preparazione atletica

Sotto-sezione del forum Area Tecnica dedicata alla tecnica e alla tattica
Avatar utente
raffanada
Membro
Messaggi: 254
Iscritto il: sab lug 23, 2005 12:14 pm
Località: rehab
Contatta:

preparazione atletica

Messaggioda raffanada » lun lug 30, 2007 3:40 pm

come mai non si parla mai di preparazione atletica, nel tennis serve sopratutto un lavoro alattacido, ovvero massimo sforzo con brevi tempi di recupero che devono smaltire l'acido lattico formatasi durante l'attività, magari di uno scambio..
voi come vi preparate?
quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il fucile, l'uomo con la pistola è un uomo morto.

cardillo
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 834
Iscritto il: ven nov 10, 2006 8:15 pm
Località: sapri - fisciano (salerno)

Messaggioda cardillo » lun lug 30, 2007 9:39 pm

prima c'era un topic che parlava di questo, ma non so che fine abbia fatto.

Avatar utente
MaoTzeTung
Matricola
Messaggi: 114
Iscritto il: mer lug 25, 2007 10:27 am
Località: Firenze
Contatta:

Re: preparazione atletica

Messaggioda MaoTzeTung » ven ago 10, 2007 1:57 pm

raffanada ha scritto:come mai non si parla mai di preparazione atletica, nel tennis serve sopratutto un lavoro alattacido, ovvero massimo sforzo con brevi tempi di recupero che devono smaltire l'acido lattico formatasi durante l'attività, magari di uno scambio..
voi come vi preparate?


Un buon allenamento per l'adattamento alla produzione ed allo smaltimento dell'acido lattico possono essere le corse in salita, sia tratti brevi (30-50 metri) sia tratti piu' lunghi (60-100 metri), oppure alternare corsa lenta (tratti brevi di una decina di metri) con corse al massimo (tratti lunghi del doppio).
Immagine

veterano
Membro
Messaggi: 205
Iscritto il: gio lug 19, 2007 2:08 pm

Messaggioda veterano » ven ago 10, 2007 2:18 pm

personalmente nella fase invernale dedico piu tempo alla preparazione atletica che al tennis che gioco per due ore alla settimana.........faccio 4 giorni alla settimana in palestra alternando 50 minuti di corsa lenta o bici o bicicletta ellittica e 30 minuti di pesi.A volte faccio piu pesi allenando i gruppi muscolari piu grandi e con meno tempo per la corsa......al primo mese uso pesi leggeri facendo 3 serie con 10 ripetizioni cada serie ,verso la fine dell' inverno mi dedico ad alzare pesi piu pesanti con meno serie e ripetizioni,e alternando la corsa leggera a sprint di 20 o 30 metri al massimo della velocita'.seguendo bene questo programma e una dieta giusta mi ritrovo in formissima per la primavera.spero di essere stato utile a qualcuno ......Ciao a tutti

Avatar utente
raffanada
Membro
Messaggi: 254
Iscritto il: sab lug 23, 2005 12:14 pm
Località: rehab
Contatta:

Messaggioda raffanada » gio ago 16, 2007 7:37 pm

adesso da ieri sto correndo.
20 minuti, 30 oggi.
secondo me con un due settimane di fondo, anche meno, si può iniziare già con il fartlek, prima libero, poi magari 12 minuti a 30-30... è una prova perchè la preparazione vera la farò a marzo..
da adesso solo forza. e tennis :D
quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il fucile, l'uomo con la pistola è un uomo morto.

Avatar utente
alcol
Massimo Carbone
Messaggi: 16589
Iscritto il: ven apr 15, 2005 8:53 pm

Messaggioda alcol » ven ago 17, 2007 12:52 am

in realtà fine ago-sett-ottobre andrebbe fatto un introduttivo con obiettivi primari capacità aerobica(quindi corsa continua "lenta" di una mezzoretta oppure frazionati tipo 5-6 volte i 1000mt, 4x1500 mt, 3x2000 mt...) e forza veloce (a circuito o potenziamento dinamico in salita),con sedute in mezzo di propiocettiva per scarico, andature,addominali, muscolazione in genere delle braccia(con o senza pesi)e qualche seduta di movimenti speciali(i volgari "spostamenti" laterali,avanti-avanti, avanti-indietro...a serie) magari a circuito...poi da novembre inserirei parti di potenza aerobica (fartlek medio-lunghi, frazionati tipo 300mt), sedute di pesi per le gambe e di forza in genere(balzi,gradoni,...)...

Avatar utente
picard
FooLminato
Messaggi: 13617
Iscritto il: ven set 06, 2002 2:00 am
Località: nebbie parmigiane
Contatta:

Messaggioda picard » dom ago 26, 2007 10:18 am

Erasmo_10 ha scritto:Ciao a tutti,

volevo chiedervi alcuni suggerimenti per quanto riguarda da una parte il riscaldamento pre-partita. Sempre più spesso mi capita di avvertire un risentimento muscolare al braccio (articolazione del gomito) dopo un po' che gioco.
Credo che la cosa sia dovuta ad un insufficiente e/o errato riscaldamento e anche ad un allenamento carente.
Mi piace tirar forte ma forse la tecnica dei colpi non è così perfetta. Questo, unito alle considerazioni di cui sopra, determina il problema muscolare al braccio (almeno credo...).
Che esercizi di potenziamento muscolare potrei fare ? Prima di giocare che tecniche di riscaldamento mi consigliate ? L'obiettivo è quello di far sparire il dolore che mi preoccupa molto (la cosa potrebbe peggiorare e/o cronicizzarsi) e che condiziona la partita.

Grazie

Andrea




sotomayor ha scritto:Ciao dai un'occhiata qui: http://www.sportmedicina.com/ginnastica_gomito.htm
prova a fare questi esercizi. Cominci con pesi molto leggeri poi con il tempo se vuoi aumenta progressivamente.
Secondo me sono molto utili. Cià.

'To boldly go where no one has gone before'
Immagine Ciao Sig. Valerio

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21861
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Messaggioda alessandro » dom ago 26, 2007 12:13 pm

io nella fase pre stagionale mi preparavo cosi': http://www.desenzano.com/allenamentocorsa.doc
se qualcosa non e' chiaro, chiedete pure.

Funziona alla grande!!

con 3 sedute settimanali, 3 volt ein palestra e 2-3 or edi tennis.

se era giorno di corsa, magari in palestra mi concentravo su braccia e busto.

magari quest'inverno mi ci rimetto...
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

veterano
Membro
Messaggi: 205
Iscritto il: gio lug 19, 2007 2:08 pm

Messaggioda veterano » lun ago 27, 2007 9:29 pm

Qualcuno mi spiega cosa sono i fartleck.......grazie

Avatar utente
alcol
Massimo Carbone
Messaggi: 16589
Iscritto il: ven apr 15, 2005 8:53 pm

Messaggioda alcol » lun ago 27, 2007 9:45 pm

la corsa con variazioni di ritmo un fartlek 1'-3' ad esempio è una corsa in cui alterni 1' più veloce a 3 minuti più lenti

pietrobuda
Matricola
Messaggi: 83
Iscritto il: gio lug 04, 2002 2:00 am

Messaggioda pietrobuda » mer ago 29, 2007 11:24 am

alessandro ha scritto:io nella fase pre stagionale mi preparavo cosi': http://www.desenzano.com/allenamentocorsa.doc
se qualcosa non e' chiaro, chiedete pure.

Funziona alla grande!!

con 3 sedute settimanali, 3 volt ein palestra e 2-3 or edi tennis.

se era giorno di corsa, magari in palestra mi concentravo su braccia e busto.

magari quest'inverno mi ci rimetto...


Alessandro, grazie 1000...

hai anche un programma di esercizi per palestra?

Ciao

miguel
Gran Maestro
Messaggi: 1273
Iscritto il: lun apr 24, 2006 12:24 pm
Località: torino

Messaggioda miguel » mer ago 29, 2007 2:59 pm

se avete due figli maschi piccoli come il sottoscritto la preparazione atletico/muscolare é assicurata... si va dagli scatti per impedire che si ammazzino da qualche parte ai piegamenti per raccogliere decine di volte al giorno quello che lasciano per terra sino al potenziamento muscolare dovuto al fatto che li alzi e li abbassi da terra non so quante volte in una giornata...

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21861
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Messaggioda alessandro » dom set 02, 2007 6:45 pm

pietrobuda ha scritto:
alessandro ha scritto:io nella fase pre stagionale mi preparavo cosi': http://www.desenzano.com/allenamentocorsa.doc
se qualcosa non e' chiaro, chiedete pure.

Funziona alla grande!!

con 3 sedute settimanali, 3 volt ein palestra e 2-3 or edi tennis.

se era giorno di corsa, magari in palestra mi concentravo su braccia e busto.

magari quest'inverno mi ci rimetto...


Alessandro, grazie 1000...

hai anche un programma di esercizi per palestra?

Ciao


se vai in palestra, c'e' sempre l'istruttore diplomato isef e ti fai fare un programma a seconda dell etue esigenze.

per il fartlek, in pratica, corri continuando a variare la velocita', magari saltando le buche, accelerando e alternado pezzi di corsetta piu' leggera, "scartando" gli alberi, saltando le panchine, un po' come ti senti.
anche per modificarel'andatura del cuore.
vuol dire "corsa gioiosa". divertiti.

puo' essere utile usare un cardiofrequenzimetro.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
alcol
Massimo Carbone
Messaggi: 16589
Iscritto il: ven apr 15, 2005 8:53 pm

Messaggioda alcol » lun set 03, 2007 12:06 am

corsa gioiosa?saltare gli alberi? :lol: :lol: :lol: :lol:

esempio di fartlek:1' veloce 3' lenti alternati per 20'...poi si aumenta la parte veloce e si riduce quella lenta...in linea teorica...

fare scatti d'inverno senza tornei serve a poco, soprattutto 10-15 mt...
bisogna fare un periodo capacità aerobica+forza,poi forza+potenza aerobica+velocità dopo,...ma è troppo lungo da spiegare in 2 righe su di un forum...e non C'ho voglia...
MyMag si divide in due categorie: chi parla di tennis e chi sparla di tennisti.(cit)

Partito anti-poltronati

Qui siamo uno step più avanti

Avatar utente
picchio000
Gran Maestro
Messaggi: 1353
Iscritto il: mer apr 12, 2006 9:30 am
Contatta:

Messaggioda picchio000 » lun set 03, 2007 4:02 pm

miguel ha scritto:se avete due figli maschi piccoli come il sottoscritto la preparazione atletico/muscolare é assicurata... si va dagli scatti per impedire che si ammazzino da qualche parte ai piegamenti per raccogliere decine di volte al giorno quello che lasciano per terra sino al potenziamento muscolare dovuto al fatto che li alzi e li abbassi da terra non so quante volte in una giornata...


:lol: :lol: :lol: ...quanto ti capisco!!!!! anche se io devo stare dietro solo ad uno.....per il momento!!!! :wink:
WWF : windshield wiper forehand....un colpo da proteggere!!!!!!!! #100#

"ma tu tra una bella partita combattuta vinta al terzo e una nottata con me, cosa sceglieresti?

E io con lo sguardo pensieroso ma con voce ferma risposi: "che turno?"

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21861
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Messaggioda alessandro » lun set 03, 2007 6:09 pm

alcol ha scritto:corsa gioiosa?saltare gli alberi? :lol: :lol: :lol: :lol:

esempio di fartlek:1' veloce 3' lenti alternati per 20'...poi si aumenta la parte veloce e si riduce quella lenta...in linea teorica...

fare scatti d'inverno senza tornei serve a poco, soprattutto 10-15 mt...
bisogna fare un periodo capacità aerobica+forza,poi forza+potenza aerobica+velocità dopo,...ma è troppo lungo da spiegare in 2 righe su di un forum...e non C'ho voglia...


ho scritto SCARTARE non saltare gli alberi. :wink:
fartlek Fartlek è un termine svedese che significa "gioco di velocità" (speed play) ed è una tipologia di allenamento che mette sotto sforzo principalmente il sistema aerobico grazie alla natura continua dell'esercizio. La differenza tra questo tipo di allenamento e l'allenamento continuo sta nel fatto che l'intensità o la velocità del'esercizio varia, ciò significa che il sistema aerobico e anaerobico sono messi sotto sforzo alternativamente. La maggior parte delle sessioni di Fartlek durano almeno 45 minuti e possono variare dalla camminata aerobica allo scatto anaerobico. L'allenamento Fartlek è generalmente associato con la corsa, ma può includere praticamente qualunque tipo di esercizio compresi il ciclismo, il canottaggio o il nuoto.

e poi la scheda non l'ho mica fatta io, e' stata preparata da pino carnovale. il piu' famoso e preparato preparatore atletico per il tennis in italia.

poi la scheda dura quasi 4 mesi e si puo' allungare di alto paio di settimane. vuol dire che se la cominci a dicembre arrivi ad Aprile ( quando gli NC cominciano i tornei).

io di solito la iniziavo con il torneo di Milno e la finivo al torneo di Montecarlo.

naturalmente non e' una cosa per professionisti. ma se la porti a termine, sei pronto.

se poi mi parli di gente che ha ambizioni di vincer ei tornei per qualificati, e' un'altra storia.

ma se uno e' una persona normale, con un paio di ore al giorno da dedicare al tennis tra preparazione e gioco, e' un'ottima scheda.

3 ore di palestra, 3 sedute della scheda ( che richiede circa un'ora tra corsa e allungamenti post corsa e 3 ore di tennis )

popi io a aprile lascio la palestra e gioco di piu' a tennis. un pro fa palestra tutto l'anno.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
alcol
Massimo Carbone
Messaggi: 16589
Iscritto il: ven apr 15, 2005 8:53 pm

Messaggioda alcol » lun set 03, 2007 6:21 pm

è chiaro che tutto va rapportato :wink:
il problema è che "fare palestra" vuol dire tutto e niente, fartlek vuol dire tutto e niente...se uno non gestisce e programma durate,carichi,serie,recuperi...fa tanto per fare alla fine(che certamente a livello amatoriale è meglio che non fare nulla)
ad esempio, le classiche "serie da 10" se le fai in periodo di tornei sono più dannose che altro...
MyMag si divide in due categorie: chi parla di tennis e chi sparla di tennisti.(cit)

Partito anti-poltronati

Qui siamo uno step più avanti

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21861
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Messaggioda alessandro » mer set 05, 2007 2:31 pm

alcol ha scritto:è chiaro che tutto va rapportato :wink:
il problema è che "fare palestra" vuol dire tutto e niente, fartlek vuol dire tutto e niente...se uno non gestisce e programma durate,carichi,serie,recuperi...fa tanto per fare alla fine(che certamente a livello amatoriale è meglio che non fare nulla)
ad esempio, le classiche "serie da 10" se le fai in periodo di tornei sono più dannose che altro...


fai conto che un tennista da club, fa magari 3 tornei l'anno.

be' , per la palestra, ho scritto di farsi seguire dal preparatore che c'e' sempre in palestra, di solito diplomato ISEF.

di solito si lavora prima per preparare il fisico, con le ripetizioni da 10, poi le piramidi per la forza massimale, poi mammano che ci si avvicina al periodo dei tornei, sulla forza veloce e agilita'.

per il tennis serve la "resistenza alla forza veloce", cosadifficile da raggiungere e molto complicato matenere.

per la palestra, ci vuole uno che ti segua nell'evoluzione.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21861
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Messaggioda alessandro » mer set 05, 2007 2:33 pm

comunque la scheda funziona.

se qualcuno la prova, mi tenga informato, che posso consigliare.
e poi e' divertente, molto piu' divertente della semplice corsa.

ciao
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
picchio000
Gran Maestro
Messaggi: 1353
Iscritto il: mer apr 12, 2006 9:30 am
Contatta:

Messaggioda picchio000 » mer apr 30, 2008 10:53 am

Da qualche tempo sto seguendo delle lezioni di Pump, ovvero si fa lavorare a ritmo di musica un gruppo muscolare alla volta per circa 4 minuti, con l'aiuto di un bilanciere poco carico, e si eseguono ripetute a diverso ritmo per 4 minuti appunto. Ora il lavoro che si fa è per lo più di resistenza, perchè anche se il carico è basso ripetere per 4 minuti il gesto è davvero faticoso, quello che mi chiedo...un laoro del genere è utile ai fii tennistici???

Considerate che i gruppi muscolari sono conivolti tutti singolarmente, quindi gambe, dorsali, bicipiti, tricipiti, gluteri, addominali.
WWF : windshield wiper forehand....un colpo da proteggere!!!!!!!! #100#



"ma tu tra una bella partita combattuta vinta al terzo e una nottata con me, cosa sceglieresti?



E io con lo sguardo pensieroso ma con voce ferma risposi: "che turno?"

BigHead
Membro
Messaggi: 200
Iscritto il: mar gen 09, 2007 8:22 pm
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda BigHead » mer apr 30, 2008 5:09 pm

picchio000 ha scritto:Da qualche tempo sto seguendo delle lezioni di Pump, ovvero si fa lavorare a ritmo di musica un gruppo muscolare alla volta per circa 4 minuti, con l'aiuto di un bilanciere poco carico, e si eseguono ripetute a diverso ritmo per 4 minuti appunto. Ora il lavoro che si fa è per lo più di resistenza, perchè anche se il carico è basso ripetere per 4 minuti il gesto è davvero faticoso, quello che mi chiedo...un laoro del genere è utile ai fii tennistici???

Considerate che i gruppi muscolari sono conivolti tutti singolarmente, quindi gambe, dorsali, bicipiti, tricipiti, gluteri, addominali.


Sì è utile perché allena la resistenza muscolare locale, che è utile negli sport di resistenza, e pian piano aumenta anche la forza (se gradualmente aumenti i pesi).

Avatar utente
infinitejest
Gran Maestro
Messaggi: 1359
Iscritto il: ven set 16, 2005 1:04 pm
Località: la città del "vasa-vasa"

Messaggioda infinitejest » mar giu 02, 2009 12:55 pm

Sapreste consilgliarmi degli integratori fatti in casa ?

Con il caldo l'acqua da sola non basta, come reintegrarsi senza necessariamente ricorrere ai prodotti pubblicizzati in giro ?
Immagine

Satrapo
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 785
Iscritto il: dom feb 18, 2007 2:33 pm

Messaggioda Satrapo » mar giu 02, 2009 2:44 pm

infinitejest ha scritto:Sapreste consilgliarmi degli integratori fatti in casa ?

Con il caldo l'acqua da sola non basta, come reintegrarsi senza necessariamente ricorrere ai prodotti pubblicizzati in giro ?


Ai "miei tempi" il medico sportivo ci somministrava bevande preparate con l'aggiunta di sodio-magnesio-potassio ma in concentrazione decisamente basse se paragonate a quelle degli integratori in commercio.

Non rammento i dosaggi ma l'obiettivo era quello di ottenere una bevanda IPOtonica e non ISOtonica. Non essendo un medico non saprei dare indicazioni più precise ma ricordo che una bevanda IPOtonica aveva tempi di assimilazione molto più rapidi rispetto ad una ISOtonica e quindi durante lo sforzo era da preferire.

Molto importante e caldamente consigliata era anche la pre-idratazione, ovvero l'assunzione di liquidi 15-20 minuti prima dell'inizio del match. Quantità non eccessive ovviamente, intorno ai 250 ml.

Ripeto tutto ciò non rientra nelle mie conoscenze dirette quindi mi limito a riportare quanto mi è stato proposto, il consiglio è sempre quello di rivolgersi a chi abbia competenze specifiche in materia. (medico sportivo)

Avatar utente
infinitejest
Gran Maestro
Messaggi: 1359
Iscritto il: ven set 16, 2005 1:04 pm
Località: la città del "vasa-vasa"

Messaggioda infinitejest » mer giu 03, 2009 9:14 am

Satrapo ha scritto:
infinitejest ha scritto:Sapreste consilgliarmi degli integratori fatti in casa ?

Con il caldo l'acqua da sola non basta, come reintegrarsi senza necessariamente ricorrere ai prodotti pubblicizzati in giro ?


Ai "miei tempi" il medico sportivo ci somministrava bevande preparate con l'aggiunta di sodio-magnesio-potassio ma in concentrazione decisamente basse se paragonate a quelle degli integratori in commercio.

Non rammento i dosaggi ma l'obiettivo era quello di ottenere una bevanda IPOtonica e non ISOtonica. Non essendo un medico non saprei dare indicazioni più precise ma ricordo che una bevanda IPOtonica aveva tempi di assimilazione molto più rapidi rispetto ad una ISOtonica e quindi durante lo sforzo era da preferire.

Molto importante e caldamente consigliata era anche la pre-idratazione, ovvero l'assunzione di liquidi 15-20 minuti prima dell'inizio del match. Quantità non eccessive ovviamente, intorno ai 250 ml.

Ripeto tutto ciò non rientra nelle mie conoscenze dirette quindi mi limito a riportare quanto mi è stato proposto, il consiglio è sempre quello di rivolgersi a chi abbia competenze specifiche in materia. (medico sportivo)


Grazie Satrapo. Prezioso il consiglio sulla pre-idratazione.
Immagine

Avatar utente
locanton1
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 774
Iscritto il: dom mar 26, 2006 12:13 pm
Località: Ariano Irpino
Contatta:

Re: preparazione atletica

Messaggioda locanton1 » ven gen 07, 2011 7:00 pm

vorrei un pò di consigli su come impostare una buona preparazione atletica, ho 20 anni e sono 4.1, non ho particolari problemi per quanto riguarda il numero degli allenamenti... a tennis solitamente mi alleno dal lunedì al venerdì 2 ore 4/5 volte a settimana.
Immagine

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 13406
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: preparazione atletica

Messaggioda paoolino » ven nov 15, 2013 7:27 pm

Se in giornate di pioggia in cui non posso né giocare a tennis né andare a correre volessi allenarmi saltando con la corda, quanto e come?
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Avatar utente
PKK
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 869
Iscritto il: mar giu 07, 2005 12:18 am

Re: preparazione atletica

Messaggioda PKK » ven nov 15, 2013 10:46 pm

Piedi alternati o piedi pari fino a quando non stramazzi a terra!! La corda è molto allenante!!

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: preparazione atletica

Messaggioda ciccio » ven nov 15, 2013 10:51 pm

paoolino ha scritto:Se in giornate di pioggia in cui non posso né giocare a tennis né andare a correre volessi allenarmi saltando con la corda, quanto e come?

qualunque esercizio con la corda è buono, ci sono anche dei bei video su youtube in propsosito
ovvio che PKK che è un sadico ti vuole morto :D
invece si parte con poco e si cresce piano piano perchè la corda mena, mena tanto, è faticosa e molto utile, a patto che non si esageri
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 13406
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: preparazione atletica

Messaggioda paoolino » ven nov 15, 2013 11:02 pm

Infatti oggi ho fatto circa 15 minuti (interrompendomi solo quando mi impappinavo, cosa che è avvenuta abbastanza spesso. Serie più lunga 55 salti.) e ricominciando quasi immediatamente e mi sono sentito come quando faccio 1h e 15' di corsa.

Volevo sapere se avete consigli su come distribuire i tempi d'esercizio, non so: provare a fare serie da 1 minuto e mezzo e 30 secondi di recupero tra una serie e l'altra, serie più breve o più lunga; recupero più breve o più lungo, fare come ho descritto sopra...
Dite, dite :)

Ho visto su youtube un video di Mayweather :o
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 65321
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: preparazione atletica

Messaggioda balbysauro » ven nov 15, 2013 11:08 pm

ciccio ha scritto:la corda mena, mena tanto, è faticosa

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 21862
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: preparazione atletica

Messaggioda NNick87 » ven nov 15, 2013 11:15 pm

paoolino ha scritto:Infatti oggi ho fatto circa 15 minuti (interrompendomi solo quando mi impappinavo, cosa che è avvenuta abbastanza spesso. Serie più lunga 55 salti.) e ricominciando quasi immediatamente e mi sono sentito come quando faccio 1h e 15' di corsa.

Volevo sapere se avete consigli su come distribuire i tempi d'esercizio, non so: provare a fare serie da 1 minuto e mezzo e 30 secondi di recupero tra una serie e l'altra, serie più breve o più lunga; recupero più breve o più lungo, fare come ho descritto sopra...
Dite, dite :)

Ho visto su youtube un video di Mayweather :o


Dipende da cosa vuoi fare. Se vuoi incrementare la resistenza dovresti optare per serie non troppo lunghe e tempi di recupero brevi, in pratica non devi recuperare del tutto prima di iniziare la serie successiva. Io farei 30 secondi a ritmo rapido e poi tra i 15 e i 30 di recupero a seconda del tuo livello di allenamento. Questo per boh 7 o 8 ripetizioni.
Sto andando a caso, eh!! :D

ps: io sapevo che 5 minuti di corda son come 20-25 minuti di corsa.
balbysauro ha scritto:scusa nickognito, ma continui ad aggirare il punto

Avatar utente
ciccio
Massimo Carbone
Messaggi: 15623
Iscritto il: mar ago 28, 2007 4:33 pm
Località: vagabondo

Re: preparazione atletica

Messaggioda ciccio » ven nov 15, 2013 11:34 pm

paoolino ha scritto:Infatti oggi ho fatto circa 15 minuti (interrompendomi solo quando mi impappinavo, cosa che è avvenuta abbastanza spesso. Serie più lunga 55 salti.) e ricominciando quasi immediatamente e mi sono sentito come quando faccio 1h e 15' di corsa.

Volevo sapere se avete consigli su come distribuire i tempi d'esercizio, non so: provare a fare serie da 1 minuto e mezzo e 30 secondi di recupero tra una serie e l'altra, serie più breve o più lunga; recupero più breve o più lungo, fare come ho descritto sopra...
Dite, dite :)

Ho visto su youtube un video di Mayweather :o

non sono un esperto, anzi, la mia panza lo conferma :( ,
ma da quel poco che ne sò
ci si ferma appena le gambe cominciano a far male e si mantiene quel tempo per una settimana
ci si riposa il sufficiente che consenta di fare il prossimo esercizio con la stessa durata, ci vogliono alcune sedute per capirlo
3-4 esercizi sono inizialemente sufficienti
La seconda settimana si aumenta di 1/10 il tempo di ogni esercizio mantendendo lo stesso tempo di risposo
E ogni settimana c'è 1/10 di aumento finchè si raggiunge il proprio limite
Poi si riducono i tempi di risposo
Da lì in poi è passare a esercizi sempre più difficili, ma senza aumentare nè limiti di tempo nè tempi di riposo
approccio concreto e pragmatico, frutto di esperienze, anche pesanti, maturate sul campo in contrapposizione con l'attitudine salottiera di questi utenti, perfettamente in linea con tanto mondo internettiano fatto di presunti esperti da tastiera. (cit.)


Torna a “Tecnica & Tattica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti