"L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Sotto-sezione del forum Area Tecnica dedicata alla tecnica e alla tattica
Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » gio set 04, 2014 6:31 pm

waitingernest ha scritto:https://www.facebook.com/video.php?v=725995240796547&set=vb.100001582334413&type=2&theater

Che ne dite di questo lavoro per spiegare e automatizzare l'anticipo dell'anca nel dritto?

P.s.

Si può linkare un video facebook? Se no lo levo subito :roll:


Non mi ero mai posto il problema :) :) :)

Però non apre il link...
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

waitingernest
Membro
Messaggi: 213
Iscritto il: ven gen 23, 2009 11:14 am
Località: Isola sperduta
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda waitingernest » gio set 04, 2014 6:39 pm

Hai ragione :( dovresti avere il tizio tra i contatti...

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » lun set 29, 2014 7:29 pm

Dopo 50 anni di tennis ho capito che
il dritto mi viene bene con impugnatura L3, stifness elevato, misura standard
il rovescio mi viene ben con impugnatura L2, stifness basso, misura XL
:(
mi ridó al biliardo :cry:
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 64981
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda balbysauro » lun set 29, 2014 7:50 pm

ciccio ha scritto:Dopo 50 anni di tennis ho capito che
il dritto mi viene bene con impugnatura L3, stifness elevato, misura standard
il rovescio mi viene ben con impugnatura L2, stifness basso, misura XL
:(
mi ridó al biliardo :cry:


si può giocare con due racchette?
se sì ti fai una cartuccera come ce l'aveva Arantxa Sanchez per le palline e ci metti le due racchette

poi, a seconda di quale ti serve, per il dritto o per il rovescio, ne sfili una alla velocità di Billy the Kid e giochi #100#

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » mer ott 22, 2014 1:46 pm

balbysauro ha scritto:
ciccio ha scritto:Dopo 50 anni di tennis ho capito che
il dritto mi viene bene con impugnatura L3, stifness elevato, misura standard
il rovescio mi viene ben con impugnatura L2, stifness basso, misura XL
:(
mi ridó al biliardo :cry:


si può giocare con due racchette?
se sì ti fai una cartuccera come ce l'aveva Arantxa Sanchez per le palline e ci metti le due racchette

poi, a seconda di quale ti serve, per il dritto o per il rovescio, ne sfili una alla velocità di Billy the Kid e giochi #100#


Oppure a seconda della partite e dell'avversario o il momento della partita sceglie il manico da usare.

Ho fatto un esercizio nuovo in questi giorni, sugli appoggi.
Il mesto mi lancia la pallina con la mano, io partivo con i piedi sulla riga di fondo al centro del campo e dovevo colpire il dritto (poi stessa cosa sul rovescio), quello che dovevo fare era questo:
Slit step poi portavo dietro la racchetta ruotando il tronco; ruotavo i piedi verso destra, poi un passo con il sinistro verso destra poi un passo con il piede destro (tipo corsa questi ultimi due passaggi), caricavo su quella gamba (tipo un affondo) poi dovevo colpire spingendo sulla gamba destra e dopo l'impatto dovevo sollevare il piede destro verso l'alto e poi riappoggiarlo a terra scaricandoci sopra il peso.

Lo stesso esercizio lo avevo fatto appoggiando sull'altro piede il sinistro, oppure altre volte caricando sul destro e dopo l'impatto ruotando tutto il corpo (quest'ultimo non si capisce).

Fighissimo dalla parte del dritto riesco a dare un bel po' di rotazione in più, mentre dalla parte del rovescio che è il mio colpo naturale faccio veramente un fottio di fatica. Io ho dato la colpa al fatto che di rovescio colpisco quasi sempre in posizione molto chiusa, mentre con il dritto accade il contrario.
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » mer ott 22, 2014 2:58 pm

fammi capire, ti ha fatto fare il rovescio bimane in open stance ?
si è molto più faticoso perché il rovescio naturale è nl closed o neutral
Chi usa quel rovescio moltissimo è gente come la Radwanska o Serena, ovvero ginocchia di ferro, la Ivanosevic ad esempio che non ha una struttura super lo usa molto poco

sul dritto quando ricadi in open stance sullo stesso piede destro occhio alle ginocchia che quello è un'esercizio molto traumatizzante se fatto molte volte di seguito, leggasi Nadal.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 64981
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda balbysauro » mer ott 22, 2014 3:00 pm

NNick87 ha scritto:
balbysauro ha scritto:
ciccio ha scritto:Dopo 50 anni di tennis ho capito che
il dritto mi viene bene con impugnatura L3, stifness elevato, misura standard
il rovescio mi viene ben con impugnatura L2, stifness basso, misura XL
:(
mi ridó al biliardo :cry:


si può giocare con due racchette?
se sì ti fai una cartuccera come ce l'aveva Arantxa Sanchez per le palline e ci metti le due racchette

poi, a seconda di quale ti serve, per il dritto o per il rovescio, ne sfili una alla velocità di Billy the Kid e giochi #100#


Oppure a seconda della partite e dell'avversario o il momento della partita sceglie il manico da usare.

Ho fatto un esercizio nuovo in questi giorni, sugli appoggi.
Il mesto mi lancia la pallina con la mano


ormai si è intristito perchè non migliori? :)

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » mer ott 22, 2014 3:14 pm

ciccio ha scritto:fammi capire, ti ha fatto fare il rovescio bimane in open stance ?
si è molto più faticoso perché il rovescio naturale è nl closed o neutral
Chi usa quel rovescio moltissimo è gente come la Radwanska o Serena, ovvero ginocchia di ferro, la Ivanosevic ad esempio che non ha una struttura super lo usa molto poco

sul dritto quando ricadi in open stance sullo stesso piede destro occhio alle ginocchia che quello è un'esercizio molto traumatizzante se fatto molte volte di seguito, leggasi Nadal.


Sì...l'idea era provarlo perché in alcune situazioni di gioco può essere utile giocare il colpo in quel modo, non per farlo sempre così. Di diritto però mi viene piuttosto naturale in particolare quando devo indietreggiare (lo abbiamo provato sia come spostamento laterale che tagliando il campo in avanti e indietro), con il rovescio è un bel casino tendo a impattare troppo presto e chiudere troppo l'angolo, ho proprio difficoltà a trovare la palla e "mi siedo" nel momento dell'impatto con il risultato che il colpo decolla... :roll:

balbysauro ha scritto:


ormai si è intristito perchè non migliori? :)

#113# #113# #113# #113# §

Ho iniziato a fare tornei nel 2010:
2010 - 4.nc
2011 - 4.4
2012 - 4.3
2013 - 4.2
2014 - 4.2 --> 3.5
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » mer ott 22, 2014 3:27 pm

NNick87 ha scritto:
Sì...l'idea era provarlo perché in alcune situazioni di gioco può essere utile giocare il colpo in quel modo, non per farlo sempre così. Di diritto però mi viene piuttosto naturale in particolare quando devo indietreggiare (lo abbiamo provato sia come spostamento laterale che tagliando il campo in avanti e indietro), con il rovescio è un bel casino tendo a impattare troppo presto e chiudere troppo l'angolo, ho proprio difficoltà a trovare la palla e "mi siedo" nel momento dell'impatto con il risultato che il colpo decolla... :roll:


Il dritto ormai è in open stance e in qualche occasione il neutral, son due colpi totalmente diversi come tecnica e filosofia, l'open è di spinta della gamba destra il neutral di spostamento di peso in avanti,
chi li sá fare molto bene entrambi e usa la neutral molto spesso è Federer.
Il rovescio è in neutral e in qualche occasione open, ma col tempo si stá sempre più vedendo open soprattutto nel femminile perché aiuta tantissimo chi ha spostamenti più lenti.
Ovvio che comunque si devono saper fare tuti e 4 i colpi.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32895
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda BackhandWinner » mer ott 22, 2014 11:59 pm

balbysauro ha scritto:
NNick87 ha scritto:Ho fatto un esercizio nuovo in questi giorni, sugli appoggi.
Il mesto mi lancia la pallina con la mano


ormai si è intristito perchè non migliori? :)

#100# #100#
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » gio nov 13, 2014 1:05 pm

Immagine


finalmente la sonda rosetta ha scoperto dov'è finita la palla tirata da BHW quando ho tentato di fargli fare un dritto secondo le regole del tennis #100#
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » gio nov 13, 2014 8:12 pm

:o :lol: :lol:

ps: anche se ho dei seri dubbi una palla colpita dal dritto di BHW possa andare così lontano 8)
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32895
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda BackhandWinner » gio nov 13, 2014 10:13 pm

ciccio ha scritto:Immagine


finalmente la sonda rosetta ha scoperto dov'è finita la palla tirata da BHW quando ho tentato di fargli fare un dritto secondo le regole del tennis #100#

#40# #40#
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32895
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda BackhandWinner » sab nov 15, 2014 11:49 am

Ieri ho avuto il privilegio di fare un'ora e mezza con un 3.3, un 45enne mancinaccio dal braccio incredibile che gioca con una Prestige Classic LiquidMetal austriaca (un piccolo mito della zona). :oops:
Sembravo murro contro Roger l'altro giorno. #100#

Ma, dico io, come si fa a tirare sempre forte negli angoli stando quasi fermo? :o Pazzesco. Io ovviamente ho corso come in invasato per tentare di farlo giocare un po'. Tre quarti d'ora di palleggi (a tutto campo poi sulle diagonali e sulle diagonali alternando dritto e rovescio) e poi ho osato chiedergli di fare un set...mi ha fatto vincere anche un game sul mio servizio, troppo buono. Però gli ho fatto un ace, quello era vero (botta centrale da sinistra, uno dei miei preferiti) e quattro o cinque serve&volley giocandogli una buona prima sul rovescio. 8)
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » sab nov 15, 2014 11:56 am

BackhandWinner ha scritto:Ieri ho avuto il privilegio di fare un'ora e mezza con un 3.3, un 45enne mancinaccio dal braccio incredibile che gioca con una Prestige Classic LiquidMetal austriaca (un piccolo mito della zona). :oops:
Sembravo murro contro Roger l'altro giorno. #100#

Ma, dico io, come si fa a tirare sempre forte negli angoli stando quasi fermo? :o Pazzesco. Io ovviamente ho corso come in invasato per tentare di farlo giocare un po'. Tre quarti d'ora di palleggi (a tutto campo poi sulle diagonali e sulle diagonali alternando dritto e rovescio) e poi ho osato chiedergli di fare un set...mi ha fatto vincere anche un game sul mio servizio, troppo buono. Però gli ho fatto un ace, quello era vero (botta centrale da sinistra, uno dei miei preferiti) e quattro o cinque serve&volley giocandogli una buona prima sul rovescio. 8)

Si chiama sapersi difendere caro vecchio BHW, sei tu che non devi permettergli di tirare sempre forte e negli angoli
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 131181
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda Nickognito » sab nov 15, 2014 12:18 pm

BackhandWinner ha scritto:
Ma, dico io, come si fa a tirare sempre forte negli angoli stando quasi fermo? :


vai a vedere allenarsi Lendl oggi. Con tutta quella pancia :)

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » mer nov 19, 2014 7:12 pm

ciccio ha scritto:
NNick87 ha scritto:Che vuol dire aprire il polso?

che a fine apertura l'angolo fra braccio e mano dev'essere quasi 180 gradi, quasi perché la posizione naturale è sui 160-170, la posizione 90 gradi che poi è sui 100-110 in realtà, vá presa solo per azione del gomito che spinge in avanti, mantenendo ferma la posizione della racchetta dietro che solo si abbassa, il famoso tappo di Bollettieri che deve sempre guardare in avanti.
Per far questo non puoi guardare con la faccia della racchetta totalmente dietro, al massimo alla ripartenza per lo swing può guardare un po' dietro o verso il basso


Intendi, nella foto, piegato la posizione non tratteggiata?

Immagine

Perchè mi sa che lo faccio sempre :o :o :o :o #1# #1#
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » mer nov 19, 2014 7:15 pm

Ok non avevo visto questo...

Immagine

Quali sono le conseguenze in termini di efficacia del colpo se pieghi il polso? rispetto a non piegarlo?
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » mer nov 19, 2014 7:17 pm

al momento di colpire o a fine apertura ?
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » mer nov 19, 2014 7:31 pm

ciccio ha scritto:al momento di colpire o a fine apertura ?


Sicuramente a fine apertura, io lo faccio in quel momento, poi non so dopo che succede dovrei vedermi al rallenti per capirlo.
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » mer nov 19, 2014 7:42 pm

alura
il problema è che tipo di spinta si produce

mantenendo il polso giá a 90 la tendenza è di fare una rotazione dello swing per cui usare la spalla come perno; In pratica, meno spinta e colpo di braccio
se invece siamo a 180 e andiamo a prendere il 90 poco prima dell'impatto, la tendenza è di una spinta rettilinea perché il gomito agisce più in linea retta e vicino al corpo, e diventa poi il perno del colpo, cosí si riesce a trasferire meglio il peso del corpo in una neutral e spinta della gamba destra in una open-stance

detta in soldoni è cosí, in realtá è più complessa ma bisogna essere in campo per spiegarsi bene.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » ven nov 21, 2014 8:48 pm

ciccio ha scritto:alura
il problema è che tipo di spinta si produce

mantenendo il polso giá a 90 la tendenza è di fare una rotazione dello swing per cui usare la spalla come perno; In pratica, meno spinta e colpo di braccio
se invece siamo a 180 e andiamo a prendere il 90 poco prima dell'impatto, la tendenza è di una spinta rettilinea perché il gomito agisce più in linea retta e vicino al corpo, e diventa poi il perno del colpo, cosí si riesce a trasferire meglio il peso del corpo in una neutral e spinta della gamba destra in una open-stance

detta in soldoni è cosí, in realtá è più complessa ma bisogna essere in campo per spiegarsi bene.


Domani rigioco e provo a non piegare il polso a fine apertura per vedere che succede.
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » mar mar 10, 2015 10:37 pm

Ho cambiato il movimento del servizio. E' sempre stato un colpo poco sicuro, in passato i DF non si contavano adesso un po' meglio. Per renderlo più solido lo avevo semplificato moltissimo, portare subito su la racchetta non muovere i piedi ecc... adesso che si è stabilizzato e dopo aver riscontrato difficoltà a atterrare sul piede sinistro nel modo corretto, ho provato a tornare a muovere la gamba destra (il piede dx che si avvicina al sinistro). Che succede? atterro molto meglio, spingo il doppio con le gambe e credo di ruotare molto di più il tronco attorno all'"asse verticale" e spingo molti di più con l'anca verso la rete, insomma molti vantaggi che si ripercuotono molto su velocità del servizio. I problemi...trovare il giusto equilibrio e il lancio di palla che è un po' ballerino. Ho qualche problema di coordinazione nell'avvicinare il piede e talvolta non mi sento molto in asse, ma spero migliori tutto con un po' di pratica. Lo proverò in allenamento perchè in partita è ancora un po' un pianto.
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » mar apr 21, 2015 3:44 pm

i nuovi parametri dello split step
è in portoghese, provatelo a mettere nel traduttore, è molto interessante e l'autore è molto bravo

http://www.tennis-academia.com/novos-pa ... s-moderno/
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

tuborovescio
Saggio
Messaggi: 9583
Iscritto il: mer dic 17, 2008 5:30 pm
Località: Colorado

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda tuborovescio » mar apr 21, 2015 3:56 pm

grazie ciccio :)
forse però è meglio leggere direttamente in portoghese #100#


Questo articolo presenta gli studi sul gradino scissione e la sua evoluzione nel tennis moderno. La fase "salto-ricezione" (PR) del passo di divisione è un fattore chiave di lavoro di gambe nel tennis, perché deve essere eseguito in un modo sistematico di reagire al colpo dell'avversario. La sua funzione è quella di consentire una reazione dinamica di sostegno quando usando la resistenza del suolo e ripristinare una energia elastica dalla contrazione dei muscoli estensori delle gambe. Gli obiettivi di miglioramento saranno sia sull'aspetto motore come l'aspetto percettivo della velocità di reazione, come reddito del passo di divisione dipende dalla qualità di assorbimento delle informazioni.

Lo scopo di questo articolo è quello di condividere informazioni sul ritmo e nuovi modi per realizzare la fase di divisione. Si dovrebbe consentire una migliore comprensione dei fattori che influenzano l'efficienza e proporre concetti formazione per migliorare.
Il tennis moderno è giocato ad un ritmo veloce e la velocità della palla e la sua posizione in campo sono i due più importanti fattori di rendimento (Signorile, 2005). Caratteristiche del movimento durante il gioco:

I movimenti sono molto brevi, perché la distanza media è di 3 metri per hit
Totale offset sono per lo più 10-12 metri al punto.
La media 4 è quello di avere cambi di direzione durante ciascun periodo (Fernandez, 2006).
Inoltre, il 70% degli spostamenti che sono lato (Weber, 2007)
Per un rally, la durata media di scioperi analizzati nei tre piani del Grande Slam è 1.36 secondo (Takahashi, 2009)
Quindi, qualunque sia il battistrada, il giocatore di tennis ad alte prestazioni ha meno di 3 secondi (media) per lo spostamento, posizionamento e recupero per continuare il rally.

2 - Avviare la sequenza "PR" il passo di divisione
Per quanto riguarda l'organizzazione del motore, è importante comprendere ciò che può influenzare la fase del passo di divisione. Può succedere statico: il disegno di ritorno o situazione di gioco con la posizione già definita (il doppio volley o volley 2), ma anche in modo dinamico. In questo caso, è necessario considerare la direzione di ripresa che precede e segue la direzione dello spostamento del motore in quanto organizzazione sarà ovviamente differente.

Se il giocatore deve muoversi nella stessa direzione che il recupero (spazio libero), si tratta di riavviare lo stesso movimento. Altrimenti è un giro di ritorno. Questo passo deve essere la capacità di equilibrio dinamico per movimenti laterali è il movimento di avanti e indietro, o una combinazione dei due e con un recupero laterale seguita da spostamento anteriore.

Le vecchie descrizioni del passo scissione riferito che la fase di spaccatura avviata al momento del contatto tra la palla e la racchetta dell'avversario e la reception era in corso con i piedi insieme a terra prima di reagire e iniziare il turno. L'inizio dello spostamento laterale doveva avvenire con la rotazione esterna del piede interna.

Quando si analizza il tennis moderno, questo tipo di passaggio spaccatura non è più efficace.

Osservando i giocatori di tennis ad alte prestazioni, il passo scissione inizia grilletto colpo dell'avversario. Così il contatto palla / racchetta, ricevono le informazioni palla durante la fase aerea del salto (piedi funky del suolo). Questa fase consente di reagire nella fase aerea e organizzare al ricevimento a terra. La ricezione avviene con il piede opposto (o all'esterno) la direzione di spostamento e leggermente davanti all'altro piede. Questa prima accoglienza continua con una strappata laterale prendendo piede all'interno di toccare il suolo più lateralmente (figurine 2).

-Rania Rispetta l'andamento osservato in alto rendimento. E 'in cima al piccolo salto a contatto palla / racchetta. La percezione della traiettoria è stata eseguita a "aria" e Rania è organizzata in fase di discesa per utilizzare la reazione sul supporto esterno per iniziare il suo spostamento laterale.

 
Il piede all'estero ricezione memorizza il peso per posizionare il centro di pressione opposta lo spostamento. Ciò è per accelerare il baricentro nell'asse frontale (Tateuchi et al., 2006). Così, quando il passo di divisione, si osserva che i muscoli estensori della gamba esterna della caviglia che agiscono più lunga dell'altra gamba. Questa previsione consente l'uso efficiente del ciclo di allungamento / accorciamento durante la fase di propulsione laterale. Il tempo tra la ricezione e l'inizio dello spostamento deve essere veloce, dimostrando così l'importanza della sincronizzazione passo di divisione.

 

La continuazione di questo studio sarà pubblicato nel prossimo articolo di presentare un altro modo di dare il benvenuto nella fase di divisione e alcune direzioni di creare situazioni di formazione.

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » lun apr 27, 2015 3:32 am

http://www.tennis-academia.com/novos-pa ... oderno-22/

i nuovi parametri dello split step articolo 2
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

wes
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 737
Iscritto il: mar dic 17, 2002 8:00 pm
Località: Roma

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda wes » dom mag 03, 2015 2:18 am

ciccio ha scritto:http://www.tennis-academia.com/novos-parametros-split-step-tenis-moderno-22/

i nuovi parametri dello split step articolo 2


A me lo hanno insegnato facendomi vedere video su Thomas Muster e con massacranti serie di salti stile paracadutista.

E' una di quelle cose che una volta imparate non si scorda mai,purtroppo però per quanto ho potuto vedere è messa un pò in secondo piano da tanti maestri anche molto bravi e rispettati ,sia con amatori che con agonisti,non ho mai capito il perchè..
"L'ignoranza è forza,la libertà è schiavitù"(George Orwell)

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » dom mag 03, 2015 2:43 am

wes ha scritto:
ciccio ha scritto:http://www.tennis-academia.com/novos-parametros-split-step-tenis-moderno-22/

i nuovi parametri dello split step articolo 2


A me lo hanno insegnato facendomi vedere video su Thomas Muster e con massacranti serie di salti stile paracadutista.

E' una di quelle cose che una volta imparate non si scorda mai,purtroppo però per quanto ho potuto vedere è messa un pò in secondo piano da tanti maestri anche molto bravi e rispettati ,sia con amatori che con agonisti,non ho mai capito il perchè..

Perché è noioso e l'alunno non ne capisce la ragione, ha fretta e si concentra sul colpire.
Cosí si taglia la testa al toro evitando il problema, chi ha attitudine al tennis lo fa naturalmente, magari poco e male ma è meglio di niente.
Se peró il livello agonistico aumenta allora lo si inserisce volente o nolente.
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » dom mag 03, 2015 3:33 am

Immagine
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32895
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda BackhandWinner » dom mag 03, 2015 11:49 am

ciccio ha scritto:
wes ha scritto:
ciccio ha scritto:http://www.tennis-academia.com/novos-parametros-split-step-tenis-moderno-22/

i nuovi parametri dello split step articolo 2


A me lo hanno insegnato facendomi vedere video su Thomas Muster e con massacranti serie di salti stile paracadutista.

E' una di quelle cose che una volta imparate non si scorda mai,purtroppo però per quanto ho potuto vedere è messa un pò in secondo piano da tanti maestri anche molto bravi e rispettati ,sia con amatori che con agonisti,non ho mai capito il perchè..

Perché è noioso e l'alunno non ne capisce la ragione, ha fretta e si concentra sul colpire.
Cosí si taglia la testa al toro evitando il problema, chi ha attitudine al tennis lo fa naturalmente, magari poco e male ma è meglio di niente.
Se peró il livello agonistico aumenta allora lo si inserisce volente o nolente.

Ma non c'è qualcosa in inglese? Io odio il portoghese :x , questa linguaccia per fautori della decrescita neoprimitivista, W l'Impero Americano e le sue Meravigliose Multinazionali che portano svilujppo e ricchezza nel mondo sottosviluppato!
#100#
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32895
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda BackhandWinner » dom mag 03, 2015 11:53 am

"Stick to the baseline as much as possible" immagino sia da interpretare come 'gioca più avanti possibile' e non sia un manifesto ideologico contro il gioco a rete. :)
E comunque: e chi deve apriiiiiiiiiiireeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee molto e non fa in tempo? Sulla terra in particolare? :-? A me è sembrato di migliorare abbastanza in solidità da fondo cominciando a stare almeno un metro dietro la riga (ma anche un metro e mezzo), mentre prima spesso 'paravo' colpi stando ballerino sulla linea di fondo...(oltre che lavorando un po' sul mio drittino e aumentando in generale nella consapevolezza tecnica...). Possibile? Sensato? Forse solo a livello di quarta scarsi mentre lì si parla di tennis vero?
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » dom mag 03, 2015 3:02 pm

Murray intende "quanto è possibile" sottintendo il quando, evidentemente a te "non è possibile" :roll:
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » dom mag 03, 2015 4:24 pm

wes ha scritto:
ciccio ha scritto:http://www.tennis-academia.com/novos-parametros-split-step-tenis-moderno-22/

i nuovi parametri dello split step articolo 2


A me lo hanno insegnato facendomi vedere video su Thomas Muster e con massacranti serie di salti stile paracadutista.

E' una di quelle cose che una volta imparate non si scorda mai,purtroppo però per quanto ho potuto vedere è messa un pò in secondo piano da tanti maestri anche molto bravi e rispettati ,sia con amatori che con agonisti,non ho mai capito il perchè..


Spiegate meglio... :D
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » dom mag 03, 2015 4:32 pm

mai visti sti salti, si usano più che altro cerchi, scale, piloncini di plastica,
mazze da baseball se non lo fai giusto #100#
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » dom mag 03, 2015 4:48 pm

ciccio ha scritto:mai visti sti salti, si usano più che altro cerchi, scale, piloncini di plastica,
mazze da baseball se non lo fai giusto #100#


Io ho fatto un esercizio con i balzi per la risposta, con un ostacolino da saltare con entrambi i piedi (tipo split step)
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32895
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda BackhandWinner » gio mag 21, 2015 11:19 am

Incredibile, ho cominciato a farci caso due giorni fa, provando qualche servizio con il Magister (evidentemente s'era stufato pure lui di farmi fare cesti di dritto #100#):



Anni di tennis e non so le cose fondamentali... :oops: #1#
Effetto immediato: un 20% di prime dentro in più. Assurdo. :o
E' facile immaginare che io abbia acquisito il (molto comune, comunque) vizio di abbassare la testa anche, se non soprattutto, facendo il serve&volley: vedere subito dove va la palla. Magari anche solo per pigrizia: va dentro? Scatto. Non va, sto fermo qui...:)
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda NNick87 » gio mag 21, 2015 12:39 pm

Credo sia l'aspetto del servizio più evidente in Federer. Anche senza Slow motion :roll: :roll: :roll: #1#
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

tuborovescio
Saggio
Messaggi: 9583
Iscritto il: mer dic 17, 2008 5:30 pm
Località: Colorado

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda tuborovescio » gio mag 21, 2015 2:25 pm

di tutto il tennis di Federer, ma Back, guardando solo Roger, non può fare confronti #100#

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda ciccio » mar lug 14, 2015 12:15 pm

Pure Pato si è ormai dato al tennis :D

Immagine
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 46908
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: "L'angolo dei maestri", parliamo di tecnica

Messaggioda Nasty » lun set 14, 2015 11:38 pm

Mai visto un calciatore professionista con così poco polpaccio.... Ha smesso? :o
Siamo tutti testimoni


Torna a “Tecnica & Tattica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite