: 1)resiste di più allo sfregamento 2) una corda più spessa, quando nelle orizzontali si insinua fra le verticali, provoca una maggiore tridimensionalità del piatto corde e questo è sicuramente più vantaggioso per gli arrotini.

C’è una norma che unifica i gauge perché come avevo scritto ad un altro ragazzo non ricordo chi e nemmeno dove, un gauge 17, può valere 1,22mm per la Gosen, 1,25 per Wilson e Babolat e 1, 26 per Technifibre, quindi più che al gauge (che spesso anche se uguale, cambia lo spessore fra una marca e l’altra) si devono guardare i millimetri di diametro.

In definitiva:

se i soldi non sono un problema: budello sempre e comunque

se lo sono: dipende quanto.

Io uso un syinthetic gut, se potessi userei un multifilamento, ma rompo spesso, a volte il mio avversario mi deve prestare una delle sue racchette. Quindi anche il multifilamento, per la mia personale frequenza di rottura costa troppo.

Se non rompi spesso, metti un bel multifilamento.

Il poliestere: per me è una corda scadente, spinta dalle case costruttrici perchè a loro non costa niente fabbricarla, la sconsiglio perchè perde la tensione alla svelta. Un giocatore dopo 7 game ha l'incordatore che gli taglia le corde e gliele mette nuove (lui non le paga).
Noi che le paghiamo, non mi sembra un grande affare questo poliestere, e poi fosse una bella corda.....



Fabo ha scritto: io ad esempio uso una racchetta babolat pure drive team e non so che corda montare... ne vorrei una che mi aiutasse a spingere un po di piu..forse la babolat hurricane?



Io le hurricane non le monterei su nessuna racchetta, però è giusto che tu provi e ti renda conto, un po' mi scoccia di dirti "provale" perchè non costano poco e sono un prodotto mediocre.

Le hurricane non sono potenti, sono fatte per chi tira con potenza inaudita (come i pro) ed è ben diverso. E' una corda che sembra un filetto di ferro (senza scherzare, dico per davvero) la pieghi e prende quella forma. Rende il piatto rigido in tutti i punti, anche fuori dal centro, quindi, per chi ha un braccio bionico (come i pro) se colpiscono anche vicino al telaio a ore 3 o 9, la palla ne esce ad una velocità simile a quella che ha quando viene presa al centro del piatto, ma non è una corda che spinge particolarmente forte.

Se sei uno che ha già giocato abbastanza, una corda che mi è sembrata bella è la X-One Biphase della Tecnifibre per picchiare più forte, ma se sei agli inizi, ti consiglio di mettere un qualsasi synthetic gut 16G, spendi poco ed è una buona corda.

Spero di esser stato chiaro e di aver usato un linguaggio comprensibile, se in futuro qualcuno richiede di corde lo possiamo mandare qui, così resta utile anche a futuri utenti.

Ciao e facci sapere.
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

Avatar utente
ALESEVILLA
Saggio
Messaggi: 5022
Iscritto il: lun ago 25, 2003 7:47 pm
Località: Sevilla
Contatta:

Messaggioda ALESEVILLA » mar ott 26, 2004 8:18 pm

#43# #43# #43# #43# #43# #43# #43# #43# #43# #43# #43# #43#
Immagine

Avatar utente
koufax75
FooLminato
Messaggi: 12101
Iscritto il: lun giu 10, 2002 2:00 am
Località: Udine / Shanghai

Messaggioda koufax75 » mar ott 26, 2004 9:45 pm

Che corde uso?

Prima e seconda corda: LARSEN

Terza e quarta corda: SPIROCORE
Leo Durocher: You don't save a pitcher for tomorrow. Tomorrow it may rain.

Avatar utente
Fabo
Matricola
Messaggi: 135
Iscritto il: ven set 19, 2003 4:14 pm

Re: Corde

Messaggioda Fabo » mer ott 27, 2004 10:26 am

grazie mille clythus..mamma mia che spiegazione :o ..adesso si che comincio a capire qualcosa di corde..
[quote="Clythus"]
Se sei uno che ha già giocato abbastanza, una corda che mi è sembrata bella è la X-One Biphase della Tecnifibre per picchiare più forte, ma se sei agli inizi, ti consiglio di mettere un qualsasi synthetic gut 16G, spendi poco ed è una buona corda.

io sono classificato 4.3 son stato anche 4.2 pero' pur essendo classificato non ci ho mai capito un granchè di corde.. io come gia detto in precendenza ho una babolat pure drive team sulla quale mi hanno montato una sint/gut di coloro giallo, mi trovo abbastanza bene anche se vorrei un po po di spinta..
provero' allora la x-one biphase..sai anche per caso costo e durata?
grazie sei gentilissimo

mombasa
Matricola
Messaggi: 85
Iscritto il: mer feb 25, 2004 6:47 pm
Località: Follonica

Messaggioda mombasa » mer ott 27, 2004 10:47 am

A me son sempre piaciute molto le Gamma Live Wire Pro 1.27: costano una sassata ma tra i sintetici che ho provato mi sono sembrate le migliori.

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

Re: Corde

Messaggioda Clythus » gio ott 28, 2004 1:32 am

Fabo ha scritto:grazie mille clythus..
provero' allora la x-one biphase..sai anche per caso costo e durata?
grazie sei gentilissimo


Prego.

Il prezzo è la nota dolente. Qui dovrebbero costare sui 23-25 euro a seconda dei negozi. Pensa che con le corde che uso io a quel prezzo ci compri una matassa di 200 m e ci fai 20 racchette....

La durata è buona. Se vuoi risparmiare un pochino (3-4 euro circa) puoi provare anche le Gamma Live Wire di mombasa.
Non te l'ho consigliata perchè una volta mi dettero un campione gratuito e mi sembrò bellissimo, poi ne montai una comprata e mi sembrò diversa.

I multifilamenti che piacciono a me sono di 2 marche un po' strane ma specializzate in sole corde, le LASERFIBRE e le KLiPPER (fanno anche macchine incordatrici manuali "klyppermate").

Qui non le troverai ma se in futuro ti interessa provarle, il mio consiglio è: laserfibre laser supreme e klipper pearl-zone.
La laser supreme è perfetta per ogni scopo, corda fantastica, ci fai quel che vuoi.

La Pearl zone della klipper mi piace per la morbidezza sul braccio.

Dimenticavo, una corda qualità prezzo molto bella è la Sensation Supreme della Wilson, quella è facile da trovare nei negozi.

IMPORTANTE: il tuo scopo è spingere di più, quindi non comprare corde con spessore sopra 1,30 mm.

Ma tu di dove sei Fabo?
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

Avatar utente
Fabo
Matricola
Messaggi: 135
Iscritto il: ven set 19, 2003 4:14 pm

Re: Corde

Messaggioda Fabo » gio ott 28, 2004 11:59 am

Clythus ha scritto:
Fabo ha scritto:grazie mille clythus..
provero' allora la x-one biphase..sai anche per caso costo e durata?
grazie sei gentilissimo


Prego.

Il prezzo è la nota dolente. Qui dovrebbero costare sui 23-25 euro a seconda dei negozi. Pensa che con le corde che uso io a quel prezzo ci compri una matassa di 200 m e ci fai 20 racchette....

La durata è buona. Se vuoi risparmiare un pochino (3-4 euro circa) puoi provare anche le Gamma Live Wire di mombasa.
Non te l'ho consigliata perchè una volta mi dettero un campione gratuito e mi sembrò bellissimo, poi ne montai una comprata e mi sembrò diversa.

I multifilamenti che piacciono a me sono di 2 marche un po' strane ma specializzate in sole corde, le LASERFIBRE e le KLiPPER (fanno anche macchine incordatrici manuali "klyppermate").

Qui non le troverai ma se in futuro ti interessa provarle, il mio consiglio è: laserfibre laser supreme e klipper pearl-zone.
La laser supreme è perfetta per ogni scopo, corda fantastica, ci fai quel che vuoi.

La Pearl zone della klipper mi piace per la morbidezza sul braccio.

Dimenticavo, una corda qualità prezzo molto bella è la Sensation Supreme della Wilson, quella è facile da trovare nei negozi.

IMPORTANTE: il tuo scopo è spingere di più, quindi non comprare corde con spessore sopra 1,30 mm.

Ma tu di dove sei Fabo?


grazie ancora per le importantissime informazioni..cavolo costa abbastanza pero' visto che me l'hai consigliata ora voglio provarla poi se mi trovo bene al diavolo il costo :evil:
in effetti le altre corde non le ho mai sentite nominare pero' ti garantisco le provero' tutte..
la sensation supreme della wilson la usavo gia con la wilson rok pero' non so se era per il tipo di racchetta ma non mi son trovato molto bene anche perchè mi si rompevano spesso..
io abito a bergamo comunque

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

Re: Corde

Messaggioda Clythus » gio ott 28, 2004 1:52 pm

Bella panoramica di corde Kayser (mi riferisco a quella postata su "pro-hurricane o budello?") molto bravo.
Kayser Sose ha scritto:nel caso delle Biphase si ha il cosiddetto trattamento "bifasico" che però nella resa finale sottrae qualcosa alla corda (cosa esattamente non saprei dire, è una questione di tattilità o manualità strettamente personale).




Quella perdita di cui parli tu Kaiser, è dovuta al fatto che il poliuretano è un polimero che si lega molto intimamente ai composti simili a lui e lo fa con i famosi legami idrogeno.
Il guadagno sul “tatto” lo si spiega col fatto che le fibre così intimamente unite lavorano meglio insieme, il perché della leggera perdita di potenza si spiega così: le fibre girano intorno formando la spirale, ma più sono strettamente unite più aumenta il loro angolo con il quale girano intorno all’asse della corda. (si inclinano di più).
Tradotto: se tutte le fibre fossero parallele, (come un mazzo di spaghetti) quando quel gruppo di corde viene colpito, si allunga fino a che le sue caratteristiche glielo permettono.

Se prendete un gommino e lo tendete, potete lanciarci una pallina di carta, se ne mettete insieme una ventina, potete lanciare un sasso, se invece li intrecciate (vi ricordate gli scubidù che facevamo da bambini per i braccialetti?) non si tendono bene come a tenerli tutti paralleli. Su questo lavorano i costruttori di corde oltre che sui materiali, cioè sulle geometrie di costruzione: ancora più semplice, come disporre i fili (fibre) in modo da controllarne l’elasticità e rendere la corda ottimale per giocare a tennis.

Nello specifico, la X-one perde un briciolino in potenza perché con il poliuretano le fibre, invece di andare parallele con l’asse immaginario della corda, si inclinano un pochino e rendono meno elastica tutta la corda (mazzo di elastici – scubidù) ma quando tutti gli elementi della corda si assestano, ne mantengono meglio le sue caratteristiche.

4 anni fa, ebbi occasione di collaborare con degli studenti della Yale University che lavoravano per la “fiber research” ed ho avuto occasione di imparare molto sui comportamenti di questi materiali negli oggetti di tutti i giorni, per i curiosi o per gli amanti e appassionati di corde o per chi semplicemente vi si sta accostando e vuol sapere e capire meglio questo argomento:

IMPORTANTE: LINGUAGGIO PER NON FARSI FREGARE DAI VENDITORI DI CORDE

Per rendere la bella spiegazione di Kaiser un po’ più comprensibile a chi chiede consigli sulle corde e quindi non conosce vari termini, per usare un linguaggio alla Piero Angela, comprensibile per tutti:
IL POLIURETANO
CHE COS’ E’ ? è un polimero (cioè un materiale che ha una struttura che si ripete tantissime volte nello spazio) ,si chiama così perché contiene il gruppo (uretano)
Tutti sanno che H2O è la formula della molecola d’ acqua, bene, un polimero è fatto anche lui di molecole (diverse dall’acqua), ne ha una di un solo tipo che si lega a tantissime altre come lei e forma una catena enorme che si ripete tantissime volte nello spazio fino a diventare grande, visibile ai nostri occhi come la corda per giocare a tennis.

Per dire la verità: se chiedete ad un venditore di corde cosa sia il poliuretano, spesso non vi sa dare una risposta.
Dire poliuretano è un po’ come dire “cane” (c’è l’alano, il bassotto, il dalmata)
Si dovrebbe dire “la famiglia dei poliuretani” perché sotto questo nome vanno una serie di polimeri conosciutissimi ma molto diversi fra loro, ad esempio:



Lo Spandex: sembra un nome strano ma sono sicuro che il poliuretano vi piace più sotto questa forma che come corda da tennis, perché? Ce l’hanno le ragazze sulle gambe, se vi dico LYCRA? La Lycra è lo spandex ed è sempre un poliuretano. Sembrano sciocchezze ma sono il risultato di alta tecnologia e chimica, se a casa avete un microscopio da bambini, provate a guardarle al microscopio mentre le tendete e guardate che spettacolo di gioco che fanno.

Se state sedendo su una di quelle sedie con il sedile imbottito, lì dentro c’è all’ 85% schiuma di poliuretano (schiuma nel senso chimico della parola).
Il poliuretano può anche essere: un adesivo, una vernice, una fibra ed infine quella cosa strana che Kaiser ha chiamato elastomero.

Nel linguaggio di oggi non si usa molto la parola “elastomero”, quindi quando un’ incordatore ti dice “corda bellissima, ha gli elastomeri dentro” uno si chiede; “che cos’è un elastomero?” ; Praticamente è una sostanza che se viene tirata, tende a ritornare alla sua forma originaria, in parole povere, LA GOMMA.
La gomma più famosa è il caucciù (dal linguaggio indigeno “lacrima di foresta), un lattice che esce da varie piante, il più pregiato è quello dell’harvea brasiliensis questa è naturale, poi ci sono le gomme sintetiche che sono tutti quei nomi strani del tipo: polisopropene, polibutadiene, polisobutilene e il famoso poliuretano.
Quindi, quando trovate questi strani nomi, non vi impaurite, segnateveli e ricordateveli, sono gomme artificiali, molti venditori li usano come paroloni per impressionare il cliente e convincerlo che quella corda è eccezionale.

Quando sentite dire quel nome strano POLIAMMIDE, è un parolone per dire NYLON.

Ed infine lui, IL POLIESTERE
Perché io lo sconsiglio sempre? Perché con il poliestere ci si fanno le bottiglie di plastica (PET), gli orrendi abiti anni ’70 di Tony Manero, e i palloncini per le feste (quelli che sembrano fatti di domopack “alluminio e poliestere”).
Che effetto fa, sapere di aver pagato 15 o più euro per le Pro-Hurricane e scoprire che cosa sia in realtà quel materiale? (se fosse buono starei zitto) In più ti prendono anche per il cvulo dicendo “dopo anni e anni di ricerca, siamo giunti a lei” la Pro-Hurricane, quello che gli string-breackers aspettavano da una vita…… Un filo fatto di volgare plastica.

Altro termine strano è ARAMIDI. E’ sempre una specie di NYLON, ma ha una particolare struttura che lo rende rigido: si usa per fare i giubbetti anti-proiettile, i pneumatici anti-foratura e con certi trattamenti è anche ignifugo (resiste bene al fuoco). Le famose Luxilon usano soprattutto questi tipi di materiali.

Ci sarebbero anche altri materiali nelle corde da tennis, ma in Italia per adesso ci si può imbattere solo in quelli che ho elencato qua sopra, quindi adesso avete un dizionario sul quale ricercare il significato di parole o materiali strani quando state per comprare una corda.

Spero di aver usato un linguaggio facile e comprensibile per tutti, e come avevo scritto nel topic “Corde” , vi si potrebbe tranquillamente scrivere un libro a riguardo.

Ciao!
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

Avatar utente
McEnroe 4Ever
Saggio
Messaggi: 6136
Iscritto il: lun lug 12, 2004 12:05 pm
Località: Milano

Re: Corde

Messaggioda McEnroe 4Ever » gio ott 28, 2004 2:50 pm

Clythus ha scritto:...gli orrendi abiti anni ’70 di Tony Manero..

Lasciami stare i vestiti di Tony Manero nel "La febbre del sabato sera" per favore! Erano stupendi! 8) :D :lol:

NIHIL
Matricola
Messaggi: 99
Iscritto il: mar ott 19, 2004 3:36 pm

Messaggioda NIHIL » gio ott 28, 2004 4:02 pm

clythus..... che dire:
UBI MAIOR, MINOR CESSAT.....

Avatar utente
Kayser Sose
Illuminato
Messaggi: 2070
Iscritto il: lun mag 05, 2003 6:30 pm
Località: S.P.Q.R. divina urbs

Messaggioda Kayser Sose » gio ott 28, 2004 4:48 pm

Giusto Clythus, fai benissimo a divulgare un po' di termini specifici, spesso si danno per scontate cose che in realtà non lo sono, comunque io sono per la linea di non sottovalutare mai l'intelligenza di nessuno... In fondo il poliuretano è un termine nel quale ci si imbatte alle superiori quando si studiano le poliaddizioni dei diisocianati e le proprietà degli alcol polifunzionali, in ogni caso volendo banalizzare (e molto) basti dire che nelle corde si fanno reagire i cosiddetti elastomeri poliuretanici proprio per il loro altissimo potere antiabrasivo, e questa resistenza particolarmente elevata aumenta la vitalità della corda in maniera drastica. Non è un caso che le Tecnifibre mantengono intatte le loro proprietà attive per ore e ore, diversamente da molte Gamma non poliuretaniche (es. Live Wire) che vanno a morire quasi asintoticamente per quel che riguarda il potere reattivo (o risposta) della corda già a partire dalla prima ora di gioco; sto parlando di "vitalità" della corda, non "vita" sia bene inteso, le Gamma sopravvivono come durata ma presto ci si ritrova con una corda praticamente zombiezzata (niente termine tecnico: da zombie :)) sul piatto corde.

Sono d'accordo su tutto quello che esprimi con bella ironia e briosità (Tony Manero... hahah! :)), tranne forse per il poliammide che non coincide proprio con il nylon, diciamo che sono chiaramente tutt'e due resine ammidiche (polimeri che hanno come unità ripetitiva il gruppo ammidico -NH-CO- e che si ottengono per condensazione di amminoacidi) ma il nylon ha subito una lavorazione finale cosiddetta estrusione (e viene così commercializzato appunto), comunque questi materiali termoplastici sono fra i più diffusi nell'ambito corde, il nylon lo troviamo ovunque ed è stato il primo ad essere adoperato come sintetico dopo il budello... Un nome per tutti la oramai leggendaria Prince Synthetic Gut che penso non abbia bisogno di troppe introduzioni.

Sono d'accordo sulla modestia dei monofilamenti (o monobava) in poliestere, corde scarse a spezzone unico che ai costruttori non costano niente (sono fabbricate per estrusione a caldo di resine attraverso una filiera molto poco sofisticata) e vengono rivendute a prezzi quintuplicati, in ogni caso la storia non è nuova in quanto il poliestere applicato agli armeggi già si conosceva nei remoti anni '80, materiale rigidissimo alla flessione ma praticamente indistruttibile; basti dire che con i monofili si fabbricano anche i fili per le canne da pesca (!), chiaramente impiegando polimeri dalle caratteristiche diverse in quanto nelle corde da tennis l'elasticità deve essere istantanea una volta che la palla viene impattata (ovvero senza alcun ritardo nel ritorno alla lunghezza iniziale).

Il discorso diventa senz'altro interessante ma non so se questa sia la sede più idonea ad una approfondita trattazione fisico-chimico-meccanica, il discorso è lungo e articolato anche se una bella divulgazione credo sia sempre bene accetta se può aiutare a dischiudere per quanto possibile il velo delle tenebre...
Ultima modifica di Kayser Sose il ven ott 29, 2004 8:07 pm, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
fraki
Illuminato
Messaggi: 4680
Iscritto il: gio feb 01, 2001 1:00 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda fraki » gio ott 28, 2004 5:06 pm

Kaiser, mi hai tolto le parole di bocca!!!

scherzi a parte, inizio ad imparare qualcosa anche io sulle corde.
di solito prendo un matassone o monto le "scrausex", le più scrause a disposizione del negozio, visto che mi capita di rompere piuttosto frequentemente... magari di tanto in tanto proverò a montare qualcosa di più raffinato... tanto il mio turborovescio si stamperà sempre sul nastro malefico!

cmq volevo intervenire anche io in tema di formule chimiche, come diceva giustamente Milo, tutti sanno che la composizione dell'acqua è accadueo... forse non tutti però sanno che la composizione chimica del latte è vaccadueo *



* copyright Bergonzoni
jiri novak uber alles

Avatar utente
McEnroe 4Ever
Saggio
Messaggi: 6136
Iscritto il: lun lug 12, 2004 12:05 pm
Località: Milano

Messaggioda McEnroe 4Ever » gio ott 28, 2004 5:19 pm

Complimenti per la vostra professionalità in materia di corde....
Una curiosità: Clythus e Kayser cosa fate nella vita? Come mai siete così esperti? Secondo me nemmeno Federer sa tutte queste cose sulle corde.

Avatar utente
Kayser Sose
Illuminato
Messaggi: 2070
Iscritto il: lun mag 05, 2003 6:30 pm
Località: S.P.Q.R. divina urbs

Messaggioda Kayser Sose » gio ott 28, 2004 5:34 pm

McEnroe 4Ever ha scritto:Una curiosità: Clythus e Kayser cosa fate nella vita?

Lo studente universitario. :)

McEnroe 4Ever ha scritto:Come mai siete così esperti?

Principalmente per via dei miei trascorsi ingegneristici, ma soprattutto per la grande passione che nutro verso questo sport. :) 8)

Avatar utente
ALESEVILLA
Saggio
Messaggi: 5022
Iscritto il: lun ago 25, 2003 7:47 pm
Località: Sevilla
Contatta:

Messaggioda ALESEVILLA » gio ott 28, 2004 5:38 pm

Ragazzi complimenti vivissimi!!! e grazie per le info...

Insomma quand'è che parliamo di mukke che faccio vedere IO stavolta la mia competenza??? #100#
Immagine

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

Messaggioda Clythus » gio ott 28, 2004 8:39 pm

McEnroe 4Ever ha scritto:Una curiosità: Clythus e Kayser cosa fate nella vita?
Troppe!

McEnroe 4Ever ha scritto:Come mai siete così esperti?


A Prato, l' attività primaria è proprio il tessile e il nylon dà da mangiare ai suoi produttori più per ciò che vi si fa nel tessile che nel tennis. :D

Certe cose le ho imparate quando facevo l'università, altre da aggiornamenti fatti all'estero dove 2 volte ho anche incordato per un negozio. Poi ho deciso di acquistare un'incordatrice personale e da quel giorno vivo a stretto contatto con le corde sia per me che per chi mi porta le racchette.
Esperto è un parolone comunque anche per me c'è alla base una passione infinita per questo sport.

McEnroe 4Ever ha scritto:Secondo me nemmeno Federer sa tutte queste cose sulle corde.

Le sa, le sa, lui è "The Lord of the Strings" e poi Roger vincerebbe anche con lo spago del roast-beef.

Poi,

riferendomi a Kaiser, che è un amico, o per lo meno, uno web-amico, non volevo offendere l’intelligenza di nessuno stilando un piccolo dizionario che riporta i nomi più strani che si trovano quando si va dal proprio negoziante a scegliere delle corde e nemmeno deprezzare i suoi bellissimi interventi.

Io apprezzo moltissimo il tuo linguaggio Kaiser, è molto preciso e tecnico, però mi metto nei panni di chi non ha mai avuto a che fare con questi materiali. Anche nella tua seconda risposta, secondo me già dalla fine del secondo rigo, in pochi cominciano a starti dietro. :P

Dal mio punto di vista, non lo vedo come un fattore di “intelligenza” ma di “conoscenza”, mi spiego meglio: credo che ognuno di noi abbia un’ intelligenza che ci porta a capire anche concetti difficili, ognuno con i suoi tempi.
Ma se una persona non ha studiato la chimica organica, quando legge " il nylon ha subito una lavorazione finale cosiddetta estrusione "penso che ne sappia quanto prima. Al contrario, per uno che ha studiato queste cose è una manna, con 2 parole molto tecniche come hai usato tu, si descrivono al volo una lunga serie di processi e di materiali coinvolti che nel linguaggio normale richiedono quel papiro che ho scritto io lassopra.

Anche un laureato in letteratura o che ne so, in filosofia, se legge una frase del genere, pur essendo intelligente e istruito, non capisce di cosa si stia parlando.

Nella fattispecie, uno che mi apre un topic del tipo “meglio le luxilon o il budello?”, ne deduco che in fatto di corde siamo a livello zero, non perché è stupido, ci mancherebbe, ma perché comincia solo adesso ad interessarsi e ha bisogno di essere indirizzato.

E’ come se tu fossi un venditore di auto e arriva un cliente che ti chiede se per guidare una vettura bisogna sedersi davanti o dietro. A quel punto ti rendi conto che non è il tipo di cliente con il quale cominciare dal descrivere il funzionamento dell’ ABS o dell’intercooler, capito che voglio dire?
Il topic di Nihil legato ad alcuni messaggi privati che mi arrivano da altri utenti, mi fanno capire che c'è un' ignoranza (nel senso buono del termine) in materia, perciò mi fanno preferire una spiegazione che parte dai concetti più semplici, comprensibili per tutti e che in futuro potrebbe arrivare ad usare un linguaggio come il tuo perché no?! :wink:
Farlo ora però è come partire dalle piste nere nello sci per i neofiti.

Ho accomunato i 2 termini nylon – poliammide per comodità, è vero che poliammide non “coincide” col nylon, ma il nylon è comunque una poliammide.

Nelle poliammidi ci sono il nylon appunto e anche le proteine naturali , non le posso elencare tutte Kaiser!! :D
E’ vero che con nylon s’intende il nylon 6,6 ma allora anche dire solo nylon diventa sbagliato e dovrei specificare quale, se il polidiciclopentadiene, policianoacrilato e tutta una serie di termini che trovo fuori luogo qui dentro ma non per una questione di intelligenza, figuriamoci.

Sono del parere che una formula chimica non migliorerà il tennis di nessuno qua dentro, però una conoscenza basica di cosa significhino quei nomi da perito chimico possano tornare utili quando si va ad acquistare una corda.

C’è un detto che mi piace tanto che dice “non hai capito veramente una cosa fino a che non sei in grado di spiegarla a tua nonna e fargliela apprendere”.
Altra cosa, penso che ad utenti come luna, dickinson, D & G, non freghi un accidenti delle corde (giustamente) e se trovano termini troppi austeri, al terzo nome che non capiscono, chiudono il topic e vanno altrove.
Forse, scrivendo in maniera più soft si riesce a far appassionare a questo settore anche utenti che guardano ad aspetti diversi di questo sport. (sempre secondo me raga).

Per il resto cosa dire.... aspetto Alesevilla ci dica qualcosa sulle mucche, ma non qui dentro. :D

P.S.: Attento che ho lavorato anche con le mucche (sul serio).
Ultima modifica di Clythus il gio ott 28, 2004 11:06 pm, modificato 1 volta in totale.
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

NIHIL
Matricola
Messaggi: 99
Iscritto il: mar ott 19, 2004 3:36 pm

Messaggioda NIHIL » gio ott 28, 2004 8:46 pm

io l'ho sempre detto di essere un ignorante in materia di corde... #1#
ed è proprio per tìale motivo che sono ripetitivo, esageratamente rompipalle.... anche paranoico per qualcuno, ma non mi offendo, so che cerco una cosa difficile se non impossibile e spero che arrivi l'angelo con la buona notizia....
ecco perchè ancora posto sul topic che ho aperto!!!!

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

Messaggioda Clythus » gio ott 28, 2004 8:56 pm

NIHIL ha scritto:io l'ho sempre detto di essere un ignorante in materia di corde... #1#
ed è proprio per tìale motivo che sono ripetitivo, esageratamente rompipalle.... anche paranoico per qualcuno, ma non mi offendo, so che cerco una cosa difficile se non impossibile e spero che arrivi l'angelo con la buona notizia....
ecco perchè ancora posto sul topic che ho aperto!!!!


Per me nessun disturbo NIHIL, anzi, è un piacere.
Ho usato il tuo esempio per sottolineare che di norma, chi cerca consigli sulle corde non si è mai interessato al riguardo e quindi bisogna andarci piano, per gradi.

Non volevo offenderti assolutamente, comunque puoi continuare a postare i tuoi problemi e le tue domande qui, ormai hai capito che quelle sono 2 corde completamente diverse.
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

NIHIL
Matricola
Messaggi: 99
Iscritto il: mar ott 19, 2004 3:36 pm

Messaggioda NIHIL » gio ott 28, 2004 9:17 pm

Non volevo offenderti assolutamente, comunque puoi continuare a postare i tuoi problemi e le tue domande qui, ormai hai capito che quelle sono 2 corde completamente diverse.

NO PROBLEM!!!!! NON SONO MICA OFFESO!!!!
ERA PER DIRE CHE PENSO SIANO POCHI A CAPIRNE DI CORDE VERAMENTE E QUANDO UNO COME ME HA DEI DUBBI RISCHIA DI FAR DIVENTARE DEI MARTIRI GLI ESPERTI!!!
CMQ NELL'ALRTRO POST DICEVO CHE DELLE CORDE CHE HO ELENCATO NON SO QUALE SIA LA MIGLIORE PER ME.....
CIAO

Avatar utente
Kayser Sose
Illuminato
Messaggi: 2070
Iscritto il: lun mag 05, 2003 6:30 pm
Località: S.P.Q.R. divina urbs

Messaggioda Kayser Sose » ven ott 29, 2004 2:18 am

Clythus ha scritto:C’è un detto che mi piace tanto che dice “non hai capito veramente una cosa fino a che non sei in grado di spiegarla a tua nonna e fargliela apprendere”.

Questa dovrebbe essere una frase di quel vecchio matto di Einstein mi pare! Quello che non crede che a Dio piaccia giocare a dadi... :D

Indubbiamente Clythus le tue argomentazioni non fanno mezza grinza, e ancora una volta ti dimostri più saggio di me (e certo hai appena fatto 29 anni, ci sarà pure un vantaggio ad invecchiare no? 8)), comunque il problema è sempre quello, dopo tutto bazzichiamo pur sempre un forum che si chiama "MyMag tennis" e quindi devo poter presumere che almeno qualcuno introdotto un minimo all'argomento telai-corde trattati in chiave "tecnica" o comunque rigorosa ci debba essere... Non vorrei mai banalizzare troppo, in un certo senso mi sembra come di intaccare la sacralità della materia (sono un po' matto, lo so – altro che il buon vecchio Albert :)) ma d'altronde è anche sbagliato scadere in eccessivi tecnicismi che rischiano solo di aggiungere confusione alla confusione.
Facciamo così allora, la prossima volta che si presenta l'occasione mi impegno io per primo a usare un linguaggio accessibile anche a un bambino di 6 anni, senza per questo compromettere la "correttezza" dei termini o dei concetti espressi, così facciamo tutti felici e contenti... O almeno ci si prova! :D

Avatar utente
Fabo
Matricola
Messaggi: 135
Iscritto il: ven set 19, 2003 4:14 pm

Re: Corde

Messaggioda Fabo » ven ott 29, 2004 9:35 am

Clythus ha scritto:Ciao Fabo,
con la foto volevo scherzare perchè al 287,2% quando Hawk verdrà questo topic scenderà giù in picchiata e vi piazzerà uno dei suoi lucchetti anti-taglio.

Adesso starà patugliando i cieli di qualche altro forum, possiamo parlarti volentieri delle corde nel topic "l'angolo degli incordatori".


alla fine allora vedete che ho fatto bene ad aprire questo topic?

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

Re: Corde

Messaggioda Clythus » ven ott 29, 2004 2:16 pm

Kaiser, volevo chiederti una cosa sulle Gut Like Pro, ho visto che le hai consigliate ad uno dei ragazzi in cerca di corde.
Quelle sono state le mie corde dai 16 fino ai 19 anni. 8-9 anni fa la Miller Corde fallì e tutta la roba del suo magazzino finì in quello della qui vicina Conte of Florence, io mi recai là e comprai 2 matasse da 100m di Gut Like Pro.

La Gut Like Pro è una di quelle corde che l’ incordatore può riconoscere ad occhi bendati perché quando cominci a tenderla, il mandrino tensionatore gira, gira, gira tantissimo perché è una corda super-elastica e cede tantissimo.
Per rendere un’ idea delle caratteristiche di questa corda, per incordare la mia estusa mi servono normalmente 10 metri di una qualsiasi corda, con la Gut Like Pro me ne bastano 9 e questa è una cosa che ho riappurato 6 mesi fa quando ho reincordato la Boris Becker Super.

Dubbio: 2 settimane fa, un signore mi ha portato la sua racchetta da incordare con le gut like pro nuove che producono ora e nel montarla mi sono accorto che non ha più quella elasticità esagerata di un tempo, mi chiedo, cos’è cambiato?

Tu le hai provate di recente? Se le hai provate recentemente, ti risulta che siano un articolo diverso rispetto a prima?
Se ne sai qualcosa, fammi sapere, giusto per capire se mi è capitata una confezione conservata male o se proprio hanno cambiato prodotto, avrei 2 persone interessate e ritornare a quel modello.



Per il tuo linguaggio, io trovo sia molto apprezzabile avere un utente che scrive come un perito addetto all’ RDC di un laboratorio Babolat, eleva il livello di tutto il forum.
Io sono uno dei nati del ’75, quando ero in cerca di corde , trovavo sempre recensioni troppo tecniche (tipo le tue) per un ragazzino e stava a me documentarmi su libri e riviste per capire di che roba si trattava ed è grazie ad un ambiente privo di aiuti esterni che oggi so quello che so.

Quindi, un linguaggio come il tuo ha anche il lato positivo di costringere una persona ad uscire dalla pigrizia e cercarsi a giro i concetti anziché trovarseli spiattellati e predigeriti come li presento io.
Seguo questa linea perché quando avevo 16 anni, non avevo qualcuno che mi aiutasse in queste scelte, potevi al limite scrivere una lettera con la posta ordinaria a matchball, ma chissà quando e se mi avrebbero risposto, di certo non c’era un mezzo potente come internet dove andare su un forum come questo ed avere spiegazioni in tempo molto breve o per lo meno ragionevolmente breve.

Quella frase l’ ha detta proprio LUI, bravo.
E Albert cade proprio a fagiolo, a 12 anni uscì da un’ autobus correndo e gridando di gioia perché era riuscito a svolgere una banale espressione matematica, per lui erano difficili, poi sapete bene che raggiunse mete ben più alte. Stesso dicasi per Nihil, niente vieta che in futuro diventi bravo abbastanza da capire da solo che corda gli serve , se poi la cosa lo appassiona, può anche diventare un esperto.

Quindi scrivi come ti pare Kaiser, posso fare sempre da traduttore o il tuo tecni-loquio ci mancherà!

Fabo ha scritto:alla fine allora vedete che ho fatto bene ad aprire questo topic?

Non ho detto che hai fatto male fabo, pensavo che i moderatori lo avrebbero chiuso perché abbiamo 3 topic di corde “l’angolo degli incordatori”, questo e “luxilon o budello?”.
Colgo l’occasione per invitare NIHIL a postare i suoi dubi qui su “Corde” così in futuro chi si imbatte su questo tipo di problema può semplificare la ricerca trovando tutte le risposte in un singolo topic, questo.
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

I dubbi di NIHIL

Messaggioda Clythus » ven ott 29, 2004 2:41 pm

Ciao NIHIL, per rispondere ai tuoi mille dubbi:

I modelli che ti sono stati segnalati sono tutti vicini in quei valori, con la differenza che (come è già stato spiegato nel topic corde) le X-one biphase mantengono per più tempo le proprie caratteristiche, di conseguenza, hai un controllo più duraturo nel tempo che negli altri modelli svanisce più alla svelta.
Non ti aspettare miracoli dalle biphase ma di sicuro è una delle poche innovazioni che si pagano ma che per lo meno valgono qualcosa.

Quei multifilamenti ti sono stati indicati per il problema "spinta", per lo spin ci vogliono altri modelli, ma a parer mio, a questo punto del tuo livello una vale l'altra, ancora non sei ad un livello di gioco che ti permette di apprezzare quelle piccole differenze.

Ad ogni modo, ai fini della spinta con quei modelli caschi sempre bene, non garantisco per le Supernatural pro Stock e per le intelli tour perchè non le ho provate ma se te le ha segnalate Kaiser allora vai tranquillo.

DOVE SI TROVANO: Laserfibre in Italia non l'ho mai trovata, Gamma (poca roba) se hai problemi a trovarle nei negozi puoi ordinarle dal sito più famoso tenniswarehouse.com o alla bottega del tennis o su tennisplanet.com, è una cosa da fare se ordini almeno 5 o 6 corde, altrimenti pagare 7 e più euro di spedizione per una sola corda diventa troppo oneroso.

DISCORSO TENSIONE: l'incordatore ha usato uno strumento che misura la tensione sullo sweet-spot.
Sweet-spot= è l' area del piatto corde che restituisce la massima forza alla pallina (si trova al centro)
Su una racchetta come la tua quell' area è piccola, comunque, in quel punto, che è quello più frequentemente colpito, quelle 6-8 corde verticali e orizzontali dello sweet-spot perdono prima la tensione rispetto alle altre.

Ed è diverso giocare con una racchetta incordata a 27 che ha perso tensione ed ha lo sweet-spot a 25 che rispetto ad una tutta incordata a 25kg.

Nella racchetta incordata a 27, fuori dallo sweet-spot ci sono corde che non sono a 25, ma molto vicine a 27 kg e rendono il piatto più rigido di uno completamente incordato a 25. Mi sono spiegato?
Per me puoi andare diretto a 23, però per non stravolgere le cose, mettila a 25.
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

NIHIL
Matricola
Messaggi: 99
Iscritto il: mar ott 19, 2004 3:36 pm

Messaggioda NIHIL » ven ott 29, 2004 2:49 pm

clythus
grazie e................................

GRAZIE MILLE

p.s. spero sia l'ultimo dubbio per me, ma soprattutto lo spero per voi!!! :lol:

Avatar utente
Kayser Sose
Illuminato
Messaggi: 2070
Iscritto il: lun mag 05, 2003 6:30 pm
Località: S.P.Q.R. divina urbs

Re: Corde

Messaggioda Kayser Sose » sab ott 30, 2004 2:22 am

Clythus ha scritto:Kaiser, volevo chiederti una cosa sulle Gut Like Pro, ho visto che le hai consigliate ad uno dei ragazzi in cerca di corde.
Quelle sono state le mie corde dai 16 fino ai 19 anni. 8-9 anni fa la Miller Corde fallì e tutta la roba del suo magazzino finì in quello della qui vicina Conte of Florence, io mi recai là e comprai 2 matasse da 100m di Gut Like Pro.

La Gut Like Pro è una di quelle corde che l’ incordatore può riconoscere ad occhi bendati perché quando cominci a tenderla, il mandrino tensionatore gira, gira, gira tantissimo perché è una corda super-elastica e cede tantissimo.
Per rendere un’ idea delle caratteristiche di questa corda, per incordare la mia estusa mi servono normalmente 10 metri di una qualsiasi corda, con la Gut Like Pro me ne bastano 9 e questa è una cosa che ho riappurato 6 mesi fa quando ho reincordato la Boris Becker Super.

Dubbio: 2 settimane fa, un signore mi ha portato la sua racchetta da incordare con le gut like pro nuove che producono ora e nel montarla mi sono accorto che non ha più quella elasticità esagerata di un tempo, mi chiedo, cos’è cambiato?

Tu le hai provate di recente? Se le hai provate recentemente, ti risulta che siano un articolo diverso rispetto a prima?
Se ne sai qualcosa, fammi sapere, giusto per capire se mi è capitata una confezione conservata male o se proprio hanno cambiato prodotto, avrei 2 persone interessate e ritornare a quel modello.

In realtà anch'io sono rimasto alle Gut Like Pro di qualche annetto fa che ho montato un paio di volte (ricavandone sempre una sensazione di estrema elasticità all'impatto, in linea con i migliori multifili) poi le ho richiamate nell'altro post perché attualmente le usa un amico contro il quale ho giocato una decina di giorni fa, e a sentire i suoi commenti entusiastici mi ha subito contagiato (su Head LM Radical OS, fatto due tiri e anche a me la corda ha dato ottime sensazioni).
Non so come le facciano oggi alla Miller e se i processi produttivi siano rigorosi come un tempo, comunque ti posso dire che il nuovo modello Gut Like Pro TP presenta un qualche strano innesto di nanoparticelle e altri additivi e solventi, che potrebbero intaccare l'originale elasticità caratteristica di quest'armeggio, ma è solo un'ipotesi (mi devo informare meglio, cmq attiva anche tu i tuoi canali d'informazione... :)). Del resto purtroppo è una pratica abbastanza diffusa quella di aggiungere varie resine e trattamenti successivi, tutte cose che rischiano di compromettere il feeling e forse anche l'integrità stessa della corda... Prendi i budelli VS della Babolat che ormai vengono tutti trattati con Thermogut igro-repellente (cioè anti-umidità volevo dire :)) e simili accorgimenti, trucchetti buoni per far sopravvivere la corda un po' (ma solo un po') più a lungo e magari per spillare un po' più di soldi all'ignaro cliente.
Stessa cosa hanno fatto alla Prince aggiungendo il Duraflex alle Synthetic Gut, rovinando parzialmente una corda magnifica, perfetta nella sua semplicità.

tornado007
Matricola
Messaggi: 11
Iscritto il: ven set 24, 2004 8:40 pm
Località: Crotone

Messaggioda tornado007 » dom nov 14, 2004 11:41 am

Buongiorno a tutti Volevo approfittare della vostra competenza per chiedere un consiglio su quale telaio mi convenga acquistare Ho 42 anni e sono un buon giocatore a tutto campo con predilezione per i colpi piatti e in back e per il gioco a rete Diciamo che data l'eta' non ho piu' la forza nel braccio di una volta e ultimamente ho anche avuto problemini di tendiniti al polso e al gomito ma la tecnica e' rimasta piuttosto alta Mi piacerebbero questi telai: Yonex V-Con 17 /100" , Volkl Tour 10 V-Engine MP e Wilson N Six -One 95 (piatto corde 16 x 18 ) Quale mi consigliereste e se possibile con quale corda e quale tensione accordarla ? Scusatemi per i tanti quesiti posti ma so che su questo forum siete davvero molto gentili e competenti Grazie

link2.5
Membro
Messaggi: 291
Iscritto il: gio nov 04, 2004 7:51 pm
Località: marsiglia

Messaggioda link2.5 » lun nov 15, 2004 4:59 pm

ciao hai provato mettendo la combinazione budello orizzontale e sintetico verticale ad esempio budello babolat da 1.30 e sintetico babolat megalife da 1.40(come gioca agassi) fammi sapere

pierom
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 837
Iscritto il: ven ago 29, 2003 1:31 pm

Messaggioda pierom » gio nov 18, 2004 12:52 pm

link2.5 ha scritto:ciao hai provato mettendo la combinazione budello orizzontale e sintetico verticale ad esempio budello babolat da 1.30 e sintetico babolat megalife da 1.40(come gioca agassi) fammi sapere


Guarda che Agassi usa tutto LUXILON !!!

macondo
Gran Maestro
Messaggi: 1136
Iscritto il: mar mag 20, 2003 6:39 pm
Contatta:

Messaggioda macondo » ven feb 25, 2005 8:35 pm

chi sa qualcosa di queste corde? quale prendo?

GAMMA challenge G16, 1.30, 20 Euro

TRETORN Synt Gut,

HEAD rip control, 1.30,

PRINCE top spin, 1.38,

GOSEN micro,
GOSEN Poli e qualcosa :)


ebbene adesso bannatemi :oops: :D :D
Ultima modifica di macondo il mer giu 22, 2005 11:20 am, modificato 1 volta in totale.
Spero che Luca dall’alto dei cieli mi perdoni e che sappia che lo penso sempre e che gli voglio bene e se sapessi dov’è la sua tomba andrei a mettergli i fiori. Grazie Piergiorgio.

Robbie W
Membro
Messaggi: 174
Iscritto il: mer apr 14, 2004 11:09 pm

Messaggioda Robbie W » ven feb 25, 2005 10:26 pm

macondo ha scritto:...
BABOLAT syntranic 900 zylon, 1.15 :o , 4,90 Euro
...


Mmh... quella va bene come filo interdentale! #129#

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

Messaggioda Clythus » ven feb 25, 2005 11:26 pm

Gasp! Ma dove le trovi a quei prezzi scusa? Le Miller Gut like costano uno sproposito, secondo il tuo listino sono ad un prezzo eccezziunale veramente. Come anche le mitiche Magic Feel.

Fra la tua lunga lista ho provato le Miller Gut Like e le Gut like Pro che erano le corde sintetiche più elastiche che io abbia mai montato, adesso però c'è un signore che me le porta e a montarle vedo che sono diverse, cedono molto molto meno e ne consegue che anche in campo si comportano diversamente da come lo erano le vecchie Miller.

Prince TopSpin: per gli amanti del genere.

Gosen micro: è la mia corda ufficiale, il migliore budello sintetico qualità prezzo. Tattilmente è più morbido dell' Extreme della Wilson e più duro del syn gut prince. Si addice ai midsize o tuttalpiù sui midplus da 95.

Gosen Poli Multi, credo tu ti riferisca a quelle, altrimenti ci sono le Polylon e le polylon ice. Le prime sono corde fantastiche, unica pecca, se sei un picchiatore violento, gli ammazzi le prestazioni in 7-9 ore di gioco. Dopo non è che diventano ingiocabili ma ti danno un' altra sensazione e ti accorgi che non godi più come prima. Se invece intendevi le polylon, sono un poliestere molto particolare, sui colpi piatti restituisce di più delle tecnifibre polyspin ad esempio.

Babolat Magic Feel: è stata la mia corda ufficiale per tanto tempo, sinceramente è una vita che non la rivedevo in giro, ma dove l' hai trovata? Non l' ho più rivista da nessuna parte. E' una corda che da buone sensazioni ed ha anche un' ottima durata. Per meno di 5 euro provala assolutamente.

Babolat VF Magic: altro modello scomparso. Classico multifilo anni 90, buono per 3 ore e poi si indurisce e va avanti a settimane.
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

masaniello
Matricola
Messaggi: 53
Iscritto il: ven set 26, 2003 6:18 pm
Località: italia

Messaggioda masaniello » mar mar 01, 2005 4:15 pm

vista la grandissima competenza sull'argomento di quasi tutti voi, pongo un quesito:
Ragazzo di 12 anni, ottimo livello di gioco,osservato nazionale, gioca tutti i giorni con babolat pure control zylon, con il monofilamento standard che passa l'incordatore del circolo.
Il gioco è a tutto campo, buona potenza, uso di tutte le rotazioni ma non esasperato e propensione a picchiare forte da fondo. Attualmente rompe,di media, ogni settimana 10 giorni.
Dimenticavo, si fa incordare a 25 Kg.
Si accettano consigli

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 20559
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Messaggioda alessandro » mar mar 01, 2005 6:10 pm

io uso Prince TopSpin, ha un calibro abbastanza grosso e mi aiuta a far durare la corda di piu'.
uso molto il topspin e la ruvidezza della corda aiuta. la palla non scivola via.

per essere cosi' grossa spinge molto.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
Clythus
FooLminato
Messaggi: 12840
Iscritto il: dom giu 08, 2003 1:07 pm
Località: Dove i post nun se possono rrefiutare
Contatta:

Messaggioda Clythus » mar mar 01, 2005 11:53 pm

masaniello ha scritto:vista la grandissima competenza sull'argomento di quasi tutti voi, pongo un quesito:
Ragazzo di 12 anni, ottimo livello di gioco,osservato nazionale, gioca tutti i giorni con babolat pure control zylon, con il monofilamento standard che passa l'incordatore del circolo.
Il gioco è a tutto campo, buona potenza, uso di tutte le rotazioni ma non esasperato e propensione a picchiare forte da fondo. Attualmente rompe,di media, ogni settimana 10 giorni.
Dimenticavo, si fa incordare a 25 Kg.
Si accettano consigli


A questo scopo le migliori sono le Kirschbaum, non ha senso aumentare lo spessore ad un bambino di ottima potenza, 4-5 incordature il mese sono preventivate per certi livelli.
Semmai bisogna fornirgli un' ottima corda che mantenga le prestazioni per tutta la sua durata.

Fra i modelli Kirschbaum sarebbe perfetta la Competition ma per un po' ancora non la troverai in commercio, prova ad incordagliene un paio con le supersmash e guarda come ci gioca. Mi raccomando, calibro sottile.

Se vuoi spendere meno, con 50 euro puoi comprare una matassa di tecnifibre polyspin, un poliestere molto molto interessante per livelli agonistici giovanili.
Per il momento ti consigio solo queste se poi non è convinto facci sapere che si prova ad andare su qualcosa di diverso.
Immagine

Quando l' uomo a nitroglicerina trova l' uomo ad antimateria, l'uomo a nitro è un 7/5, 4/6, 2/6, 7/6(5), 5/7.

Avatar utente
Kayser Sose
Illuminato
Messaggi: 2070
Iscritto il: lun mag 05, 2003 6:30 pm
Località: S.P.Q.R. divina urbs

Messaggioda Kayser Sose » mer mar 02, 2005 3:04 am

Sinceramente io avrei delle remore a far giocare un ragazzino con un monofilo, ne può risentire anche la tecnica. Almeno un avvolgimento semplice in nylon, se ne trovano anche di economici e la differenza a livello prestazionale non è da poco.
Comunque alla fine sono un po' tutti uguali... Le Competition della Kirschbaum è vero sono più morbide (più durette le Super Smash e le Spiky), ma sempre di monofilo si tratta. La cosa positiva della Kirsch è che offra un'ampia gamma di calibri fra cui scegliere, ben sette (per corda).
In ogni caso conosco un tizio su internet che vende matassine di monofilamenti a 1 euro cadauna (:o), come ho detto prima alla fin fine si somigliano un po' tutti.

Se si vuole spendere leggermente di più ma prendere una corda DAVVERO prestazionale io consiglio le Promix della Tecnifibre che hanno la seguente composizione (cal. 1.30): 512 filamenti copolimeri + 3
monofilamenti di nylon + 306 filamenti di poliestere + induzione poliuretanica al 25%. Una specie di ibrido fra un multifilo e un più classico monofilamento, che abbina ottima sensibilità a tenuta di tensione e durata.

Avatar utente
Kayser Sose
Illuminato
Messaggi: 2070
Iscritto il: lun mag 05, 2003 6:30 pm
Località: S.P.Q.R. divina urbs

Messaggioda Kayser Sose » mer mar 02, 2005 3:23 am

Le Topspin della Prince in pratica sono delle Synthetic Gut Original in rilievo (con o senza guaina Duraflex), ma dopo poche ore di gioco le spire testurizzate si consumano e ci si ritrova con un normalissimo nylon.
Un po' lo stesso problema delle Gamma Ruff.

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 20559
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Messaggioda alessandro » mer mar 02, 2005 12:29 pm

Kayser Sose ha scritto:Le Topspin della Prince in pratica sono delle Synthetic Gut Original in rilievo (con o senza guaina Duraflex), ma dopo poche ore di gioco le spire testurizzate si consumano e ci si ritrova con un normalissimo nylon.
Un po' lo stesso problema delle Gamma Ruff.

Minkia :o grazie

allora non era una mia impressione. cona mi consigli per avere una top spin piu' costante?
se dopo poche ore perde le caratteristiche, tanto vale mettere un calibro piu' sottile e quando si rompe pazienza....
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum


Torna a “Corde”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti