Ayrton..

...potete trovare anche un topic sul Cricket!!!
Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Ayrton..

Messaggioda Tican » gio mag 01, 2008 9:59 am

Immagine


Un semplice CIAO ad una persona eccezionale

14 anni fa, alle 14.17 iniziò a salutarci, alle 18.40 se ne andò...

Ciao Ayrton
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
seren
Massimo Carbone
Messaggi: 16165
Iscritto il: mer gen 17, 2007 1:40 pm
Località: a due passi dal mare, non lontana dai boschi ...

Messaggioda seren » gio mag 01, 2008 11:20 am

Karting; 1974-1982

Immagine


Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere.
Sognare è necessario, anche se nel sogno va intravista la realtà. Per me è uno dei principi della vita.

Ayrton Senna




...e tu, lassù, continua a correre e a sognare... #177#
Immagine
... e' che siamo bravissimi a giocare a nascondino. tana per danser, sei dietro seren! (Balby)

Avatar utente
A_GAZ
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 903
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Milano-Barona-Italia
Contatta:

Messaggioda A_GAZ » ven mag 02, 2008 9:30 am

SEMPLICEMENTE UNICO!!!

Avatar utente
FooL
Massimo Carbone
Messaggi: 28489
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Salerno, California
Contatta:

Messaggioda FooL » ven mag 02, 2008 11:10 am

CIAO AYRTON
FøøL™ a.k.a. Big Nasty©
"His 35th and 36th points of the night had come on a floater so sweet it could make honey jealous"

Avatar utente
Ombra84
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 25817
Iscritto il: sab mag 19, 2007 1:30 pm
Località: Anacapri

Messaggioda Ombra84 » ven mag 02, 2008 6:55 pm

cIAO Ayrton.


Io ero a Imola quel giorno, alla Tamburello, e c ho pure le foto dell'incidente #1#
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.
.

dsdifr ha scritto:Nel primo set della messa lei dichiarerà di voler sposare Istomin, poi piano piano Andreas riguadagnerà' terreno fino al lieto fine.

Avatar utente
klaus
The Cardinal
Messaggi: 25734
Iscritto il: sab ott 11, 2003 8:35 pm
Località: Firenze

Messaggioda klaus » lun mag 05, 2008 8:32 am

Immagine
Ultima modifica di klaus il gio giu 04, 2009 11:15 am, modificato 2 volte in totale.
Il primo a postare un messaggio alla Rinascita di questo forum

Avatar utente
floyd10
Massimo Carbone
Messaggi: 19677
Iscritto il: lun gen 30, 2006 2:39 pm
Contatta:

Messaggioda floyd10 » sab mag 17, 2008 1:07 am

Avevo nove anni quando Senna è mancato.
Ricordo che era una stagione difficile per lui e che quel giorno avrebbe dovuto correre per forza, anche se non avrebbe voluto, anche se il giorno prima era morto un altro pilota, nelle qualifiche, Roland Ratzenberger.
Ricordo le rimonte di Ayrton sulla pioggia, lo strapotere della sua classe a Montecarlo, la minor competitività della sua macchina, bianca e rossa con la pubblicità della Marlboro, rispetto a quella blu acceso di Prost. E Prost un po' mi faceva arrabbiare, perché sapevo che Ayrton era più bravo, ma la Williams, credo, era più veloce, e con quei colori taglienti gli dava la vittoria.
Poi ricordo l'avvento del tedesco, con la macchina colorata, con la pubblicità della Benetton.
E poi ricordo che quel giorno mio padre tentava di rassicurarmi, dicendomi che sarebbe andato tutto bene.
Da quel giorno in poi della FormulaUno ricordo poco altro.

Ciao Ayrton.
alcol ha scritto:floyd l'ubriaco dall'occhio bigio?

Avatar utente
whiterussian
Drugo
Messaggi: 19753
Iscritto il: ven nov 14, 2003 12:50 pm
Località: Macedonia, 356 a.C.

Messaggioda whiterussian » sab mag 17, 2008 1:29 pm

Il più grande.

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Messaggioda Tican » gio apr 30, 2009 8:59 pm

Oggi moriva Roland Ratzenberger....

Tra qualche ora ci lascerà Ayrton

Come se fosse ieri...15 anni fa!!!!!

L'ultimo arrivato e l'inarrivabile, insieme, in volo fin lassù...

Un pensiero... :(
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 30197
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Messaggioda dsdifr » gio apr 30, 2009 9:11 pm

mi hai fatto piangere Tican. Due giorni maledetti e indimenticabili, anche quando avevi solo undici anni. Anzi, forse a maggior ragione. #1#

Avatar utente
Maxim79
Saggio
Messaggi: 9237
Iscritto il: ven gen 14, 2005 7:40 pm
Località: Roma..ma sardo..e pure un po incazzoso.
Contatta:

Messaggioda Maxim79 » gio apr 30, 2009 10:59 pm

Un abbraccio per Ayrton e roland.

Ayrton è stato il mio piu' grande mito.
Quanto piansi quel giorno nemmeno dio lo sa.
So u think u'll take another piece of me to satisfy your intellectual need.

ImmagineImmagine

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 54945
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Messaggioda tennisfan82 » ven mag 01, 2009 10:03 am

Sono già passati 15 anni, incredibile...

CIAO CAMPIONE

http://www.youtube.com/watch?v=yNCr8PfY ... re=related

Avatar utente
klaus
The Cardinal
Messaggi: 25734
Iscritto il: sab ott 11, 2003 8:35 pm
Località: Firenze

Messaggioda klaus » mar mag 05, 2009 8:46 am

Immagine


Il più grande.
Il primo a postare un messaggio alla Rinascita di questo forum

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda Tican » dom mag 02, 2010 7:10 pm

Con imperdonabile ritardo...


16 ma sembrano 100
http://fr.truveo.com/video-detail/ayrto ... 2441660734

Ciao Ayrton
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
klaus
The Cardinal
Messaggi: 25734
Iscritto il: sab ott 11, 2003 8:35 pm
Località: Firenze

Re: Ayrton..

Messaggioda klaus » mar apr 30, 2013 9:12 am

domani sono 19 anni

Immagine
Il primo a postare un messaggio alla Rinascita di questo forum

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda Tican » mer mag 01, 2013 2:18 pm

Ciao...


Immagine
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda Tican » gio mag 01, 2014 12:42 pm

E oggi sono 20....

Da allora nessuno pilota di F1 è mancato, il più grande lasso di tempo senza vittime in questo sport pericoloso....che forse la morte di Ayrton sia servita a qualcosa potrebbe essere il miglior ricordo....

Ciao


Immagine
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 30197
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: Ayrton..

Messaggioda dsdifr » gio mag 01, 2014 4:06 pm

son già passati vent'anni. Mi ricordo quei due giorni come fosse ieri, eppure ero piccolo.

Avatar utente
klaus
The Cardinal
Messaggi: 25734
Iscritto il: sab ott 11, 2003 8:35 pm
Località: Firenze

Re: Ayrton..

Messaggioda klaus » gio mag 01, 2014 7:08 pm

Immagine
Il primo a postare un messaggio alla Rinascita di questo forum

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 54945
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda tennisfan82 » gio mag 01, 2014 7:48 pm

Bellissimo lo speciale di Sky di oggi...veramente un personaggio unico
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda Tican » gio mag 01, 2014 7:55 pm

tennisfan82 ha scritto:Bellissimo lo speciale di Sky di oggi...veramente un personaggio unico


Già il film documentario dell'altra sera è stato notevole, nn avevo mai visto l'arroganza e l'ignoranza di Balestre in pieno uso, leggere certe cose non è come vederle, pazzesco.....

Ma era anche una F1 diversa, stava cambiando, ovviamente in peggio...
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 54945
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda tennisfan82 » gio mag 01, 2014 9:02 pm

Stanno trasmettendo anche un bello speciale su Rai Sport 1 con Zermiani che sta raccontando tanti aneddoti a me sconosciuti e con tanti filmati(l'archivio RAI aiuta), tra cui i duelli in kart con tale Fullerton che non riusciva a battere
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda Tican » gio mag 01, 2014 9:26 pm

Ma è un vecchio servizio o inedito?
Xchè di Zermiani ricordo un bellissimo ricordo di anni fa....
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 54945
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda tennisfan82 » gio mag 01, 2014 9:28 pm

Inedito
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 54945
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda tennisfan82 » ven mag 02, 2014 3:13 pm

Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda Tican » ven mag 01, 2015 3:49 pm

21 ...

<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Burano
Saggio
Messaggi: 6863
Iscritto il: mer gen 30, 2002 1:00 am
Località: L'Italia che non vuole bene

Re: Ayrton..

Messaggioda Burano » ven mag 01, 2015 7:34 pm

Conta il pilota, non conta il pilota

...quando le monoposto si guidavano e non c'era l'elettronica.
Lo voglio rivedere, Fabio

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda Tican » dom mag 01, 2016 12:52 am

22

E oggi corrono pure.....
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 54945
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda tennisfan82 » lun mag 01, 2017 11:54 am

Immagine
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
klaus
The Cardinal
Messaggi: 25734
Iscritto il: sab ott 11, 2003 8:35 pm
Località: Firenze

Re: Ayrton..

Messaggioda klaus » lun mag 01, 2017 3:13 pm

Immagine
Il primo a postare un messaggio alla Rinascita di questo forum

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda Tican » mer mag 03, 2017 4:45 am

Non vedo il mio post :o :o

Vabehhhhh..... ciao mio grande amico....
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
Tican
Massimo Carbone
Messaggi: 17110
Iscritto il: lun gen 28, 2002 1:00 am
Località: Milano-Padania
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda Tican » mar mag 01, 2018 9:05 am

E sono 24!!!!

Ciao Ayrton, continua a correre....
<Parliamo di sport e non di simpatia. Forse potremo essere più obiettivi.> Ciao M.
<E non te va bene quando si gioca tutto in una schedona, e non ti va bene se ci sono i doppi turni... non invidio tua moglie :D :D> Ciao V.

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 30197
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: Ayrton..

Messaggioda dsdifr » mar mag 01, 2018 10:12 am

:(

Avatar utente
klaus
The Cardinal
Messaggi: 25734
Iscritto il: sab ott 11, 2003 8:35 pm
Località: Firenze

Re: Ayrton..

Messaggioda klaus » mer mag 01, 2019 12:31 am

Domani sono 25 anni

Immagine
Il primo a postare un messaggio alla Rinascita di questo forum

Avatar utente
uglygeek
FooLminato
Messaggi: 12819
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Ayrton..

Messaggioda uglygeek » mer mag 01, 2019 3:37 am

And in the end The love you take Is equal to the love You make. [The Beatles]

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 57384
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: Ayrton..

Messaggioda balbysauro » mer mag 01, 2019 11:48 am

ho trovato queste parole su facebook

ovviamente non è un mettere l'importanza della morte di uno a confronto con quella dell'altro

ma mi fa piacere riportarle, forse perchè, come indole, mi sento sempre più dalla parte degli sconfitti che da quella dei vincenti (lo so, sono juventino, ma per fortuna c'è la Champions a surrogare il mio discorso sui perdenti).


«LA GIUSTA distanza». Così dice il signor Rudolf Ratzenberger, 81 anni. È il padre del milite ignoto della Formula Uno. Più semplicemente: il papà dell’altro, di Roland, morto nel giorno sbagliato. Sconosciuto ai più, un ragazzone austriaco di Salisburgo, senza troppa fortuna. «Ayrton e Roland si conoscevano, li aveva presentati il fisioterapista di Senna, austriaco anche lui. Ma mio figlio era rispettoso, capiva che c’era un divario, anzi un abisso, tra lui che era in F1 da 53 giorni e Ayrton da 10 anni». La giusta distanza tra un numero uno e un signor nessuno. Stessa età, 34 anni. Senna era il dio delle pole position, invece Roland faticava a qualificarsi, era al suo terzo tentativo. Senna aveva contratti miliardari, Roland pagava per correre, assunto a gettone. Il brasiliano guidava macchine, l’austriaco, come disse lui, «un cetriolo» che beccava 6 secondi dal primo. La Simtek, la sua scuderia, fino all’anno prima aveva costruito macchine da cucire. Ma Roland aveva volontà, voglia di fare e era proprio fissato con le macchine. Lo ricorda il padre: «Non siamo una famiglia ricca. Io ero un ex dirigente pensionistico, ma provateci voi a far cambiare idea ad un ragazzo che sin da quando aveva quattro anni vi ripete che farà il pilota. Il suo idolo era Lauda. A 12 si costruì la prima piccola macchina di legno con cui sfidò gli amici sui tornanti, a 17 riparò un vecchio Maggiolino con cui scorrazzava nei campi di un contadino. Lasciò la scuola professionale, si mise a fare il meccanico, poi l’istruttore e il collaudatore, lavorò anche in Italia, a Monza, dove l’avevano soprannominato “Rolando Topo di Montagna”. E con i suoi sacrifici si pagò l’ingresso in F1 ad un’età in cui oggi molti lasciano».
La giusta distanza c’è anche tra San Paolo e Salisburgo: 9.900 chilometri. Roland anche con Senna, la tenne fino all’ultimo. Morì prima, da scudiero, con 24 ore di anticipo, il 30 aprile, stesso Gp, stessa pista di Imola, curva Villeneuve. Il 30 aprile. Alla sua Simtek numero 32 si stacca l’ala anteriore, che si infila sotto la monoposto, la macchina va dritta verso il muretto a oltre trecento all’ora. Sette-otto testacoda, tre ruote volano via, poi torna in mezzo alla pista e striscia fino al tornante della Tosa. Dalla carcassa la testa di Ratzenberger si china di lato, un girasole spezzato. L’abitacolo è squarciato, la tuta bianca di Roland macchiata di rosso, all’altezza del braccio e della coscia sinistra. Terribile il resto: frattura della calotta cranica a metà, due vertebre spezzate, midollo danneggiato, milza spappolata. Nessuna funzione cerebrale, ma gli praticano lo stesso il massaggio cardiaco e lo portano all’ospedale in elicottero. Senna vede il replay dell’incidente ai box. Si toglie il casco (che 24 ore dopo toglieranno a lui), fa un lungo sospiro, una smorfia di dolore, è turbato. Vuole vedere, sapere, sale su una macchina di servizio e si fa condurre alla curva Villeneuve. «Non si può». È un gesto per cui la Fia lo multa. Ayrton parla con Sid Watkins, il medico federale, che gli dice: «Non ci sono speranze». Senna è colpito, non vuole più gareggiare, Sid, che è suo amico, gli sussurra: «Molliamo tutto e andiamo a pescare». Non posso, è la risposta.
I genitori di Roland sono in vacanza in Messico, nessuno li avvisa. Il papà vede alla tv che c’è stato un incidente, non capisce la lingua, ma intuisce. «Ricordai la sua ultima telefonata alla mamma: è una pista pericolosa, se si sbaglia, si rischia troppo, ho una povera macchina, freni non adatti». Roland morì sul colpo, come dimostrò l’autopsia, ma tutti fecero finta di niente, altrimenti l’impianto sarebbe dovuto andare sotto sequestro e il Gp sospeso. Senna arrivò in ospedale due ore dopo, il dottor Giuseppe Piana gli fece segno di no con la testa. Ayrton fece marcia indietro. Piana incontrò un collega: «Non ci crederai, ho appena visto uscire Senna: piangeva ».
Chissà, forse in quel momento la giusta distanza scomparve. Tra il numero uno e il numero ultimo vi fu compassione, condivisione, trasporto. Forse Senna vide e intravide un altro se stesso in quel ragazzo testardo, senza mezzi, che aveva iniziato anche lui con i kart e che aveva la sua stessa età. Si rivide dilettante, in gara solo per il gusto di giocare e di sfidarsi, senza tanta tecnologia tra i piedi. Ayrton scrisse una lettera ai genitori di Roland, chiese a Williams se si potesse annullare la gara, nessuno sapeva se il giorno dopo sarebbe tornato in pista. Lo fece. «L’altro» lo aveva avvertito. Ayrton l’aveva sentito. Ma in mezzo tornò la giusta distanza. Un numero uno ha obblighi, impegni, presenze. Anche il viaggio di rientro fu diverso. Ayrton tornò in business class con un volo Varig, la madre aveva insistito perché la bara non viaggiasse nella stiva. Ai suoi funerali andò il mondo. A quelli di Roland andarono solo i piloti austriaci: Berger e Lauda che tenne il discorso di commiato. Roland viene sempre ricordato perché era l’altro. Nemmeno una persona, ma un’ombra, un presagio. Il fulmine prima del temporale. Il signor Ratzenberger ha altre due figlie: Gabi, 42 anni e Elisabeth, 21, e con la moglie Margit saranno in Italia per ricordare che vent’anni fa se ne andarono due ragazzi, anzi due piloti. «Vi ringrazio perché non avete dimenticato Roland. E benedico anche Ayrton per quella cosa lì». Quella cosa lì era la bandiera austriaca. Senna la nascose sotto la tuta, l’avrebbe fatta sventolare l’indomani. Gliela trovarono gli infermieri. Era morta anche la giusta distanza.

Avatar utente
Ombra84
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 25817
Iscritto il: sab mag 19, 2007 1:30 pm
Località: Anacapri

Re: Ayrton..

Messaggioda Ombra84 » mer mag 01, 2019 12:05 pm

Io quel weekend ero a Imola, quindi non credo che mi scorderò mai nulla.
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.
.

dsdifr ha scritto:Nel primo set della messa lei dichiarerà di voler sposare Istomin, poi piano piano Andreas riguadagnerà' terreno fino al lieto fine.

Avatar utente
Pindaro
Bibliofilo onnisciente
Messaggi: 63255
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm
Località: Iperuranio

Re: Ayrton..

Messaggioda Pindaro » mer mag 01, 2019 12:21 pm

balbysauro ha scritto:ho trovato queste parole su facebook

ovviamente non è un mettere l'importanza della morte di uno a confronto con quella dell'altro

ma mi fa piacere riportarle, forse perchè, come indole, mi sento sempre più dalla parte degli sconfitti che da quella dei vincenti (lo so, sono juventino, ma per fortuna c'è la Champions a surrogare il mio discorso sui perdenti).


«LA GIUSTA distanza». Così dice il signor Rudolf Ratzenberger, 81 anni. È il padre del milite ignoto della Formula Uno. Più semplicemente: il papà dell’altro, di Roland, morto nel giorno sbagliato. Sconosciuto ai più, un ragazzone austriaco di Salisburgo, senza troppa fortuna. «Ayrton e Roland si conoscevano, li aveva presentati il fisioterapista di Senna, austriaco anche lui. Ma mio figlio era rispettoso, capiva che c’era un divario, anzi un abisso, tra lui che era in F1 da 53 giorni e Ayrton da 10 anni». La giusta distanza tra un numero uno e un signor nessuno. Stessa età, 34 anni. Senna era il dio delle pole position, invece Roland faticava a qualificarsi, era al suo terzo tentativo. Senna aveva contratti miliardari, Roland pagava per correre, assunto a gettone. Il brasiliano guidava macchine, l’austriaco, come disse lui, «un cetriolo» che beccava 6 secondi dal primo. La Simtek, la sua scuderia, fino all’anno prima aveva costruito macchine da cucire. Ma Roland aveva volontà, voglia di fare e era proprio fissato con le macchine. Lo ricorda il padre: «Non siamo una famiglia ricca. Io ero un ex dirigente pensionistico, ma provateci voi a far cambiare idea ad un ragazzo che sin da quando aveva quattro anni vi ripete che farà il pilota. Il suo idolo era Lauda. A 12 si costruì la prima piccola macchina di legno con cui sfidò gli amici sui tornanti, a 17 riparò un vecchio Maggiolino con cui scorrazzava nei campi di un contadino. Lasciò la scuola professionale, si mise a fare il meccanico, poi l’istruttore e il collaudatore, lavorò anche in Italia, a Monza, dove l’avevano soprannominato “Rolando Topo di Montagna”. E con i suoi sacrifici si pagò l’ingresso in F1 ad un’età in cui oggi molti lasciano».
La giusta distanza c’è anche tra San Paolo e Salisburgo: 9.900 chilometri. Roland anche con Senna, la tenne fino all’ultimo. Morì prima, da scudiero, con 24 ore di anticipo, il 30 aprile, stesso Gp, stessa pista di Imola, curva Villeneuve. Il 30 aprile. Alla sua Simtek numero 32 si stacca l’ala anteriore, che si infila sotto la monoposto, la macchina va dritta verso il muretto a oltre trecento all’ora. Sette-otto testacoda, tre ruote volano via, poi torna in mezzo alla pista e striscia fino al tornante della Tosa. Dalla carcassa la testa di Ratzenberger si china di lato, un girasole spezzato. L’abitacolo è squarciato, la tuta bianca di Roland macchiata di rosso, all’altezza del braccio e della coscia sinistra. Terribile il resto: frattura della calotta cranica a metà, due vertebre spezzate, midollo danneggiato, milza spappolata. Nessuna funzione cerebrale, ma gli praticano lo stesso il massaggio cardiaco e lo portano all’ospedale in elicottero. Senna vede il replay dell’incidente ai box. Si toglie il casco (che 24 ore dopo toglieranno a lui), fa un lungo sospiro, una smorfia di dolore, è turbato. Vuole vedere, sapere, sale su una macchina di servizio e si fa condurre alla curva Villeneuve. «Non si può». È un gesto per cui la Fia lo multa. Ayrton parla con Sid Watkins, il medico federale, che gli dice: «Non ci sono speranze». Senna è colpito, non vuole più gareggiare, Sid, che è suo amico, gli sussurra: «Molliamo tutto e andiamo a pescare». Non posso, è la risposta.
I genitori di Roland sono in vacanza in Messico, nessuno li avvisa. Il papà vede alla tv che c’è stato un incidente, non capisce la lingua, ma intuisce. «Ricordai la sua ultima telefonata alla mamma: è una pista pericolosa, se si sbaglia, si rischia troppo, ho una povera macchina, freni non adatti». Roland morì sul colpo, come dimostrò l’autopsia, ma tutti fecero finta di niente, altrimenti l’impianto sarebbe dovuto andare sotto sequestro e il Gp sospeso. Senna arrivò in ospedale due ore dopo, il dottor Giuseppe Piana gli fece segno di no con la testa. Ayrton fece marcia indietro. Piana incontrò un collega: «Non ci crederai, ho appena visto uscire Senna: piangeva ».
Chissà, forse in quel momento la giusta distanza scomparve. Tra il numero uno e il numero ultimo vi fu compassione, condivisione, trasporto. Forse Senna vide e intravide un altro se stesso in quel ragazzo testardo, senza mezzi, che aveva iniziato anche lui con i kart e che aveva la sua stessa età. Si rivide dilettante, in gara solo per il gusto di giocare e di sfidarsi, senza tanta tecnologia tra i piedi. Ayrton scrisse una lettera ai genitori di Roland, chiese a Williams se si potesse annullare la gara, nessuno sapeva se il giorno dopo sarebbe tornato in pista. Lo fece. «L’altro» lo aveva avvertito. Ayrton l’aveva sentito. Ma in mezzo tornò la giusta distanza. Un numero uno ha obblighi, impegni, presenze. Anche il viaggio di rientro fu diverso. Ayrton tornò in business class con un volo Varig, la madre aveva insistito perché la bara non viaggiasse nella stiva. Ai suoi funerali andò il mondo. A quelli di Roland andarono solo i piloti austriaci: Berger e Lauda che tenne il discorso di commiato. Roland viene sempre ricordato perché era l’altro. Nemmeno una persona, ma un’ombra, un presagio. Il fulmine prima del temporale. Il signor Ratzenberger ha altre due figlie: Gabi, 42 anni e Elisabeth, 21, e con la moglie Margit saranno in Italia per ricordare che vent’anni fa se ne andarono due ragazzi, anzi due piloti. «Vi ringrazio perché non avete dimenticato Roland. E benedico anche Ayrton per quella cosa lì». Quella cosa lì era la bandiera austriaca. Senna la nascose sotto la tuta, l’avrebbe fatta sventolare l’indomani. Gliela trovarono gli infermieri. Era morta anche la giusta distanza.

Ecco, sempre pensato che Ratzenberger oltre la sfortuna di morire abbia avuto quella che gli accadesse poche ore prima di Senna.
E d'altra parte fa ancora più impressione e sgomento constatare che Senna sia morto nonostante l'avvertimento di Ratzenberger, nonostante lo stesso Senna in qualche modo sentisse o presagisse qualcosa. E volesse annullare tutto.
Rimane la gravissima colpa della Formula uno in quanto entità, business e circo. Che DOVEVA annullare tutto.
The Show Must Go on è retorica per persone vuote e inumane.
Non c'era nulla da continuare. E Senna, almeno lui, si sarebbe salvato.
Johnny Rex ha scritto:..Nun la Reggae più

ThePiper
FooLminato
Messaggi: 10806
Iscritto il: gio lug 21, 2011 6:01 pm

Re: Ayrton..

Messaggioda ThePiper » mer mag 01, 2019 2:19 pm

Credo che Ratzenberger sarebbe ancora meno ricordato di così senza la morte di Senna come molti dei morti che ci son stati fino al 1982. Invece questo filo che lega i due avvenimenti, con le varie storie vere o presunte che ci son state dietro, porta inevitabilmente alla mente anche la vicenda dello sfortunato austriaco.

Sul fatto che non dovessero correre mi pare una eresia ed è un po' figlia di questa deriva pseudo umanistica degli ultimi anni, visto che fino a 12 anni prima (non dimenticando la morte di De Angelis avvenuta in un test a cavallo fra Paletti e Ratzenberger) la morte era vista come un evento quasi "normale" in uno sport dove comunque l'uomo va a 300 all'ora. Poi il fatto che ci fossero dei contraccolpi particolari credo fosse una cosa anche figlia del fatto che quella generazione di piloti non aveva praticamente avuto a che fare con la morte.

Al limite la vigliaccata fu che al sabato si resuscitò Ratzenberger, chiaramente morto sul colpo, per qualche minuto giusto per non dichiararlo morto in pista, cosa che credo avrebbe bloccato tutto per via della legge italiana.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 54945
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Ayrton..

Messaggioda tennisfan82 » mer mag 01, 2019 2:54 pm

E i morti in quel weekend potevano essere 3....

Per non farsi mancare nulla in gara durante un pit stop la Minardi di Alboreto perse una gomma fissata male e colpì 4 meccanici della Ferrari.

Dopo quell'episodio si decise di introdurre un limite di velocità in pitlane.

E nella gara successiva a Montecarlo ci fu un altro terribile incidente a Wendlinger che restò un mese in coma.
Ultima modifica di tennisfan82 il mer mag 01, 2019 3:01 pm, modificato 4 volte in totale.
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome


Torna a “Altri Sport”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite